Agosto 14, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gemelli siamesi separati da chirurghi in Brasile e nel Regno Unito utilizzando la tecnologia della realtà virtuale

Gemelli siamesi separati da chirurghi in Brasile e nel Regno Unito utilizzando la tecnologia della realtà virtuale

Sospensione

LONDRA – Dopo essere usciti da un recente rischioso intervento chirurgico, i fratelli gemelli brasiliani Arthur e Bernardo Lima sono stati accolti da un’emozionante effusione di applausi, applausi e lacrime da parte del personale medico e dei familiari.

Per la prima volta, i ragazzi sono sdraiati in disparte, faccia a faccia e tenendosi per mano in un letto d’ospedale condiviso a Rio de Janeiro, dopo che i medici lì e a quasi 6000 miglia di distanza a Londra hanno lavorato insieme utilizzando tecniche di realtà virtuale per eseguire la procedura sul letto unito. – 3 anni generale.

Procedure mediche molto complesse separavano i gemelli, che provenivano da Roraima, nelle zone rurali del Brasile settentrionale, e erano nati dai crani, il che significa che erano uniti tra loro da crani fusi e cervelli intrecciati che condividevano vene vitali. Solo 1 su 60.000 Le nascite danno luogo a gemelli siamesi, e ancor meno che si uniscono al cranio.

Esperti medici avevano descritto il processo di separazione dei due fratelli come impossibile.

Ma il personale medico dell’Instituto Rio de Cerebro Paulo Niemeyer ha collaborato con il chirurgo londinese Nour Alawas Gilani del Great Ormond Street Hospital per utilizzare la tecnologia avanzata della realtà virtuale per praticare la faticosa procedura.

Comprendeva immagini dettagliate del cervello dei ragazzi, tra cui tomografia computerizzata e risonanza magnetica, nonché scansioni del resto dei loro corpi. Operatori sanitari, ingegneri e altri hanno raccolto dati per creare modelli 3D e di realtà virtuale del cervello dei gemelli per consentire ai team di studiare la loro anatomia in modo più dettagliato.

Quindi i team internazionali hanno trascorso mesi a lavorare per prepararsi al procedimento. secondo All’ente di beneficenza britannico Gemini che ha facilitato l’intervento chirurgico ed è stato fu fondato Da Jilani, un famoso neurochirurgo britannico del Kashmir.

READ  La Russia dice alla Lituania: i tuoi cittadini proveranno dolore a Kaliningrad

Il rapporto afferma che i disastri ambientali criticano l’America Latina e i Caraibi

I team chirurgici hanno eseguito “chirurgia sperimentale” in tutti i continenti utilizzando la realtà virtuale, la prima volta che questa tecnologia è stata utilizzata per questo scopo in Brasile, secondo l’ente di beneficenza. Hanno continuato a eseguire sette interventi chirurgici per separare completamente i gemelli, che hanno richiesto ore di funzionamento e circa 100 personale medico.

“La rottura è stata la più difficile fino ad oggi”, ha detto Gemini Antwinend in una dichiarazione lunedì. “A circa quattro anni, Arthur e Bernardo erano anche i gemelli cranici più anziani con un cervello combinato da separare, il che ha portato a ulteriori complicazioni”. Ha aggiunto che l’età ottimale per la separazione è compresa tra 6 e 12 mesi.

Anche se l’intervento è stato eseguito con successo a giugno, squadre di medici hanno ritardato la pubblicazione in modo da potersi concentrare sul recupero dei ragazzi, ha detto mercoledì al Washington Post la portavoce del Great Ormond Street Hospital Francesca Eaton.

I bambini con craniosinostosi di solito non si sono mai seduti, gattonati o camminati prima e necessitano di una riabilitazione approfondita dopo l’intervento chirurgico. Arthur e Bernardo saranno sottoposti a sei mesi di riabilitazione in ospedale e non vedono l’ora di festeggiare presto il loro quarto compleanno insieme, come ha detto lo sconosciuto Gemini, “ci siamo finalmente visti faccia a faccia” insieme ai loro genitori Adrielle e Antonio Lima .

Gilani, specializzato nella separazione dei gemelli craniofacciali, lo ha descritto come un “risultato notevole”.

“Come genitore, è sempre un privilegio speciale poter migliorare i risultati per questi bambini e le loro famiglie”, ha affermato in una nota. “Non solo abbiamo creato un nuovo futuro per i ragazzi e le loro famiglie, ma abbiamo anche fornito al team locale le capacità e la fiducia per svolgere con successo un lavoro così complesso in futuro”.

READ  Sette morti nel fuoco dell'istituto di difesa russo Russia

Gilani Raccontare I media britannici hanno riferito questa settimana che l’ultimo intervento chirurgico è stato eseguito “sette settimane fa”, ma ci vorrà del tempo per prevedere completamente il futuro dei gemelli, poiché i bambini più grandi tendono ad avere una guarigione più lenta. Ha detto che la pandemia di coronavirus ha ritardato l’intervento chirurgico.

Fino a 1 gravidanza nota su 4 può finire con un aborto spontaneo

“In un certo senso, queste sono le operazioni più difficili del nostro tempo, e farlo in realtà virtuale era solo roba su Marte”, ha detto alla Press Association. Gilani ha detto che l’intervento chirurgico rischioso è stato complicato dalle cicatrici di precedenti operazioni sui ragazzi.

Ha aggiunto che l’uso delle tecnologie della realtà virtuale significava che i chirurghi potevano vedere l’anatomia e le procedure pratiche senza mettere a rischio i “bambini”, cosa che secondo lui era estremamente “rassicurante” per i professionisti del settore medico. “È stato fantastico poterli aiutare in questo viaggio”, ha aggiunto.

L’ospedale brasiliano ha affermato che continuerà a collaborare con l’organizzazione benefica britannica per il trattamento di altri rari casi simili di gemelli siamesi in Sud America.

“Questo è il primo intervento chirurgico per questa complicanza in America Latina”, ha affermato Gabriel Mofarge, capo della chirurgia pediatrica dell’Instituto Estadual do Cérebro Paulo Niemeyer.

Ha detto che i ragazzi sono diventati “parte della nostra famiglia qui in ospedale” dopo più di due anni di Medicare. “Siamo lieti che l’intervento sia andato bene e che i ragazzi e le loro famiglie abbiano ottenuto risultati che hanno cambiato la vita”.