Gennaio 29, 2023

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Facciamolo, St. Louis!  Di Wilson Contreras

Facciamolo, St. Louis! Di Wilson Contreras

Per prima cosa: nessuno può sostituire Yadier Molina. Lo sappiamo tutti.

Questo è impossibile. Infatti, se c’è una parola significa che è più impossibile della parola impossibile …è quello che è.

Yadir Molina è una leggenda.

È il primo Hall of Famer votato. Uno dei migliori di sempre. Yadi è un mentore e un’ispirazione per persone come me. È la persona che ammiriamo. un esempio. Ammiro tutto di lui: quello che ha fatto per la sua squadra, per questo gioco, per la comunità di St. Louis. È l’uomo che stabilisce gli standard che tutti cercano di raggiungere. Quindi, sì, la mia mano? Non è qualcuno che ho sostituito. E di certo non sto cercando di farlo.

Ma voglio dire che uno dei motivi principali per cui sono così entusiasta di entrare a far parte dei St. Louis Cardinals è che sarà un grande onore provare a portare avanti la tradizione di eccellenza che Yadi ha stabilito durante il suo mandato. 19 anni nei campionati maggiori. Ho imparato molto da questo ragazzo nel corso degli anni guardandolo giocare. Come si comporta, le sue passioni, tutte queste cose sono impossibili da perdere. Tutto ciò che riguarda la sua dedizione, quanto duramente ha lavorato, il tipo di giocatore e compagno di squadra che era, il desiderio di migliorare ogni giorno… tutto è unico. E tutto ciò mi ha ispirato a continuare a spingere per migliorare in modo da poter essere il miglior giocatore e capitano possibile per i Cardinals.

Questo sarà davvero uno dei più grandi onori di tutta la mia vita.

Quindi, non potrei essere più entusiasta di venire a St. Louis. È un sogno che si avvera di sicuro. Allo stesso tempo, però, mentirei se provassi a dire che questo non sarebbe un grande cambiamento per me… come se non fosse un grosso problema.

Tutto quello che so del baseball da quando ero adolescente sono i Chicago Cubs.

L’accademia di baseball dei Cubs in Venezuela era a cinque minuti di macchina da casa mia a Puerto Cabello. Avevo solo 16 anni quando ho firmato con Chicago. Poi, nel giro di un anno, ero su un aereo per gli Stati Uniti, appena abbastanza grande per guidare un’auto. Non conoscevo l’inglese. Tutto quello che sapevo era il baseball. e cuccioli.

Questo era il mio mondo.

E non potrei essere più grato che sia andata così anche per me. Sono stato molto fortunato a far parte della famiglia Cubs negli ultimi 13 anni. È stato un viaggio incredibile! Voglio dire, vincere subito il campionato del mondo? Nella mia stagione da rookie? Le cose non migliorano molto. È un’esperienza che non dimenticherò mai finché vivrò.

Ma niente dura per sempre, giusto?

So di aver dato tutto me stesso per i Cubs nel corso degli anni. Ho fatto tutto il possibile per contribuire a migliorare la squadra. Ho giocato nonostante gli infortuni. Lascia tutto là fuori sul campo. Sono orgoglioso di ciò che hai contribuito.

Quindi non ho rimpianti per aver voltato pagina. Ho lavorato duramente per molti anni per arrivare a questo posto, per essere in questa posizione. È qualcosa che sognavo: costruire una carriera che mi permettesse di arrivare dove sono ora. E me ne vado sapendo di aver fatto tutto il possibile per la mia squadra.

Ma ora la mia squadra sono i Cardinals.

Sam Mahler/tribuna dei giocatori

Andare alle carte sarebbe una cosa completamente diversa per me, di sicuro.

La rivalità tra queste due squadre è stata una parte importante della mia vita negli ultimi sei anni e ora giocherò per l’altra squadra. Ne sono entusiasta, per vedere che aspetto ha. So per certo di aver preso la decisione migliore qui. Tutto sembra completamente a posto.

