Luglio 14, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Elezioni russe: il voto organizzato darà a Putin un altro mandato

Elezioni russe: il voto organizzato darà a Putin un altro mandato

  • Scritto da Steve Rosenberg
  • Redattore di Russia, Borovsk

Commenta la foto,

La street art di Vladimir Ovchinnikov adorna le mura di Borovsk, tranne quando diventa troppo politica

Mentre passeggiavo per Borovsk, due cose hanno attirato la mia attenzione su questa città a 100 chilometri da Mosca.

In primo luogo, non c’è quasi alcun segno che le elezioni presidenziali si avvicinino questo fine settimana.

Vedo pochi cartelli o cartelloni elettorali e nessun volantino politico distribuito.

Non sorprende davvero. L’assenza di preparativi elettorali riflette l’assenza di drammaticità attorno all’evento organizzato che garantirà a Vladimir Putin un quinto mandato al Cremlino.

Un'altra cosa che non puoi fare a meno di notare a Borovsk è la street art. È ovunque.

Molti di loro sono stati creati dall'artista di strada Vladimir Ovchinnikov. In tutta la città il suo lavoro guarda dai muri e dagli edifici.

La maggior parte dei suoi dipinti non sono controversi. Come un mappamondo gigante che racconta la storia della città. O una foto di un famoso calciatore.

Ma sempre più spesso, quando Vladimir dipinge un quadro della Russia odierna, risulta essere molto desolante.

“Lo chiamo il massimo dell'ambizione”, mi ha detto l'artista 86enne. Il dipinto che mi mostra a casa mostra un uomo in uniforme da arti marziali che cammina su una corda sopra una montagna di teschi umani.

“Questo è ciò a cui può portare l’ambizione di qualcuno che ricopre la più alta posizione di potere”.

Ancora più drammatica è la sua foto di due tritacarne che tritano le persone – una targata 1937 (l’anno del Grande Terrore stalinista); E un'altra operazione militare speciale (la guerra della Russia in Ucraina).

“Non abbiamo imparato alcuna lezione”, conclude Vladimir.

Dopo che l'artista ha dipinto simili tritacarne sul muro, è stato multato per “diffamazione” dell'esercito russo. Stesso risultato per la street art che mostra dei missili che cadono su una ragazza che indossa i colori giallo e blu dell'Ucraina.

Vladimir usa la sua arte non solo per commentare il presente, ma per evidenziare l'oscuro passato della Russia: la repressione sotto Stalin. I suoi scritti di critica alla guerra in Ucraina non sono ben accolti dalle autorità. Viene disegnato rapidamente.

“I miei dipinti fanno riflettere la gente: abbiamo ragione o abbiamo torto in questo conflitto?” Mi dice Vladimir. “Credo che questo sia un crimine contro l'integrità territoriale di un paese vicino. Lo giustificherò se rimani in silenzio”.

“Molte persone restano in silenzio perché hanno paura della repressione, di perdere il lavoro e di essere criticate dagli altri”.

Dopo la morte in prigione del leader dell'opposizione Alexei Navalny, Vladimir ha dipinto il ritratto di Navalny su una lapide commemorativa locale in onore delle vittime della repressione politica.

“Lo stesso giorno qualcuno lo ha cancellato”, mi ha detto Vladimir. “Ma a casa avevo disegnato una bozza su cartone. Così l'ho presa più tardi e l'ho messa accanto al memoriale.”

Commenta la foto,

Vladimir dice che i suoi dipinti fanno riflettere la gente sul conflitto in Ucraina

Come vede Vladimir il futuro della Russia?

“Alcuni prevedono una maggiore repressione e che ci stiamo dirigendo verso il totalitarismo e la dittatura completa”, afferma.

La foto del presidente

Vladimir Ovchinnikov mi ha detto che non guarda mai la TV.

Se lo farà, vedrà un’immagine completamente diversa della Russia sulla televisione di Stato.

Versione di Vladimir Putin.

Né montagne di teschi umani. Nessun tritacarne. Alexei Navalny non è stato menzionato.

Questa non è una Russia aggressiva all’estero e oppressiva in patria. È una Russia con un passato glorioso e un futuro altrettanto glorioso. Gli eroi e i patrioti russi si riuniscono attorno alla bandiera per difendere la madrepatria dalle aggressioni esterne.

È la Russia che ama il suo attuale leader.

Fonte immagine, Immagini Getty

Commenta la foto,

Si prevede che Vladimir Putin vincerà un quinto mandato in queste elezioni

Pochi giorni fa, il notiziario serale russo di Channel One mostrava che alcuni ammiratori di Putin salutavano il presidente come una pop star.

“Abbi cura di te”, gli gridò una delle donne prima di baciarlo.

“Lunga vita!” Un uomo gridò.

Se ti affidassi esclusivamente a Channel One per le notizie, probabilmente concluderesti che Vladimir Putin ha le probabilità di una vittoria schiacciante alle elezioni presidenziali.

Ma, come per i dipinti, il contesto è importante.

