Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Giro intorno ai pilastri della creazione!  Splendido video della NASA che viaggia attraverso tronchi di gas e polvere interstellari in una nebulosa a 6.500 anni luce di distanza.

Giro intorno ai pilastri della creazione! Splendido video della NASA che viaggia attraverso tronchi di gas e polvere interstellari in una nebulosa a 6.500 anni luce di distanza.

Se vuoi fare una passeggiata nello spazio profondo, questo potrebbe essere il posto più vicino possibile.

In questa straordinaria animazione, la NASA lascia che lo spettatore cammini attraverso le scatole dei “Pilastri della Creazione” in una nebulosa a 6.500 anni luce dalla Terra.

Questo è il video più dettagliato e completo mai realizzato su queste nubi di formazione stellare, descritte come “torreggianti viticci” di polvere e gas cosmici.

Ciò è stato reso possibile combinando le osservazioni dei due telescopi spaziali più potenti della NASA, il telescopio spaziale James Webb (JWST) e il telescopio spaziale Hubble.

Utilizzando lo spettro infrarosso del telescopio James Webb, puoi persino guardare all’interno delle tre colonne lunghe un anno luce per vedere la nascita delle giovani stelle.

Questa animazione è stata creata combinando le osservazioni del telescopio Hubble e del telescopio spaziale James Webb. In questa immagine potete vedere un confronto tra le due diverse note

Quali sono i pilastri della creazione?

I Pilastri della Creazione assomigliano a una mano spettrale, che sono enormi filamenti di polvere e gas cosmici.

Fa parte della Nebulosa Aquila, che si trova a 6.500 anni luce dalla Terra, ed è nota per essere una fonte di formazione stellare.

La nebulosa fu scoperta nel 1745 dall’astronomo svizzero Jean-Philippe Louis de Chisso e si trova nella costellazione del Serpente.

Questa animazione innovativa cattura per la prima volta la struttura 3D di queste imponenti formazioni, consentendo allo spettatore di volare attraverso anni luce di spazio.

Questa però non è solo un’impressione fantasiosa dell’artista, ma un lavoro di ricerca scientifica.

Utilizzando le osservazioni effettuate da Anna McLeod, professore associato presso l’Università di Durham, la NASA è stata in grado di ricostruire con precisione la disposizione delle colonne.

READ  Una stella in orbita attorno al buco nero della Via Lattea a 18 milioni di miglia orarie

Durante il rendering dell’immagine 3D, puoi vedere chiaramente che le colonne non sono allineate, ma sono effettivamente distribuite su una vasta area.

“Volando attraverso e tra le colonne, gli spettatori possono sperimentare la loro struttura 3D e vedere quanto appaiono diverse nello spettacolo di luci visibili del telescopio Hubble rispetto allo spettacolo di luci infrarosse del telescopio Webb”, afferma Frank Summers, scienziato senior della visualizzazione presso lo Space Telescope Science Institute. (STScI).

I Pilastri della Creazione fanno parte della Nebulosa Aquila, una struttura a circa 7.000 anni luce dalla Terra, osservata per la prima volta dal telescopio spaziale Hubble nel 1985.

Questa immagine è stata scattata dal telescopio spaziale James Webb nello spettro infrarosso
Questa antica immagine è stata scattata dal telescopio spaziale Hubble e utilizza lo spettro della luce visibile

Questa animazione è stata creata combinando le osservazioni del telescopio spaziale James Webb (a sinistra) che acquisisce immagini nello spettro infrarosso con immagini dello spettro della luce visibile dal telescopio Hubble (a destra)

Tuttavia, quest’ultima animazione combina le immagini scattate da Hubble con le ultime osservazioni del telescopio spaziale James Webb.

Questa immagine non solo offre i Pilastri della Creazione con il massimo dettaglio mai catturato, ma fornisce anche una nuova prospettiva sulla formazione di stelle come il nostro Sole.

Ciascuna delle tre colonne è costituita da idrogeno molecolare freddo e nubi di polvere interstellare.

Queste vaste nubi si estendono fino a anni luce di lunghezza – tre quarti della distanza dal nostro Sole alla stella più vicina – rendendole ideali vivai stellari.

