Maggio 20, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Esclusivo: Sonos sta per introdurre il proprio assistente vocale

Esclusivo: Sonos sta per introdurre il proprio assistente vocale

Sonos si prepara a introdurre il proprio servizio di assistente vocale nelle prossime settimane, secondo le persone che hanno familiarità con i piani dell’azienda. La funzionalità audio consentirà ai clienti di riprodurre e controllare la musica sull’intero sistema audio domestico Sonos.

Farà parte di un prossimo aggiornamento software che raggiungerà per la prima volta i clienti statunitensi il 1 giugno, per essere seguito da un lancio internazionale. Sonos Voice sostituirà Amazon Alexa e Google Assistant, che Sonos già supporta su altoparlanti intelligenti e altoparlanti abilitati alla voce. Tutti i prodotti Sonos che eseguono il software S2 dell’azienda supporteranno Sonos Voice Control.

Sonos è stato recentemente pubblicato Opportunità di lavoro relative a “Sonos Voice Experience”.“, con la società che afferma che la sua ambizione è “rendere le interazioni vocali completamente private, più personali e più naturali”. “Il debutto di Sonos Voice segnerà un momento cruciale nell’espansione dei servizi di Sonos mentre l’azienda cerca di aumentare il proprio business hardware.” (Sonos Radio, Higher Quality Driven Radio Sonos HD È stata la prima di queste campagne nei Servizi.) L’offerta offrirà servizi di base simili ai concorrenti esistenti, consentendo ai proprietari di prodotti Sonos di riprodurre brani, artisti o playlist selezionati con comandi vocali, tra le altre funzioni.

Al momento del lancio, Sonos Voice funzionerà con Apple Music, Amazon Music, Pandora, Deezer e Sonos Radio dell’azienda. Spotify e YouTube Music di Google non sono ancora in uso. In linea con la preoccupazione di Sonos per la privacy, la funzione non registrerà i comandi vocali dell’utente né li trasmetterà al cloud per l’elaborazione. “Hey Sonos” sarà il campanello d’allarme per Sonos Voice Control e i test interni dell’azienda mostrano che è più veloce dei servizi ausiliari concorrenti per le attività musicali di base.

READ  Lost Ark World Bosses Guide: posizioni, bottino e altro

Sonos ha rifiutato di commentare questa storia, citando la sua politica di non commentare voci o speculazioni. Ma attraverso i vari annunci di lavoro del produttore audio e “sistema operativo home theaterL’azienda ha offerto uno sguardo al futuro in quanto si concentrerà maggiormente sul software e cercherà di affermarsi come hub centrale per l’intrattenimento in streaming, andando potenzialmente oltre l’audio per integrare anche il video.Patrick Spence, CEO di Sonos, ha accennato a questi obiettivi nelle interviste. Ha detto: “Investi sempre prima della curva Il sciogliere notazione audio. “Stiamo assumendo persone che si occupano di software per andare in nuove aree in cui non ci troviamo oggi. Con il senno di poi, è più facile capire che l’azienda sta lavorando su tutte queste grandi cose. Semplicemente non l’abbiamo visto in quel momento. ” “

I servizi vocali sono stati un punto critico nella faida di Sonos con le grandi aziende tecnologiche tra cui Google e Amazon. due anni fa, Spence ha detto ai legislatori statunitensi Google ha rifiutato di consentire al suo servizio Assistant di funzionare contemporaneamente a un prodotto Amazon concorrente sullo stesso dispositivo. Spence ha detto che Amazon non era vincolata. Sonos, Google e Amazon continuano a collaborare come partner nonostante Sonos li accusi pubblicamente Tattiche di prezzo sleali E Violazione di brevetto; Hai citato con successo in giudizio Google per quest’ultimo, Forza modifiche minori Per riprodurre audio multi-room e controlli del volume in alcuni programmi Google.

Lo sviluppo della propria funzione audio da parte di Sonos non era esattamente un segreto mantenuto. L’azienda ha mostrato interesse per i sondaggi sui clienti e l’anno scorso sono stati scoperti i primi dettagli sul servizio nell’app mobile Sonos (Come notato qui protocollo). All’epoca, gli screenshot indicavano che sarebbe stato possibile utilizzare il servizio vocale Sonos in tandem con Alexa, con i clienti in grado di utilizzare entrambi pronunciando la rispettiva parola di avviso. Ma le immagini hanno mostrato che Google Assistant e i display vocali di Sonos non possono essere accoppiati allo stesso modo, un altro segno dello stretto controllo di Google su come e dove vengono utilizzati i suoi servizi. Il blogger Carsten Knobloch è stato recentemente pubblicato Alcuni screenshot aggiuntivi di Sonos Voicema la data di rilascio e i servizi supportati non sono stati segnalati in precedenza.

READ  Xbox Game Pass è stato rivelato per il resto di maggio 2022, inclusi 6 primi giorni di nuove versioni

Sonos Voice Experience si atterrà alle basi al momento del lancio. Ma se le persone sono in grado di utilizzare Alexa allo stesso tempo – Sonos chiama questa funzione “sincronizzazione vocale” – potranno dare a Sonos una possibilità senza sacrificare l’integrazione della casa intelligente o altre funzioni varie che il servizio vocale Sonos potrebbe offrire ad alcuni.

L’obiettivo dichiarato di Sonos di rendere la voce “completamente privata” potrebbe essere un altro modo importante per differenziarla da Alexa e Google Assistant, che fanno entrambi molto affidamento sul cloud computing. Amazon afferma che Alexa è costruito con “più livelli di privacy e sicurezza” e Google offre garanzie simili. Ma alcuni consumatori rimangono intrinsecamente diffidenti nei confronti dell’audio e della grande tecnologia Utilizzo delle interazioni vocali per scopi pubblicitari.

Lo scorso mese , il bordo Hai menzionato che il nuovo prodotto hardware di Sonos è un altoparlante economico di circa $ 250. questo dispositivo , Sono RaySarà anche annunciato nelle prossime settimane. A differenza dei più costosi altoparlanti Arc e Beam dell’azienda, non avrà microfoni integrati per il controllo vocale.