Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli astronauti della NASA sono rimasti bloccati nello spazio a causa del malfunzionamento del Boeing Starliner: secondo gli esperti, SpaceX potrebbe organizzare una missione di salvataggio

Gli astronauti della NASA sono rimasti bloccati nello spazio a causa del malfunzionamento del Boeing Starliner: secondo gli esperti, SpaceX potrebbe organizzare una missione di salvataggio

La NASA ha rinviato per la terza volta il ritorno di due astronauti dalla Stazione Spaziale Internazionale (ISS), sollevando preoccupazioni sul fatto che l’equipaggio sia rimasto “incagliato”.

Inizialmente era prevista una residenza di nove giorni per Butch Wilmore e Sonny Williams, che è stata posticipata due volte questo mese e ora è in una data non programmata.

Boeing ha dichiarato in un comunicato che il soggiorno prolungato ha lo scopo di concedere più tempo per esaminare i problemi tecnici incontrati dalla capsula durante il viaggio verso la Stazione Spaziale Internazionale, tra cui guasti alla propulsione e perdite delle valvole.

DailyMail.com ha parlato con esperti che affermano che la NASA potrebbe dover lanciare una missione di salvataggio e potrebbe arruolare SpaceX di Elon Musk per portarla a termine.

Inizialmente era previsto che Butch Wilmore e Sonny Williams rimanessero per nove giorni, ma la NASA ha rivelato che la data non è stata ancora fissata.

“Data la situazione attuale con Starliner, è possibile che la NASA decida di utilizzare un veicolo spaziale alternativo, come Crew Dragon di SpaceX, per riportare gli astronauti a casa sani e salvi”, ha affermato Katsuo Kurabayashi, professore di ingegneria aerospaziale alla New York University.

“Per quanto ne so a questo punto, il recente rinvio della missione a luglio non dovrebbe sollevare serie preoccupazioni che portino ad un’altra missione di salvataggio estremamente difficile o al futuro abbandono delle missioni basate su Starliner.

“Ma se per caso iniziassero a parlare della missione di salvataggio, ciò indicherebbe che sullo Starliner sono stati riscontrati alcuni difetti hardware gravi e potenzialmente letali.”

Il primo ritorno degli astronauti è stato posticipato al 14 giugno e la settimana scorsa è stato riprogrammato al 26 giugno.

La NASA ha indicato che il suo staff sta valutando le date di ritorno dopo le due passeggiate spaziali previste alla stazione il 24 giugno e il 2 luglio, con la speranza di riportare i due astronauti sulla Terra entro e non oltre l’inizio di luglio.

READ  Potenti brillamenti solari hanno colpito la Terra e le radio oscuranti in tutta Europa e Africa

“Ci prendiamo il nostro tempo e seguiamo il processo standard del team di gestione della missione”, ha affermato Steve Stich, responsabile del programma commerciale dell’equipaggio della NASA.

“Stiamo lasciando che i dati guidino il nostro processo decisionale riguardo alla gestione delle piccole perdite nel sistema di elio e alle prestazioni di propulsione che abbiamo osservato durante il rendezvous e l’attracco”.

“Inoltre, data la durata della missione, è opportuno per noi completare una revisione a livello di agenzia, simile a quella condotta prima del ritorno della SpaceX Demo-2 della NASA dopo due mesi in orbita, per documentare l’impegno formale dell’agenzia accettazione del lancio”. Procedere come previsto.

Boeing ha dichiarato in un comunicato che l'estensione della sospensione è intesa a concedere più tempo per esaminare i problemi tecnici riscontrati, tra cui guasti al sistema di propulsione e perdite delle valvole.

Boeing ha dichiarato in un comunicato che l’estensione della sospensione è intesa a concedere più tempo per esaminare i problemi tecnici riscontrati, tra cui guasti al sistema di propulsione e perdite delle valvole.

Lo Starliner ha avuto cinque guasti a 28 motori in manovra, cinque perdite di elio destinate a sopraffare i propulsori e una valvola di spinta lenta che indica precedenti problemi irrisolti dal momento del lancio.

Lo Starliner ha avuto cinque guasti a 28 motori in manovra, cinque perdite di elio destinate a sopraffare i propulsori e una valvola di spinta lenta che indica precedenti problemi irrisolti dal momento del lancio.

Lo Starliner è decollato il 5 giugno alle 10:52 ET dalla stazione spaziale di Cape Canaveral in Florida la scorsa settimana con la stessa perdita che ha causato la pulizia del veicolo a maggio.

Tuttavia, la capsula fu lanciata con una perdita nota che si diceva non fosse più grande di un bottone di una camicia e molto sottile.

