Dicembre 4, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Epic afferma che Google ha pagato $ 360 milioni per impedire ad Activision di lanciare il proprio App Store

Epic afferma che Google ha pagato $ 360 milioni per impedire ad Activision di lanciare il proprio App Store

Activision Blizzard e Riot Games hanno entrambi dichiarato a Google a un certo punto che avrebbero potuto lanciare i propri app store per dispositivi mobili, secondo i nuovi documenti depositati nella causa antitrust di Epic contro il gigante della ricerca. I dettagli sono emersi nel contesto delle accuse di accordi importanti firmati con le due società. Google avrebbe accettato di pagare ad Activision circa $ 360 milioni in tre anni e Riot ha accettato di pagare circa $ 30 milioni per un contratto di un anno.

in unico documento, Karen Aviram Beatty, un dirigente di Google, riferisce di una conversazione con l’attuale CFO di Activision Blizzard, Armin Zerza, un mese prima che le due società firmassero il mega accordo. Se questo accordo fallisce, [Zerza] rivendicarla Lanceranno la loro piattaforma di distribuzione mobile (in collaborazione con “un altro importante operatore di telefonia mobile” – presumo Epic)raddoppiando con Amazon/Twitch (o MSFT) per Cloud/eSports [sic]e stai alla larga da Stadia”, ha scritto Betty (stringere il mio re). Mentre Zerza potrebbe aver condotto alcune negoziazioni hardcore, Activision non ha ancora lanciato il proprio app store per dispositivi mobili, quindi sembra che la società sia stata soddisfatta di come l’accordo alla fine si concluderà.

Un altro documento è la testimonianza di un testimone anonimo che sembra essere qualcuno che ha partecipato o partecipato a “Project Hug”, il programma di Google progettato per incentivare e supportare gli sviluppatori del Play Store. in sedimentazioneIl testimone ha detto che Riot Games ha detto a Google che stava prendendo in considerazione il lancio di un app store Android concorrente. Successivamente, il testimone ha affermato che “Riot e Activision Blizzard King sono stati molto diretti con noi” riguardo alla possibilità di avviare i propri app store.

READ  AMD annuncia Radeon RX 7900XTX e 7900XT con GPU Navi 31 "RDNA3"

Project Hug Agreements è apparso per la prima volta nell’agosto 2021 come parte di un reclamo Epic non modificato. Ma epico, in Giovedì è stata presentata una denuncia recentemente modificataafferma che le offerte di Project Hug sono progettate “per impedire allo sviluppatore di aprire un negozio concorrente o di distribuire in altro modo le proprie app al di fuori del Google Play Store”.

Epic è stato originariamente lanciato Fortnite fuori da Google Play nel 2018, il che gli ha permesso di superare le commissioni di Google, ed Epic ha già sostenuto che Project Hug è stato progettato per invogliare gli sviluppatori a restare con Play piuttosto che creare i propri negozi. (Alla fine è stato allevato l’epico Fortnite al Play Store nel 2020, ma è stato rimosso pochi mesi dopo.) Ma sulla base di nuovi documenti, sembra che Activision e Riot stiano pensando di farlo da soli.

nelle osservazioni il bordoGoogle e Activision hanno respinto le affermazioni di Epic. Google ha affermato che programmi come Project Hug non impediscono agli sviluppatori di creare i propri app store e Activision ha affermato che Google non li ha fatti accettare di non competere con Google Play.

“Epic caratterizza erroneamente i colloqui commerciali”

Il portavoce di Google Michael Appel ha dichiarato: “Epic caratterizza erroneamente i colloqui commerciali”. “programmi Project Hug offre incentivi agli sviluppatori per offrire vantaggi e accesso anticipato agli utenti di Google Play quando vengono rilasciati contenuti nuovi o aggiornati; Non impedisce agli sviluppatori di creare app store concorrenti, come afferma falsamente Epic. In effetti, il programma è la prova che Google Play compete lealmente con i suoi numerosi concorrenti per gli sviluppatori, che hanno una serie di opzioni per distribuire le proprie app e contenuti digitali”.

READ  Questa TV LG 4K da 85 pollici ha raggiunto il suo prezzo più basso di sempre in questo affare del Black Friday

“Activision ha testimoniato in tribunale che Google e Activision non hanno mai raggiunto un accordo sul fatto che Activision non avrebbe aperto il proprio app store”, ha dichiarato il portavoce di Activision Joe Christinat. “Google non ci ha mai chiesto, fatto pressioni o fatto accettare di non competere con Google Play. Abbiamo fornito i documenti e le certificazioni per dimostrarlo. Affermazioni epiche non hanno senso”.

Riot non ha risposto a una richiesta di commento.

Una delle mostre di Epic contiene anche un elenco di oltre 20 società che Google ha firmato per accordi Project Hug (ora tecnicamente il “Programma Games Velocity”) a partire da luglio 2022. Activision e Riot sono entrambe elencate, così come le grandi società di giochi come EA , Niantic, Nintendo, Tencent e Ubisoft.