Luglio 24, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Episodio 4 Finale cliffhanger spiegato dallo scrittore principale

Episodio 4 Finale cliffhanger spiegato dallo scrittore principale

Avviso spoiler: Questa storia include una discussione sui principali sviluppi della trama della seconda stagione, episodio 4 di “Loki”, attualmente in streaming su Disney+.

Quando Eric Martin iniziò a scrivere il finale della prima stagione di “Loki” (insieme all’allora capo sceneggiatore Michael Waldron), aveva già la sensazione che lo show dei Marvel Studios sarebbe continuato per una seconda stagione.

“C’erano sicuramente delle voci a riguardo mentre eravamo ancora nella stanza degli sceneggiatori per la prima stagione”, dice Martin. “Non è diventata una certezza finché non abbiamo avuto il coronavirus”.

Durante la pausa forzata dovuta alla pandemia – Martin stima che abbiano girato “circa un terzo della prima stagione” prima della chiusura – Martin dice che il dirigente dei Marvel Studios Kevin Wright gli ha chiesto di diventare lo scrittore capo della seconda stagione. Iniziamo a capire dove dovremmo portare la prossima metà della storia.

Questo sforzo raggiunge un punto di svolta pericoloso nell’episodio di questa settimana, “Il cuore della TVA”, quando il Timeloom titolare – il meccanismo che sfrutta l’energia del tempo per alimentare la TVA e collegare la Sacra Linea Temporale – esplode sotto la pressione del Sacro. Timeloom. Un multiverso infinitamente ramificato; La conseguente eruzione sembra spazzare via Loki (Tom Hiddleston) e i suoi compatrioti prima che l’episodio diventi nero.

Eric Martin
Katie Martin

Questo disastro è il risultato diretto della decisione presa dall’alter ego di Loki Sylvie (Sofia Di Martino) nel finale della prima stagione di uccidere il creatore della TVA, He Who Remains (Jonathan Majors) – che ha accelerato la creazione del Multiverso.

“Quando i tiranni vengono rovesciati, quando i regimi crollano, c’è il caos”, dice Martin. “I problemi sorgono sempre in quelle situazioni che nessuno si sarebbe potuto aspettare, perché il sistema se ne prendeva cura silenziosamente.”

Fa parte del tema generale di Martin per la seconda stagione, ovvero esaminare cosa succede quando i personaggi e la stessa TVA vengono spinti al punto di rottura. “Le persone possono cambiare? Possono cambiare le istituzioni? Cosa succede quando il sistema crolla e bisogna costruirne uno nuovo? Questo è proprio ciò a cui stiamo guardando”, afferma Martin. Tutto risale all’idea di caos contro ordine, il che ha molto senso, perché abbiamo a che fare con molto caos.

Poiché Loki stesso è il dio del male, questa dicotomia gioca direttamente nel modo in cui la serie “Loki” mira a decostruire uno dei personaggi più popolari dell’intero universo cinematografico Marvel.

“Stiamo riportando in vita le ferite del vecchio Loki, ma lui sta ancora combattendo per qualcosa di più grande di lui”, dice Martin. “Reinventarsi e scoprire se stessi è davvero il tema principale di tutta la nostra stagione.”

Martin ha discusso con diversificato Come ha messo insieme la seconda stagione di “Loki”, la sua esperienza con lo stile Marvel e la misteriosa regola che governa il suo approccio allo show.

Gareth Gatrell

“Voglio che ti chiedi”

Sicuramente la più grande aggiunta di Martin alla seconda stagione è stata Ke Huy Quan nei panni di Ouroboros (alias OB), un tecnico che vive nei più bassi angoli della TVA come capo (e, a quanto pare, unico dipendente) del Dipartimento Riforme e Progressi. Il personaggio è nato dall’interesse di Martin nell’espandere la portata della TVA come istituzione.

“Mi sentivo come se nella prima stagione fossimo su due livelli diversi”, dice. “Lo vediamo come un luogo ampio ed espansivo. Quindi chi sono le persone che lavorano ai livelli inferiori?

Martin ha avuto l’idea di OB dai suoi parenti. “Vengo da una famiglia di ingegneri”, afferma. “È un tipo di persona molto speciale. Ad esempio, OB si è distinto nella mia mente come qualcuno come i miei zii. Amano gli aspetti tecnici del loro lavoro e si concentrano solo su quelli quando lo fanno. Alla TVA, nessuno invecchia; il tempo semplicemente sta fermo. Beh, cosa succederebbe se “c’è qualcuno che è stato là fuori per qualche centinaio di anni a fare tutte queste cose e si diverte così tanto perché ama quello che sta facendo? È circondato da tutti i suoi strumenti. Questo è ciò che ama” .”

Mentre OB è responsabile della progettazione della stragrande maggioranza degli strumenti TVA, il Timeloom è stato presumibilmente inventato e costruito da He Who Remains – un’affermazione piuttosto nerd che solleva una domanda ancora più strana: che aspetto aveva la Timeline? Prima Modalità ora?

“Voglio che interroghi”, dice Martin. “Il telaio è una di quelle cose che ti chiedono: ‘Come funzionava prima?’. Come funzionava tutta questa configurazione prima? Cercare di capirlo può causare qualche mal di testa. Ma penso che quello che puoi capire è, beh, di cosa possiamo fidarci “Cosa hanno detto gli altri e di cosa non possiamo fidarci? Non credo che lo sappiamo, vero? Stiamo scoprendo tutto adesso.”

Studi Marvel

“Qual è un modo straordinario per gestire questo personaggio?”

