Gennaio 28, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli scienziati rivelano il primo mondo scoperto dal James Webb Space Telescope della NASA

Gli scienziati annunciano la scoperta del primo pianeta extrasolare utilizzando il telescopio spaziale James Webb della NASA. Il mondo roccioso orbita attorno a una strana stella nana rossa così strettamente che completa una rivoluzione completa una volta ogni due giorni terrestri.

La Terra, sebbene unica, è solo uno delle decine di miliardi di pianeti che si pensa abitino la Via Lattea. I mondi al di fuori del nostro sistema solare, in orbita attorno a stelle aliene, sono noti come esopianeti.

Con l’aiuto dei potenti telescopi dei tempi moderni, gli astronomi sono stati in grado di confermare l’esistenza di oltre 5.000 strani mondi, ciascuno con le proprie caratteristiche uniche e talvolta incredibilmente bizzarre.

Ora, gli astronomi hanno effettuato il primo rilevamento confermato di un nuovo esopianeta utilizzando il potente occhio d’oro della navicella spaziale James Webb.

Il mondo candidato, noto come LHS 475 b, è stato identificato per la prima volta dal Transiting Exoplanet Survey Satellite (TESS) della NASA. TESS è progettato per avere una visione grandangolare dell’universo al fine di osservare periodiche minime cadute nella luce di stelle lontane che potrebbero indicare la presenza di un esopianeta che passa tra il telescopio e la sua stella guardiana.

Uno di questi blip è stato rilevato da una stella nana rossa in orbita all’interno della galassia della Via Lattea a 41 anni luce dalla Terra nella costellazione dell’Ottano. Dopo il rilevamento iniziale, JWST è stato incaricato di osservare la stella lontana il 31 agosto dello scorso anno.

I risultati preliminari del telescopio principale hanno confermato la presenza di un esopianeta roccioso, il 99% del diametro della Terra, in orbita attorno alla nana rossa. La frequenza del calo di luce dalla sua stella madre ha anche rivelato che LHS 475 b sta viaggiando attorno alla sua stella in un’orbita incredibilmente stretta, più vicina persino del percorso che il pianeta più interno del nostro sistema solare, Mercurio, percorre attorno al nostro sole.

READ  Splendide foto di storione gigante

La sua orbita è così stretta che il pianeta è in grado di completare un giro completo della sua stella madre relativamente fredda una volta ogni due giorni terrestri.

Nonostante la qualità dei dati JWST, il team non è ancora sicuro che il mondo appena scoperto contenga un’atmosfera. Tuttavia, gli scienziati sono stati in grado di escludere la presenza di alcuni elementi, tra cui il metano.

“I dati dell’osservatorio sono fantastici”, ha spiegato l’astrofisica Irene May del laboratorio di fisica applicata della Johns Hopkins University. In una dichiarazione della NASA. “Il telescopio è così sensibile che può facilmente rilevare una serie di particelle, ma non possiamo ancora giungere a conclusioni definitive sull’atmosfera del pianeta”.

Il mondo potrebbe ancora ospitare un’atmosfera pressurizzata fatta interamente di anidride carbonica. Una tale atmosfera sarebbe difficile da rilevare, ma l’effetto serra risultante aiuterebbe a spiegare perché il pianeta è di centinaia di gradi più caldo della Terra nonostante il fatto che orbita attorno a una stella che ha la metà della temperatura del sole.

Studiando i mondi lontani che orbitano attorno a stelle lontane, gli astronomi possono scoprire i segreti di come si sono formati ed evoluti i pianeti del nostro sistema solare e quelli sparsi nell’universo. Tuttavia, il Santo Graal dell’esplorazione degli esopianeti sarebbe la scoperta di un mondo in orbita nella zona abitabile di una stella – la regione in cui potrebbe esistere acqua liquida sulla superficie di un pianeta – che avesse gli ingredienti giusti per l’evoluzione della vita extraterrestre.

La capacità di JWST di caratterizzare le atmosfere degli esopianeti e di cercare potenziali segni di vita rappresenta un potente strumento nella continua missione dell’umanità di esplorare strani nuovi mondi, facendo infine luce sulla questione se l’umanità sia sola nell’universo.

READ  Mistero cosmico: gli astronomi catturano una stella morente che sputa anelli di fumo

“Questi primi risultati osservativi da un pianeta roccioso delle dimensioni della Terra aprono molte possibilità future per studiare le atmosfere dei pianeti rocciosi con Webb”, ha affermato Mark Clampin, direttore della divisione di astrofisica presso il quartier generale della NASA a Washington. “Webb ci sta avvicinando sempre di più a una nuova comprensione dei mondi simili alla Terra oltre il nostro sistema solare, e la missione è ancora agli inizi”.

Anthony è un collaboratore freelance che si occupa di notizie su scienza e videogiochi per IGN. Ha più di otto anni di esperienza nel coprire gli ultimi sviluppi in molteplici campi scientifici e non c’è assolutamente tempo per ingannarti. Seguilo su Twitter @BeardConGamer

Credito immagine: NASA