Stitch ha dichiarato il mese scorso di essere sicuro che 27 dei 28 propulsori funzionassero correttamente, senza perdite o altri problemi.

Tuttavia, lo Starliner subì cinque guasti su 28 dei suoi motori in manovra, cinque perdite di elio destinate a sollecitare i propulsori e una valvola del propulsore che si muoveva lentamente indicando problemi precedenti che non erano stati risolti dal momento del lancio.

READ  Un uomo sperimenta un modo per camminare sul ghiaccio senza scivolare. Funziona

Quando lo Starliner raggiunse le vicinanze della stazione spaziale per l’attracco il 6 giugno, cinque malfunzionamenti della propulsione impedirono alla navicella di avvicinarsi fino a quando la Boeing non fece una riparazione.

Ho riscritto i programmi e modificato alcune procedure per ripristinarne quattro e andare avanti con il processo di docking.

La separazione e il ritorno sulla Terra di Starliner rappresentano le fasi più complesse della missione di prova della navicella.

Boeing ha speso 1,5 miliardi di dollari in superamento dei costi oltre il contratto di sviluppo di 4,5 miliardi di dollari della NASA.

I funzionari della NASA hanno affermato di voler comprendere meglio la causa del guasto alla propulsione, del problema alla valvola e della perdita di elio prima che lo Starliner inizi il suo ritorno.

Mentre solo un motore rimane morto durante il volo attuale dello Starliner, Boeing ha riscontrato quattro problemi di propulsione durante il ritorno senza pilota della capsula dallo spazio nel 2022.

Una fuga di notizie che ha spazzato via l’aereo a maggio ha sollevato preoccupazioni tra un appaltatore della NASA che ha esortato l’agenzia spaziale a “raddoppiare i controlli di sicurezza e riesaminare i protocolli di sicurezza per assicurarsi che lo Starliner sia sicuro prima che accada qualcosa di catastrofico”.

La navicella spaziale Starliner è decollata il 5 giugno alle 10:52 ET dalla stazione spaziale di Cape Canaveral in Florida la scorsa settimana con la stessa perdita che ha portato alla pulizia a maggio.

La navicella spaziale Starliner è decollata il 5 giugno alle 10:52 ET dalla stazione spaziale di Cape Canaveral in Florida la scorsa settimana con la stessa perdita che ha portato alla pulizia a maggio.

Il capo di ValveTech, Erin Favell, ha espresso preoccupazione per il lancio di questo mese, dicendo a DailyMail.com: “Sono stato avvertito. Sceglierò di lasciare che accada”.

Mentre la NASA e la Boeing non sembravano preoccupate per la fuga di notizie iniziale, Mike Gruntman, professore di astronautica presso l’Università della California del Sud, ha suggerito che i problemi derivano da problemi di produzione.

READ  Guarda SpaceX lanciare la sua seconda missione questo pomeriggio

Ha detto a DailyMail.com: “Molti problemi simili – perdite di elio – con componenti superficialmente simili, come riportato dalla stampa, indicano un problema sistemico nella progettazione, produzione, test, ingegneria del sistema o in una combinazione di questi”.

“SpaceX sarà probabilmente in grado di fornire un ulteriore lancio nel prossimo futuro per far ritornare gli astronauti”, ha anche affermato Gruntmann.

I problemi dello Starliner seguono una serie di problemi che affliggono i jet commerciali della Boeing.

Il mese scorso l’aereo Boeing ha subito un raro ribaltamento a 32.000 piedi durante il volo, con conseguente messa fuori servizio dell’aereo.

Un volo della Southwest Airlines, il volo Southwest 746, trasportava 175 passeggeri da Phoenix a Oakland il 25 maggio quando subì il terrificante rollio olandese.

Il rollio olandese è il nome dato alla combinazione di un movimento di sbadiglio quando la coda scivola e l’aereo oscilla da un’estremità all’altra. Si dice che imiti il ​​movimento di un pattinatore sul ghiaccio olandese.

Nello stesso mese, il volo SQ321 della Singapore Airlines ha subito una “turbolenza” mortale che includeva la vicinanza a temporali tropicali.

Il Boeing 777 operato da Singapore Airlines è partito dall’aeroporto di Londra Heathrow alle 22:17 ora locale con a bordo 211 passeggeri e 18 membri dell’equipaggio.

Tuttavia, la turbolenza ha causato diversi feriti e un morto: non è chiaro se l’aereo Boeing abbia avuto un problema o se si sia trattato di un evento naturale.

Proprio la settimana scorsa, un Boeing della Air Canada ha preso fuoco pochi secondi dopo il decollo.