Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gli archeologi israeliani affermano che i beni antichi sono stati recuperati dal più antico relitto mai ritrovato nel Mediterraneo

Gli archeologi israeliani affermano che i beni antichi sono stati recuperati dal più antico relitto mai ritrovato nel Mediterraneo

Londra – Uno studio di routine su petrolio e gas condotto da una compagnia energetica ha scoperto un carico di resti di quello che gli archeologi ritengono essere il relitto più antico e profondo mai scoperto nel Mediterraneo.

Archeologi israeliani Egli ha detto Hanno recuperato dal relitto vasi di stoccaggio intatti che si ritiene abbiano 3.300 anni. Gli scienziati hanno detto che le anfore, come sono chiamate le grandi brocche, sono state catturate da telecamere montate su sottomarini robotici utilizzati da Energean durante l’indagine.

I sottomarini avevano il compito di cercare potenziali fonti di energia al largo delle coste di Israele.

Le giare sono state avvistate sul fondo del mare a circa 56 miglia dalla costa israeliana, ad una profondità notevole di oltre 5.900 piedi.

Questa foto rilasciata dall’Autorità israeliana per le antichità (IAA) il 20 giugno 2024 mostra Jacob Sharvet, a sinistra, e il dottor Karnit Bahartan, a destra, con antiche urne trasportate sul più antico relitto di acque profonde conosciuto al mondo, che è stato scoperto alcuni distanza Circa 55,9 miglia. Al largo della costa israeliana.

Emil Al-Ajim/Autorità israeliana per le antichità/AFP


Gli esperti dell’Autorità israeliana per le antichità hanno affermato che il relitto sembra essere il “primo e il più antico” della regione.

Jacob Charvit, che dirige l’unità marina dell’Autorità israeliana per le antichità, ha detto a CBS News Partners notizie della BBC Questa scoperta indica che i marinai dell’epoca usavano la navigazione celeste per attraversare parti profonde e remote del mare, facendo affidamento sul sole e sulle stelle per determinare la loro posizione effettiva.

Dal luogo in cui è stato scoperto il relitto, ha detto Jacob, “si poteva vedere solo l’orizzonte ovunque”, quindi i navigatori non potevano fare affidamento sui punti di riferimento per trovare la strada.

“Probabilmente usavano i corpi celesti per navigare, vedendo gli angoli del sole e le posizioni delle stelle”, ha detto.

“Sembra che la nave sia affondata durante una crisi, a causa di una tempesta o di un tentativo di attacco pirata, un evento noto fin dalla tarda età del bronzo”, ha detto Charvet in una nota.

Il dottor Karnit Bahartan, responsabile ambientale della Energean, ha detto alla BBC che le telecamere montate sui sottomarini della compagnia hanno scoperto quello che inizialmente sembrava essere “un grande mucchio di brocche ammucchiate sul fondo del mare”.

Questa foto rilasciata dall’Autorità israeliana per le antichità il 20 giugno 2024 mostra la sala di controllo della nave Energean Star che ha condotto un’operazione per recuperare il carico che era stato trasportato sulla più antica nave d’altura conosciuta al mondo, a 55,9 miglia al largo della costa di Israele .

Emil Al-Ajim/Autorità israeliana per le antichità/AFP


Solo due dei vasi sono stati sollevati in superficie, un processo che richiede attrezzature speciali per evitare di danneggiarli o di danneggiare altri artefatti circostanti. I vasi, che si ritiene appartengano all’antico popolo cananeo del Medio Oriente, che viveva lungo le coste orientali del Mediterraneo, saranno esposti quest’estate al Campus Nazionale di Archeologia Israeliana a Gerusalemme.

La nave distrutta, sepolta sotto il fondale fangoso con centinaia di brocche sparse sopra, sembra essere lunga tra i 39 e i 45 piedi, ha detto l’Autorità israeliana per le antichità. Ha aggiunto che la barca e il carico apparivano completamente intatti.

Bahartan l’ha definita una “scoperta davvero emozionante” e ha detto che gli unici altri due relitti contenenti merci trovati nel Mediterraneo risalgono alla tarda età del bronzo, centinaia di anni dopo l’affondamento del relitto contenente le anfore, e più a nord, vicino alla costa della Turchia. .

Sulla base delle posizioni e delle profondità dei relitti scoperti in precedenza, “l’ipotesi accademica fino ad ora è che il commercio in quel momento veniva condotto spostandosi in sicurezza da un porto all’altro, abbracciando la costa in contatto visivo”, ha detto Bhartan.

“La scoperta di questa barca ora cambia tutta la nostra comprensione delle abilità degli antichi marinai”, ha detto.

READ  Gli elettori svizzeri accettano l'imposta minima globale sulle società e gli obiettivi climatici