Agosto 8, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli Stati Uniti avvertono la Cina di non trasformare il previsto viaggio di Pelosi a Taiwan in una "crisi"

Gli Stati Uniti avvertono la Cina di non trasformare il previsto viaggio di Pelosi a Taiwan in una “crisi”

WASHINGTON – Gli Stati Uniti lunedì hanno avvertito la Cina di non rispondere Un viaggio anticipato a Taiwan della presidente della Camera Nancy Pelosi Con provocazioni militari anche se i funzionari statunitensi hanno cercato di rassicurare Pechino sul fatto che una visita del genere non sarebbe stata la prima nel suo genere e non avrebbe rappresentato alcun cambiamento nella politica nei confronti della regione.

Con le tensioni in aumento alla vigilia dell’imminente arrivo della Pelosi a Taipei, la Casa Bianca ha affermato di essere preoccupata per il fatto che la Cina possa lanciare missili nello Stretto di Taiwan, inviare aerei da guerra nella zona di difesa aerea di Taiwan o organizzare attività navali o aeree su larga scala che attraversano le linee convenzionali .

“Non c’è motivo per cui Pechino trasformi una potenziale visita coerente con la politica statunitense di lunga data in una sorta di crisi o conflitto, o la usi come pretesto per aumentare l’attività militare aggressiva dentro o intorno allo Stretto di Taiwan”, ha affermato John F. Lo ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale. Ha aggiunto: “Nel frattempo, le nostre azioni non rappresentano una minaccia e non aprono nuovi orizzonti. Nulla in questa potenziale visita – la possibile visita, che, per inciso, ha un precedente – cambierebbe lo status quo”.

Ma Pechino ha chiarito di non essere rassicurata. “Vorremmo dire ancora una volta agli Stati Uniti che la Cina è al suo fianco, l’Esercito popolare di liberazione cinese non starà mai a guardare e la Cina adotterà risposte risolute e forti contromisure per difendere la sua sovranità e integrità territoriale”, Zhao Lijian , ha detto ai giornalisti un portavoce del ministero degli Esteri. “Per quanto riguarda le misure, se hai il coraggio di andare, aspettiamo e vediamo”.

La situazione di stallo sulla visita del portavoce ha sollevato la tensione su entrambe le sponde del Pacifico in un momento in cui gli Stati Uniti sono già impegnati ad aiutare l’Ucraina a combattere l’invasione russa. Anche se lunedì stavano cercando di evitare uno scontro in Asia, il Segretario di Stato Anthony J. Spedizione di armi per un valore di 550 milioni di dollari in Ucraina.

READ  Come Bellingcat usa TikTok per indagare sulla guerra in Ucraina - 60 minuti

Mentre i funzionari militari, dell’intelligence e diplomatici che hanno informato la signora Pelosi prima della sua partenza per l’Asia hanno avvertito che uno scalo a Taiwan potrebbe incitare a una risposta che potrebbe sfuggire al controllo, il presidente Biden si è astenuto dal esortarla a non deviare dal rispetto per il suo status. Come capo di un ramo di governo separato e uguale.

in Telefonata Con il presidente cinese Xi Jinping la scorsa settimana, il signor Biden ha chiarito di non avere alcun controllo sulla signora Pelosi e, in quanto ex membro del Congresso di lunga data, ha rispettato il suo diritto di prendere le proprie decisioni. Ma i funzionari statunitensi temono che la Cina non accetti di non avere il potere di fermarlo.

Il signor Blinken ha sottolineato questo punto lunedì. “La portavoce deciderà da sola se visitare o meno Taiwan”, ha detto. Il Congresso è un ramo del governo indipendente e paritario. La decisione è in tutto e per tutto.

Ha aggiunto che i membri del Congresso si recano regolarmente a Taiwan, anche all’inizio di quest’anno. “Quindi, se il portavoce decide di visitare e la Cina cerca di creare una sorta di crisi o di aumentare le tensioni, sarà tutto su Pechino”, ha detto Blinken. “Stiamo cercando loro, se dovessi decidere di visitare, agire in modo responsabile e non essere coinvolto in alcuna escalation in futuro”.

La Pelosi, arrivata lunedì a Singapore, non ha confermato ufficialmente il suo piano di fermarsi a Taiwan, adducendo problemi di sicurezza. Ma i rapporti locali a Taiwan hanno detto che i funzionari avevano detto che sarebbe arrivato martedì sera o mercoledì mattina ora locale. Inizialmente aveva programmato di visitare Taiwan ad aprile, ma ha cancellato quel viaggio dopo essere risultata positiva al coronavirus.