Forse la seconda più grande aggiunta alla seconda stagione riguarda l’introduzione di Victor Timely, una versione diversa di Who che continua a vivere come inventore nella Chicago della fine del XIX secolo. Sia Timely che He Who Remains sono versioni di Kang, che dovrebbe essere il cattivo centrale della Saga Multiverso dell’Universo Cinematografico Marvel. Ma mentre Martin dice che sapeva di non poter “mettere fine alle cose per il personaggio”, non gli è stato nemmeno dato alcun parametro su cosa fare con Timely.

“Non c’era davvero una conversazione iniziale del tipo: ‘Ehi, puoi o non puoi farlo con il personaggio'”, dice.

All’inizio, Martin ha detto che la seconda stagione era stata progettata per essere “un’introduzione a una guerra nel multiverso e si basava fortemente sugli aspetti multi-personalità di Kang”. Ma alla fine, ha ritenuto che questa fosse una tendenza abbastanza chiara.

“Mi sono chiesto, qual è il modo sorprendente di gestire questo personaggio, qualcosa che è un po’ a sinistra del centro, dopo aver incontrato He Who Remains?” Ed è qui che entra in gioco Victor Timely. “Nei fumetti c’è il personaggio Victor Timely. È molto magro. È una specie di versione di Kang che è andato nel passato e ha avuto un piano stupido.

Per approfondire il personaggio, Martin e gli scrittori lo hanno concepito come un Nikola Tesla attraverso un truffatore.

“Quando sei così avanti rispetto a tutti gli altri, quello che stai facendo non ha senso per loro”, dice. “Quindi devi ingannare un po’ le persone per ottenere dei soldi, e poi puoi andare a lavorare sui tuoi progetti.”

Gareth Gatrell

“Vorrei avere più controllo su tutto”

Con così tanti fili narrativi intrecciati che emergono in questa stagione, Martin ha deciso che avrebbe dovuto scrivere tutti e sei gli episodi della stagione.

“Queste cose possono essere molto difficili”, dice. “Fondamentalmente, stiamo realizzando tre film Marvel e la cosa può sfuggire al controllo. Quindi ho deciso: ‘Okay, forse ho bisogno di creare ciascuna di queste sceneggiature da solo per provare a mettere insieme questa cosa.’

Quando la produzione cominciò a prendere slancio, la scrittrice Catherine Blair si unì a Martin per completare l’episodio 4. Quando Martin contrasse il coronavirus, la scenografa Kasra Farahani e il suo partner di sceneggiatura Jason O’Leary finirono di lavorare sull’episodio 3, che Farahani diresse fino alla fine della serie. programma di produzione.

Ma sebbene Martin fosse lo sceneggiatore capo della seconda stagione di Loki e fosse una presenza quasi regolare sul set a Londra, non era lo showrunner: una distinzione unica per i Marvel Studios, che finora si sono avvicinati alle proprie serie TV per Disney+ attraverso il film. modello cinematografico, l’ultima parola spetta ai produttori e ai registi, non agli sceneggiatori. Nel caso di Loki, ciò significava che Wright e i registi Justin Benson e Aaron Moorhead supervisionavano la logistica della produzione, mentre Martin supervisionava la stanza degli sceneggiatori.

“Ci sono molti meccanismi Marvel che guidano le cose e prendono molte delle decisioni che uno showrunner potrebbe prendere”, afferma Martin. “C’ero anch’io per quelli. Non sono io quello che ha l’ultima parola su di essi.”

La Marvel ha recentemente deciso di riportare la sua produzione televisiva al modello di spettacolo tradizionale, a cominciare da “Daredevil: Born Again”; Quando gli è stato chiesto come si sentisse a non essere uno showrunner di “Loki”, Martin ha gentilmente alzato le spalle.

“Come tutti, vorrei avere più controllo su tutto”, afferma. “Ma ho affrontato tutto con molta cautela e l’ho considerata un’opportunità. Quando sei uno showrunner, devi prendere molte decisioni non creative. Non dovendo occuparmi di far funzionare i treni, posso concentrarmi sul design creativo e lavorare semplicemente sulle sceneggiature ancora e ancora.” E ancora e ancora. Quindi ho provato a considerarlo un vantaggio in questo modo. Ho fatto del mio meglio per concentrarmi sulle sceneggiature e cercare di raccontare una bella storia e dare a tutti i miei collaboratori ciò di cui avevano bisogno per svolgere il loro lavoro migliore e ottenere qualche ora in più di sonno non dovendo essere l’unica persona al vertice dell’azienda a fare tutto.

Studi Marvel

“C’è una logica molto specifica su ciò che sta accadendo ora”.

Dato che “Loki” ha a che fare con il multiverso, Martin ha tecnicamente la capacità di risolvere qualsiasi enigma della trama attraverso il viaggio nel tempo e la resurrezione di personaggi alternativi: un trucco narrativo tanto conveniente quanto insoddisfacente. Alla domanda su questo dilemma, soprattutto riguardo alla fine dell’episodio 4, Martin ha sorriso con un sorriso complice.

“C’è una regola molto specifica che ho in mente durante questa fase della stagione e oltre”, afferma. “Non parlerò nello specifico di quello che è adesso perché non voglio spoilerarvi le cose. Metto lì degli standard perché penso che ti costringa a essere più creativo, piuttosto che avere tutto a tua disposizione. Ma c’è una logica molto specifica per ciò che sta accadendo ora”.

Quindi cosa dobbiamo aspettarci negli ultimi due episodi?

“Dirò solo che ovviamente la storia continua”, dice Martin. “Semplicemente non aspettarti una linea retta.”

READ  Brittany Snow, allume di “American Dreams”, afferma che la costar di “Pitch Perfect” “mi ha riportato in salute” dopo “la più dura sfida di salute mentale che abbia mai affrontato”