I Cardinals si sono presi il tempo per conoscere veramente Wilson Contreras. E questo è stato enorme per me e la mia famiglia. Sono venuti a incontrarmi a Orlando e ho sentito subito una connessione. Ho trascorso molto tempo con il presidente delle operazioni di baseball della squadra, John Mozeliak, e il manager, Oliver Marmol, e questi ragazzi… non potremmo essere più d’accordo.

Si tratta solo di vincere.

Mi hanno chiesto cosa significasse per me vincere, e poi abbiamo parlato a lungo di come lavoro, di cosa faccio per aiutare la mia squadra, per aiutare i tiratori a migliorare giorno dopo giorno. Ho parlato di quanto apprezzo vincere su tutto e di come sono un imprenditore. Ho detto loro che non vedevo l’ora di creare relazioni e legami duraturi con i miei nuovi compagni di squadra e poi, dopo, sarei disposto a fare tutto il possibile per aiutarci a vincere.

Lascerò il mio cuore in campo per questa squadra. per questa città. a San Luigi. L’ho detto chiaro.

Questa è una squadra costruita per vincere. Sono costruiti per vincere ora e sono costruiti anche per vincere in futuro.

Wilson Contraras

Ho anche fatto un sacco di domande diverse, ovviamente, e ogni risposta che ho ricevuto è stata musica per le mie orecchie. Perché era abbastanza chiaro che vincere era tutto a St. Louis. E non solo vincere… ma vincere in squadra, con tutti che lavorano insieme.

Alla fine della giornata, ero così felice quando mi hanno detto che credevano in me, come giocatore e come persona. Mi hanno apprezzato. Mi hanno detto che non sarebbero venuti a trovarmi se non avessero pensato che potevo essere il ragazzo che va nella Hall of Fame, il che è sempre fantastico.

E quando l’hanno detto? senti? Maen, lascia che ti dica. Mi ha fatto venire i brividi. Innanzitutto, ovviamente, mi ha fatto sentire orgoglioso. Ma mi ha anche entusiasmato, eccitato e ispirato a far parte dell’organizzazione Cardinals. Per essere un leader in questo club. Quindi la loro fiducia in me, e il modo in cui l’hanno spiegato… è probabilmente quello che ha influenzato di più la mia decisione.

Sam Mahler/tribuna dei giocatori

Ora che ho preso questa decisione, non vedo l’ora di iniziare a incontrare tutti i membri dell’organizzazione e imparare il più possibile su come funzionano le cose a St. Louis. Ho molto rispetto per l’organizzazione Cardinals. Solo giocando contro i Cards in tutti questi anni e conoscendo in prima persona la loro base di fan, l’energia del loro campo da baseball e la passione della città per il baseball… posso sempre dire che c’è qualcosa di veramente speciale là fuori. bloccato con me.

Durante questo processo, mi sono immaginato con diversi team. (Non puoi fare a meno di farlo. Capisci cosa intendo?) E quando ho chiuso gli occhi e mi sono visto dietro il piatto dei St. Louis Cardinals, non lo so… ho davvero amato la sensazione di quello. Sembrava giusto. E posso dire che sarà fantastico giocare per questa squadra.

Questa è una squadra costruita per vincere. Sono costruiti per vincere ora e sono costruiti anche per vincere in futuro. È una squadra che continua a migliorare. E questa lista è piena di grandi giocatori – Arenado, Goldschmidt, Edman, Gorman, tutti questi tiratori… Potrei continuare. È molto eccitante per me. Non vedo l’ora di passare del tempo con tutti loro, conoscerli e iniziare a lavorare per le World Series.

So cosa ci vuole per arrivarci. Sono spinto a tornare indietro, lo voglio più di ogni altra cosa. Quindi questa non può essere più di una vittoria. È l’abbinamento perfetto. Non vedo l’ora di iniziare.

Ora usciamo e vinciamo alcuni titoli insieme, St. Louis.

READ  Avalanche vs. Lightning Stanley Cup Punteggio finale Gioco sei: Colorado vince 2-1 per il campionato della terza squadra