Settembre 21, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Gary Sanchez, Manny Machado sollevano i Padres dopo i Cubs

Gary Sanchez, Manny Machado sollevano i Padres dopo i Cubs

San Diego – Nonostante tutti i suoi difetti di inizio stagione, ci sono sempre state due ovvie soluzioni a San Diego – due aree che, se possono essere affrontate, faranno molto per curare ciò che sta affliggendo l’attacco dei Padres:

• I Padres avevano bisogno di più produzione lontano dal punto di ripresa, non necessariamente la prolifica produzione che Gary Sánchez ha dato loro nella sua prima settimana con la sua nuova squadra. Solo… più di quello che stavano ottenendo.

• I Padres avevano bisogno di un Manny Machado sano che giocasse come il terzo base di calibro MVP che sanno di poter essere, ed è il terzo base di calibro MVP che lo pagano per essere.

Lunedì sera? Controlla e controlla.

Con una vittoria per 5-0 sui Cubs, i Padres hanno preso parte alla serie di quattro partite del fine settimana. Blake Snell è stato eccellente in sei inning senza reti, ma non è la prima volta che Snell è stato forte in questa stagione. Questa volta ha ottenuto il supporto necessario, in gran parte per gentile concessione di Sanchez e Machado.

Sanchez, che non aveva rinunciato solo una settimana prima, ha lanciato un laser per un homer da due run nel secondo inning, già il suo terzo home run come Padre. Ha iniziato bene a San Diego, registrando una striscia di .286/.348/.714 nelle sue prime sette partite.

Nel frattempo, Machado era all’altezza dei suoi soliti trucchi. Ha fatto un’ottima giocata in terza base per derubare Seiya Suzuki di un successo nel terzo inning. È anche andato 3 su 4 e ha bruciato un paio di unità a una velocità di uscita di oltre 100 mph. Per la prima volta da quando è tornato da una frattura metatarsale alla mano sinistra la scorsa settimana, sembrava, beh, Manny Machado.

READ  Sintesi della partita tra Australia e Francia: l'Australia raggiunge le semifinali in un thriller storico

“Mi sento bene” disse Machado “Voglio dire, sono in buona salute, e onestamente penso che sia l’unica cosa che potresti mai chiedere. Questo gioco è molto impegnativo in molti modi diversi, quindi stai solo chiedendo salute. Mi sento bene ora… quindi sono in grado di uscire e competere”.

I Padres sanno esattamente cosa può fare un Machado sano e fiorente per la loro formazione. Per la prima metà della scorsa stagione – in attacco senza Juan Soto, Fernando Tatis Jr. e Xander Bogaerts – ha tenuto in piedi Machado.

“Guarda, è il nostro ragazzo”, ha detto il manager Bob Melvin. “L’anno scorso, è stato perché, in gran parte, siamo arrivati ​​dove siamo andati. Soprattutto all’inizio della stagione, quei primi mesi, ci ha davvero portato in giro. … Ha la capacità di farlo. “

Davvero, i Padres avrebbero sempre potuto aspettarsi di più da Machado rispetto alla serie di .222/.275/.353 con cui è entrato in gioco lunedì. È Mane Machado, dopo tutto.

A catcher, non erano sicuri di un’inversione di tendenza. I Padres Sanchez hanno rivendicato le rinunce ai Mets come volantino. Certo, è stato due volte All-Star e parte integrante delle corse degli Yankees all’ALCS nel 2017 e nel 19. Ma non potevano aspettarsi la reincarnazione di Gary Sanchez, vero?

“Ha un ottimo track record”, ha detto Melvin. “Ultimamente non è stato fantastico per lui. Ma penso che il modo in cui ha abbracciato i nostri ragazzi al club lo abbia fatto sentire a casa qui molto rapidamente. Poi quando inizi, lo fai.

La verità è che i Padres non avevano bisogno di un Sanchez di 30 anni per essere del calibro di All-Star. Avevano solo bisogno di un aggiornamento. Al momento della sua affermazione, si sono classificati ultimi nelle major nella guerra del ricevitore, secondo FanGraphs.

Senza una chiara soluzione interna, hanno scommesso a bassa posta su Sanchez e hanno deciso di consegnargli le chiavi dietro il piatto.

“Ogni volta che hai la possibilità di scendere in campo e giocare tutti i giorni, accadono cose belle”, ha detto Sanchez attraverso il traduttore spagnolo Danny Sanchez. “È una possibilità più grande.”

Dietro al piatto, anche Sanchez è stato solido. Ha sostenuto partenze consecutive senza reti da Snell (più sette partenze senza reti da U Darvish sabato). Lunedì, Sanchez era dietro il piatto mentre Snell ne ha eliminati otto, di cui tre visti nei primi due inning. Tutti e tre i K sono finiti con scioperi che potrebbero non essere stati il ​​caso. Ma Sanchez, almeno, lo ha presentato così com’è.

Poco dopo, Sanchez è andato al piatto e ha colpito un homer da due punti, dando ai Padres un vantaggio iniziale. Per Snell, che era interessato a lavorare con Sanchez, era uno spettacolo fin troppo familiare.

“L’ho visto colpirmi con cinque punti”, ha detto Snell, più di quanto abbia permesso a qualsiasi altro battitore. “Preferirei essere nella mia squadra.”