Maggio 27, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Endurance, la nave perduta di Ernest Shackleton, ritrovata in Antartide 107 anni dopo

Endurance, la nave perduta di Ernest Shackleton, ritrovata in Antartide 107 anni dopo

Uno dei più grandi misteri marini dell’era moderna è stato risolto quando un team di esploratori ha affermato di aver scoperto il relitto dell’Ernest Shackleton Endurance, scomparso sotto il ghiaccio marino antartico nel 1915.

Un team internazionale di archeologi e scienziati marini ha localizzato il relitto a 3.000 metri sotto il mare di Weddell, a circa quattro miglia a sud del sito originariamente registrato quando il cuscinetto è affondato.

I video mostrano che la nave, scoperta il 5 marzo, era ben conservata nelle acque gelide, con il suo nome ben visibile a poppa.

“Questo è di gran lunga il miglior relitto di legno che abbia mai visto. È dritto, sul fondo del mare, intatto e in condizioni superbamente protette”, ha affermato Minson Bond, Direttore dell’esplorazione di Expedition Endurance22.

Un video clip mostra il relitto dell’esploratore polare Ernest Shackleton’s Endurance, che affondò nelle acque antartiche e scomparve sotto il ghiaccio marino nel 1915. La nave fu trovata a quasi due miglia sotto l’oceano. Foto: Falkland Maritime Heritage Trust/National Geographic

Il Falkland Maritime Heritage Trust ha condotto la ricerca di resistenza a bordo della nave polare per la ricerca e la logistica SA Agulhas II, che è salpata da Cape Town all’inizio di quest’anno e ha utilizzato i sottomarini per localizzare la nave.

Il relitto è protetto come sito storico e monumento dal Trattato Antartico del 1959.

L’acqua era pura come acqua distillata, con una visuale di almeno 30 metri. “Sembrava un viaggio nel tempo”, ha detto lo storico Dan Snow, che faceva parte dell’esplorazione.

La storia e la resistenza di Shackleton sono cadute nel mito dell’esplorazione dell’Antartide. La spedizione imperiale transantartica fu il primo tentativo di attraversare l’Antartide a piedi, ma la resistenza fu catturata e infine schiacciata dal ghiaccio marino.

L’esplorazione ha anche condotto ricerche scientifiche sugli effetti dei cambiamenti climatici, comprese le condizioni meteorologiche nel Mare di Weddell e studi sullo spessore del ghiaccio marino. “Abbiamo condotto ricerche scientifiche significative in una parte del mondo che influisce direttamente sul clima e sull’ambiente globali”, ha affermato il dottor John Shears, leader della campagna.

Viaggio di recupero dopo le immersioni nel Mare di Weddell.


Foto:

Esther Horvath/AFP/Getty Images

Scrivi a James Lee a james.leigh@wsj.com

Copyright © 2022 Dow Jones & Company, Inc. tutti i diritti sono salvi. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

READ  Il petrolio scende mentre la chiusura di Shanghai aggrava il timore di una domanda debole