Il contesto qui è cruciale.

Il Cremlino non controlla solo la televisione in Russia, ma gestisce l’intero sistema politico, comprese le elezioni.

Il presidente Putin non deve affrontare alcuna sfida seria mentre cerca un quinto mandato. La maggior parte dei suoi critici sono fuggiti in esilio o sono stati imprigionati in patria. Il signor Navalny, il suo più accanito avversario, è morto.

Ma al Cremlino piace vantarsi che la Russia abbia la migliore democrazia del mondo. Quindi, oltre a Putin al ballottaggio, ci sono tre contendenti ufficialmente approvati dal parlamento russo favorevole al Cremlino.

Ho incontrato qualcuno di recente. È stata una strana esperienza.

“Perché pensi che saresti un presidente migliore di Putin?” Ho chiesto a Nikolai Kharitonov, il candidato del Partito Comunista.

“Non ho il diritto di dirlo”, ha risposto il signor Kharitonov. “Non sarebbe vero.”

Commenta la foto,

Nikolai Kharitonov (a sinistra), candidato alla presidenza, ritiene di non avere il diritto di dire se sarebbe un presidente migliore di Putin

“Ma pensi che la tua dichiarazione sia migliore di quella di Putin?” Ho continuato.

“Starà agli elettori decidere”.

“Non importa quello che penso. Dipende dagli elettori.”

Invece di parlare di sé, Kharitonov ha elogiato il presidente in carica.

“Oggi Vladimir Putin sta cercando di risolvere molti dei problemi degli anni ’90, quando Eltsin trascinò la Russia nel capitalismo sfrenato”, ha detto Kharitonov. “Sta cercando di unire la nazione per ottenere la vittoria in tutti i settori. E accadrà!”

Qualcosa mi dice che il cuore di Nikolai Kharitonov non è in questa gara.

Un politico che ha tentato senza riuscirci di partecipare al ballottaggio è stato il politico pacifista Boris Nadezhdin.

“È assolutamente impossibile dire che le nostre elezioni presidenziali siano giuste e libere”, mi ha detto Nadezhdin. Afferma che gli è stato impedito di candidarsi perché il suo messaggio contro la guerra era troppo popolare.

Ha aggiunto: “I sondaggi d'opinione mostrano che circa il 30-35% della popolazione in Russia vuole votare per un candidato gay che parli di pace. Questo è un risultato assolutamente impossibile per il nostro governo”.

La foto è per strada

Quando sono tornato a Borovsk, ho apprezzato la vista mozzafiato dal ponte sul fiume Protva.

Da qui la città stessa sembra un dipinto: un quadro della Russia che potrei immaginare appeso all'Hermitage. In cima alla collina c'è una bellissima chiesa, con pittoresche case coperte di neve sotto. Le persone, indossando cappotti caldi, camminano con cautela lungo i sentieri ghiacciati.

Faccio attenzione anche quando mi dirigo in città per valutare l'umore. Per le strade di Borovsk, cosa pensa la gente della guerra, delle elezioni e del loro presidente?

“Non importa come voti, tutto viene deciso in anticipo”, mi ha detto una giovane donna di nome Svetlana. “Non vedo alcun motivo di partecipare.”

Ma molti qui, soprattutto i russi più anziani, mi hanno detto che avrebbero votato. Quando parlo con la gente, diventa chiaro che la Russia vista in TV ha molti sostenitori.

Commenta la foto,

La Russia vuole che i suoi cittadini e il mondo credano che tutto va bene

“Spero che Vladimir Putin vinca le elezioni e questo metta fine alla guerra”, mi ha detto Lyudmila. “Molti giovani sono stati uccisi. Quando arriverà la pace, molti paesi capiranno finalmente che la Russia è invincibile”.

“Perché vuoi che vinca il signor Putin?” Chiedo. “Dopo tutto, è lui l'uomo che ha avviato l'operazione militare speciale.”

“Ci sono molte opinioni”, ammette Lyudmila. “Alcuni dicono che questa guerra non sarebbe mai dovuta iniziare. Alcuni dicono che aveva ragione. Non lo giudicherò adesso. Non conosciamo tutti i dettagli della politica”.

“Putin è al potere da quasi un quarto di secolo”, faccio notare. “In un Paese di 145 milioni di abitanti non c’è qualcun altro che possa fare il loro lavoro?”

“Oh, no”, risponde Lyudmila, “abbiamo molti leader di talento che, in situazioni di emergenza, possono gestire il Paese”.

Nikolai voterà anche per l’attuale presidente, che non sembra turbato dai due decenni e mezzo di Putin al potere.

“E allora? Abbiamo avuto zar che hanno governato per molto tempo”, dice Nikolai. “C'erano zar buoni e zar cattivi. Abbiamo avuto Stalin e Breznev. Puoi cambiare il leader, ma non fa molta differenza nelle nostre vite.”

READ  Gli Stati Uniti lanciano attacchi aerei in Siria in risposta al micidiale attacco di droni > Dipartimento della difesa degli Stati Uniti > Lancio