Luglio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli astronomi classici hanno osservato una diversa grande macchia rossa su Giove

Gli astronomi classici hanno osservato una diversa grande macchia rossa su Giove

Nel 1665, l’astronomo Giovanni Domenico Cassini osservò un’enorme tempesta che soffiava su Giove. Divenne nota come la Grande Macchia Rossa ed è una nube vorticosa di forma ovale, larga circa il doppio della Terra. Tuttavia, una nuova ricerca suggerisce che la caratteristica di colore rosso osservata da Cassini non è la stessa tempesta che vediamo oggi.

Utilizzando osservazioni storiche di Giove risalenti al XVII secolo, un team di scienziati ha scoperto che Giove Grande macchia rossa Probabilmente durerebbe solo 190 anni contro i 300 anni dei venti vorticosi. In carta Pubblicato in Lettere di ricerca geofisicaI ricercatori ritengono che la tempesta vorticosa osservata da Cassini sia ora scomparsa, ma anni dopo è apparsa al suo posto una nuova tempesta.

Dopo aver scoperto l’ovale scuro e rossastro di Giove, Cassini e altri astronomi continuarono a monitorare la tempesta fino al 1713. La tempesta non fu più vista per più di un secolo dopo. Fu solo nel 1831 che gli astronomi osservarono un’ellisse simile alla stessa latitudine. Da allora, gli scienziati hanno discusso se si trattasse della stessa tempesta o di una tempesta diversa.

Secondo i ricercatori dietro la nuova ricerca, la macchia, soprannominata “macchia permanente”, probabilmente scomparve tra la metà del XVIII e il XIX secolo. D’altra parte, la Grande Macchia Rossa di Giove potrebbe risalire ad almeno 190 anni fa.

La Grande Macchia Rossa è anche molto più grande della sua controparte più antica, estendendosi per oltre 350 chilometri. Quando fu osservata per la prima volta, la Grande Macchia Rossa si estendeva per oltre 39.000 km, ma da allora ha cominciato a ridursi. Oggi la tempesta si estende per 8.700 miglia (14.000 chilometri) ed ha una forma più arrotondata. Secondo lo studio, precedenti osservazioni della Macchia Permanente indicano che la dimensione della tempesta sarebbe triplicata rispetto alla Grande Macchia Rossa.

READ  La NASA annulla il terzo tentativo di rifornire di carburante il razzo lunare Artemis 1

Disegni Cassini della Macchia Rossa nel XVII secolo
immagine: J.D. Cassini/Eric Sosenbach/AGU

La Macchia Rossa è la più grande tempesta conosciuta nel sistema solare, circa un sesto del diametro di Giove stesso. A differenza degli uragani sulla Terra, la Grande Macchia Rossa ruota in senso antiorario, indicando che si tratta di un sistema ad alta pressione. Il motivo per cui la tempesta è continuata per tutti questi anni potrebbe avere a che fare con la natura gassosa di Giove. Le tempeste sulla Terra tendono a dissiparsi una volta raggiunta la Terra, ma Giove è costituito da strati liquidi anziché da una superficie solida.

Comprendere la gigantesca tempesta non è facile, poiché le nuvole di Giove ostacolano una visione chiara della Grande Macchia Rossa nella sua atmosfera inferiore. Il nuovo studio suggerisce che la macchia rossa potrebbe essersi formata a causa di una gigantesca tempesta, con diversi vortici più piccoli che si fondevano insieme. C’è ancora molto da imparare sulle violente tempeste di Giove, ma gli scienziati possono ricorrere alle osservazioni storiche per raccogliere indizi sui segreti del sistema gioviano.

“È stato molto stimolante e stimolante ritornare alle osservazioni e ai disegni di Giove e della sua posizione permanente realizzati dal grande astronomo Jean-Dominique Cassini, e ai suoi articoli della seconda metà del XVII secolo che descrivono questo fenomeno”, ha affermato Agustín Sánchez- Lo ha detto in una nota La Vega, planetologo dell’Università basca di Bilbao, in Spagna, e autore principale del nuovo articolo. “Altri prima di noi hanno esplorato queste osservazioni, e ora abbiamo misurato i risultati.”

Di più: Gli astronomi inseguono le ombre dei misteriosi asteroidi troiani di Giove