I Pilastri della Creazione si trovano a 6.500 anni luce da noi in uno spazio regionale noto come Nebulosa dell'Aquila

I Pilastri della Creazione si trovano a 6.500 anni luce da noi, in uno spazio regionale noto come Nebulosa dell’Aquila

Mentre l’interno di queste strutture è nascosto nello spettro della luce visibile, la luce infrarossa penetra nella densa polvere.

“Il contrasto li aiuta a capire perché esiste più di un telescopio spaziale che osserva aspetti diversi dello stesso oggetto”, afferma Summers.

Utilizzando il telescopio James Webb per raccogliere informazioni nello spettro infrarosso, siamo in grado di scrutare all’interno delle nubi di polvere per osservare le giovani stelle in diversi stadi di crescita.

Nell’animazione, puoi vederli come punti luminosi visibili attraverso la polvere o chiaramente visibili nello spettro infrarosso.

Lo spettro della luce visibile mostra chiaramente le nubi di polvere e idrogeno molecolare freddo che formano i pilastri della creazione

Lo spettro della luce visibile mostra chiaramente le nubi di polvere e idrogeno molecolare freddo che formano i pilastri della creazione

Le immagini a infrarossi consentono agli scienziati di guardare all'interno delle nubi di polvere per vedere le protostelle nelle prime fasi di formazione

Le immagini a infrarossi consentono agli scienziati di guardare all’interno delle nubi di polvere per vedere le protostelle nelle prime fasi di formazione

In uno dei pilastri possiamo vedere una stella completamente nuova che emette un pennacchio di materiale nello spazio mentre nel pilastro più grande si può vedere una “protostella” (una stella molto giovane che sta ancora accumulando massa).

“Quando combiniamo le osservazioni dei telescopi spaziali della NASA su diverse lunghezze d’onda della luce, espandiamo la nostra comprensione dell’universo”, afferma Mark Clampin, direttore della Divisione di Astrofisica presso la sede della NASA a Washington.

La regione dei Pilastri della Creazione continua a fornirci nuove intuizioni che fanno avanzare la nostra comprensione di come si formano le stelle.

“Ora, con questa nuova visualizzazione, chiunque può sperimentare questo paesaggio ricco e accattivante in un modo nuovo.”

I Pilastri della Creazione forniscono una delle vedute cosmiche più famose nella storia dell’astronomia

L’immagine originale dei famosi Pilastri della Creazione fu scattata dal telescopio spaziale Hubble vent’anni fa e divenne immediatamente una delle sue immagini più famose e drammatiche.

READ  Esperti: Lo spazio odora di carne bruciata, benzina e liquore

Le strutture prominenti, insieme al vicino ammasso stellare NGC 6611, fanno parte di una regione di formazione stellare chiamata Nebulosa Aquila, nota anche come Messier 16 o M16.

I Pilastri della Creazione assomigliano a una mano spettrale e fanno parte della Nebulosa Aquila, che si trova a 6.500 anni luce dalla Terra, ed è nota per essere una fonte di formazione stellare.

I Pilastri della Creazione assomigliano a una mano spettrale e fanno parte della Nebulosa Aquila, che si trova a 6.500 anni luce dalla Terra, ed è nota per essere una fonte di formazione stellare.

La nebulosa e gli oggetti associati si trovano a circa 7.000 anni luce di distanza nella costellazione del Serpente (Serpente).

I Pilastri della Creazione sono un classico esempio di forme colonnari che si sviluppano in gigantesche nubi di gas e polvere che sono i luoghi di nascita di nuove stelle.

I pilastri vengono creati quando massicce stelle O e B bianco-blu appena formate emettono intense radiazioni ultraviolette e venti stellari che spazzano via il materiale meno denso dalle loro vicinanze.

Tuttavia, sacche più dense di gas e polvere possono resistere più a lungo a questa corrosione.

Dietro queste spesse sacche di polvere, il materiale è protetto dal bagliore intenso e sbiadito delle stelle O e B.

Questo blocco crea “code” scure o “tronchi di elefante”, che vediamo come il corpo scuro di un pennacchio, che punta lontano dalle stelle luminose.