Luglio 2, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Finali NBA Gara 3: L'infortunio di Steve Curry 116-100 persa dai Golden State Warriors contro i Boston Celtics

Finali NBA Gara 3: L’infortunio di Steve Curry 116-100 persa dai Golden State Warriors contro i Boston Celtics



CNN

verso la fine del terzo trimestre, steve curry Un triplo indicatore di scarico di 27 piedi per portare avanti i Golden State Warriors Boston Celtics Per la prima volta dal minuto di apertura.

È stata anche l’ultima volta che ha guidato i Warriors, battuti 116-100 dai Celtics che sono andati 2-1 in Le finali dell’NBA La migliore serie su sette.

La brutta notte è diventata ancora peggiore per Golden State quando Curry è caduto a terra in una rissa per una palla vagante con Al Horford di Boston, che è rotolato sul piede di Curry a quattro minuti dalla fine della partita.

Nonostante il dolore a terra, l’incantesimo Warriors ha continuato a giocare prima di lasciare il campo due minuti dopo.

“Abbiamo bisogno di lui se vogliamo vincere questa cosa”, ha detto il collega Splash Brother di Curry, Klay Thompson. “So che Steve farà tutto ciò che è in suo potere per giocare. Spero davvero che stia bene perché è la nostra identità e senza di lui sarà molto difficile”.

Curry ha dimostrato di essere l’unico giocatore dei Warriors in grado di sfidare una dura difesa dei Celtics che ha mostrato la sua superiorità negli ultimi tempi, dato che Golden State ha segnato 11 punti nel quarto quarto.

È stato il capocannoniere di mercoledì con 31 punti e Golden State cercherà disperatamente di recuperare in tempo per Gara 4.

“Ovviamente, per un po’ di dolore, ma starò bene”, ha detto Curry ai giornalisti dopo la partita. “Guarda come mi sento domani e preparati per venerdì.

“Non credo che perderò una partita. Utilizzerò le prossime 48 ore per prepararmi”.

Boston ha corso per un vantaggio iniziale con l’aiuto di due tre punti di Jaylene Brown, che ha guidato i Celtics con 27 punti, nove rimbalzi e cinque assist, nel primo quarto. Il vantaggio di Boston si espanse a 15 punti ei Celtics erano in vantaggio 33-22 nel secondo quarto.

I Warriors hanno tirato 8 su 23 all’inizio mentre la loro difesa agitata ha subito più errori di cui tre hanno chiamato Curry nel primo tempo.

Ma, come è successo così spesso in questa stagione, Golden State si è riorganizzato nel terzo quarto e ha portato a 14-3, abbastanza per cancellare il vantaggio dei Celtics.

In gara 2, un periodo di segnare nel terzo quarto è stato sufficiente per assicurarsi la vittoria dei Dubs, ma questa volta i Celtics hanno trovato il modo di reagire.

“Mi sentivo come se la nostra squadra fosse ben preparata in quei momenti”, ha detto Horford ai giornalisti dopo la partita. «Sai, all’inizio dell’anno, sarebbe potuto finire rapidamente.

“Ma siamo rimasti fermi e ci siamo chiusi dentro e non ci siamo fatti prendere dal panico e abbiamo continuato a giocare”.

Brown ha segnato 27 punti per i Celtics.

Boston è scivolato di 11-6, ha recuperato il comando dirigendosi al quarto posto e non è mai più rimasto indietro.

Jason Tatum, Marcus Smart e Brown hanno tutti contribuito con più di 20 punti, cinque rimbalzi e cinque assist e sono diventati il ​​primo trio dei suoi compagni di squadra a raggiungere questo obiettivo in una finale NBA dai tempi del trio di Magic Johnson dei Los Angeles Lakers, Kareem Abdul-Jabbar e Michael Cooper nel 1984 – la serie The Celtics finì accidentalmente per vincere sette partite.

Queste finali NBA saranno un’eco dei risultati del 1984? Il gioco 4, in programma venerdì, fornirà le risposte.

READ  Regalo Coach K per i giocatori di Duke dopo una sconfitta: il loro sollievo dal dolore