I funzionari statunitensi che monitorano i rapporti dell’intelligence si sono convinti negli ultimi giorni che la Cina stia preparando una risposta ostile di qualche tipo: non un attacco diretto a Taiwan o un tentativo di intercettare l’aereo della signora Pelosi, come alcuni temono, ma un’affermazione di potenza militare che ha superato anche i confronti aggressivi degli ultimi mesi. . Alcuni hanno indicato la crisi dello Stretto di Taiwan nel 1995 e nel 1996, quando la Cina lanciò missili per intimidire l’isola autonoma e il presidente Bill Clinton ordinò alle portaerei di entrare nell’area.

READ  Le ultime notizie della guerra tra Russia e Ucraina: aggiornamenti in tempo reale

Gli analisti hanno affermato che un conflitto simile potrebbe essere più pericoloso oggi perché l’Esercito popolare di liberazione è molto più forte di allora, ora armato di missili in grado di eliminare le portaerei. La preoccupazione è che, anche se non c’è una lotta intenzionale, il confronto occasionale può facilmente sfuggire di mano.

“Questa è una situazione molto pericolosa, forse anche più che in Ucraina”, ha affermato Evan Medeiros, esperto di Cina alla Georgetown University ed ex consigliere del presidente Barack Obama per l’Asia. “I rischi di escalation sono immediati e significativi”.

Alla Casa Bianca, Kirby non ha detto se i servizi segreti statunitensi avessero rilevato indicazioni concrete delle azioni cinesi, ma è stato straordinariamente preciso nel delineare le possibili risposte che gli Stati Uniti si aspettavano.

Funzionari della Casa Bianca in privato Preoccupazione espressa La visita della signora Pelosi avvierà un pericoloso ciclo di escalation in Asia, mentre Washington è già impegnata ad aiutare l’Ucraina a combattere l’invasione russa. Gran parte del complesso militare-industriale degli Stati Uniti è impegnato ad armare l’Ucraina, il che potrebbe ostacolare gli sforzi per aumentare le spedizioni di armi a Taiwan.

Kirby ha affermato che i funzionari statunitensi non si aspettavano necessariamente un attacco da parte della Cina in risposta, ma ha avvertito che potenziali dimostrazioni di forza militari potrebbero accidentalmente sfociare in un conflitto. “Aumenta il rischio di errori di calcolo, che possono portare a conseguenze indesiderate”, ha affermato Kirby.

Sembrava particolarmente intenzionato a portare il messaggio a Pechino che non dovrebbe considerare la visita della signora Pelosi come una nuova provocazione da parte degli Stati Uniti perché non sarebbe stata la prima oratrice ad andarci; Il presidente della Camera Newt Gingrich si è fermato a Taiwan nel 1997. Kirby ha ripetutamente sottolineato che gli Stati Uniti rimangono impegnati nella politica della Cina unica di non riconoscere l’indipendenza di Taiwan.

READ  Un alto funzionario della difesa statunitense ha affermato che finora le forze russe hanno perso circa 1.000 carri armati in Ucraina

“Abbiamo messo in chiaro che se vai – se vai – non è senza precedenti”, ha detto. “Non è nuovo. Non cambia nulla.”

Sebbene i funzionari della Casa Bianca avessero poche speranze di scoraggiare Pechino, hanno scelto di delineare le potenziali risposte cinesi per gettare le basi geopolitiche per la provocazione in modo da non essere una sorpresa.

Ma anche se superano il conflitto diretto senza escalation, i funzionari temono che la spaccatura farà precipitare una posizione sempre più assertiva da parte della Cina, che comunque negli ultimi mesi si è mossa in quella direzione. Gli analisti hanno affermato che il signor Xi non poteva sembrare debole mentre si recava a un importante caucus a novembre quando cerca un terzo mandato.

Proprio come le politiche interne del signor Xi erano un fattore determinante, lo erano anche quelle di Biden e della signora Pelosi. Anche se la portavoce volesse annullare la sua sosta a Taiwan, sarebbe un problema in casa perché verrebbe vista come una pacificazione con una forza di ritorsione. I repubblicani sono stati particolarmente espliciti nell’incoraggiarla a intraprendere il viaggio indipendentemente dalle preoccupazioni dell’amministrazione Biden.

Il senatore Marco Rubio, repubblicano della Florida, ha affermato che la Cina non dovrebbe spingere gli Stati Uniti nel loro viaggio. “Prego che i leader del Partito Comunista Cinese ricordino il vecchio e saggio consiglio”, ha scritto su Twittercitando un detto: “Quando sorge la rabbia pensa alle conseguenze”.

Ha aggiunto: “Possiamo avere profonde differenze politiche interne, ma risponderemo con un’unità indissolubile se saremo minacciati dall’esterno”.