Luglio 3, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli astronomi scoprono una piccola ma potente esplosione stellare di "micronova".

Gli astronomi scoprono una piccola ma potente esplosione stellare di “micronova”.

Ogni micronova può bruciare “circa 3,5 miliardi di Grandi Piramidi di Giza” di materiale (o 20.000.000 di trilioni di chilogrammi) in poche ore, secondo i ricercatori.

Queste esplosioni estremamente potenti possono verificarsi sulla superficie di nane bianche, o stelle morte all’incirca delle dimensioni del nostro pianeta, sulla base delle osservazioni di un team di astronomi che utilizzano il Very Large Telescope dell’European Southern Observatory nel deserto di Atacama in Cile.

“Abbiamo rilevato e identificato per la prima volta quella che chiamiamo micronova”, ha affermato in una dichiarazione l’autore senior dello studio Simon Scaringi, astronomo e assistente professore alla Durham University nel Regno Unito. “Questo fenomeno sfida la nostra comprensione di come si verificano le esplosioni termonucleari nelle stelle. Pensavamo di saperlo, ma questa scoperta suggerisce un modo completamente nuovo per raggiungerle”.

Uno studio dettagliato dei risultati, pubblicato mercoledì sulla rivista temperare la natura.

forti campi magnetici

Le stelle nane bianche trovate in coppia con altre stelle ricavano idrogeno dai loro compagni, come gli zombi che si nutrono di altre stelle. Quando il gas incontra la superficie calda dei tubi della nana bianca, gli atomi di idrogeno si fondono nell’elio, provocando un’esplosione. Questi eventi sono noti come novae.

“Tali esplosioni fanno bruciare e brillare brillantemente l’intera superficie della nana bianca per diverse settimane”, ha detto in una nota Natalie Degenar, astronoma e assistente professore all’Università di Amsterdam.

Le micronove sono più piccole delle tipiche supernove e durano solo poche ore.

Le esplosioni di micronove si verificano su nane bianche che hanno forti campi magnetici, che inviano materiale verso i poli della stella. Questo percorso fa sì che le reazioni di fusione dell’idrogeno avvengano in regioni più localizzate dei poli magnetici.

Questa illustrazione mostra un sistema a due stelle.  Un disco blu di materiale può essere visto in orbita attorno a una nana bianca mentre estrae materiale dalla stella compagna.

“Ciò si traduce nell’esplosione di bombe di micronova, che hanno circa un milione di parti della forza di un’esplosione di nova, da cui il nome Micronova”, ha detto il coautore dello studio Paul Grote, astronomo e professore alla Radboud University nei Paesi Bassi, in una dichiarazione. .

READ  La stella di neutroni "Black Widow" impiega un'ora per orbitare attorno alla stella che sta arrostendo

Tieni traccia di eventi intensi ma brevi

Il team di ricerca ha scoperto le minuscole eruzioni dopo aver esaminato i dati raccolti dal Transiting Exoplanet Survey Satellite della NASA, o missione TESS. Il satellite viene utilizzato per cercare esopianeti, ma scansiona anche le stelle vicine per cercare i pianeti intorno a loro.

Questa supernova prematura è stata protagonista di una stella morta

“Guardando i dati astronomici raccolti dal TESS della NASA, abbiamo scoperto qualcosa di insolito: un lampo luminoso di luce ottica della durata di alcune ore. Con ulteriori ricerche, abbiamo trovato diversi segnali simili”, ha detto DeGeneres.

Due delle macronove sono cadute su nane bianche e il terzo astronomi ha seguito il Very Large Telescope per assicurarsi che fosse anche una nana bianca. Ciò ha permesso ai ricercatori di annunciare le loro osservazioni sulla scoperta di qualcosa di nuovo.

Ora che le micronovae sono la loro classe di starburst, il team di ricerca spera di monitorarne un numero maggiore per vedere quanto sono comuni, in particolare perché sfida l’attuale comprensione degli starburst.

“Mostra semplicemente quanto sia dinamico l’universo”, ha detto Scaringi. “Questi eventi potrebbero essere in realtà molto comuni, ma poiché sono così veloci è difficile riprendere in azione”.