Dicembre 9, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

È possibile contare le carte al Blackjack?

Contare le carte al Blackjack è uno dei metodi più veloci per guadagnare velocemente grosse somme di denaro ma si sentono spesso storie di casinò che bandiscono i clienti che utilizzano tale tecnica.

Contare le carte: sì o no?

Quanto c’è di vero? Cominciamo col dire che ciò che si vede nei film è vero: per quanto non sia illegale, i casinò terrestri non vedono di buon occhio le persone che contano al Banco. Per loro è come se fosse barare, anche se in realtà non lo è. Inizialmente è difficile accorgersene, specialmente per chi utilizza mezzi alternativi ma alla lunga è facile essere beccati ed essere banditi da tutti i casinò della città. In una piattaforma digitale è invece diverso, l’utente non viene mai visto e tutto ciò che deve fare è attivare la sezione live del Blackjack online e procedere. Betfair Casinò, ad esempio, ha una sezione ben strutturata dedicata a questo gioco, così che gli appassionati possano reperire facilmente la versione a loro più congeniale. Ovviamente non è semplice come sembra, molti casinò stanno introducendo nuove regole appunto per evitare questo sistema come il mischiare i mazzi dopo ogni mano così da rendere impossibile il conteggio. In questo caso bisognerà cercare un tavolo single deck, ovvero quello che utilizza un mazzo solo, e occupare varie postazioni al tavolo. Trattasi di pura teoria perché è difficile trovare questa modalità in Italia.

Gli inventori del conteggio

Il primo capostipite della tecnica del conteggio è Roger Baldwin che cercò in ogni modo di battere il famigerato Banco. La sua strategia era ancora agli albori ma ci pensò Edward Oakley Thorp ad affinarla. Questo prese le nozioni del suo predecessore e le arricchì di moltissime nozioni matematiche da utilizzare durante la partita. Al tempo solo gli studenti e gli scienziati riuscirono a comprendere fino in fondo di cosa si trattasse e non sorprende che il MIT, una delle università più prestigiose al mondo, abbia spesso sfornato studenti capaci di guadagnare milioni di dollari nel giro di pochi mesi con questo stratagemma. Ken Uston ideò dei computerini nascosti nelle scarpe in grado di contare autonomamente le carte ma quando venne scoperto si fece una gran bella risata. Anche l’FBI indagò per finire con il chiudere la questione con un nulla di fatto: contare non è illegale! Stanford Wong era a un livello ancora superiore, teneva d’occhio le carte di un tavolo fino a quando non restavano solo quelle favorevoli. In questo modo si sedeva quando aveva la certezza matematica di vincere, evitando di perdere tempo. L’ultimo famoso in ordine cronologico ad essere stato bandito dai tavoli di Blackjack è Ben Affleck, proprio il famoso divo di Hollywood. Grande appassionato di gioco d’azzardo, doveva aver letto e studiato la tecnica del conteggio prima di decidere di cimentarsi in un casinò di Las Vegas. I sorveglianti hanno cominciato a insospettirsi in seguito alle troppe vincite dell’attore finendo così con l’allontanarlo. Ben Affleck non è un matematico eppure, con un po’ di impegno, è riuscito a comprendere bene la tecnica perciò perché non provarci?

READ  Con 35 partite di imbattibilità, l'Italia ha eguagliato il record di imbattibilità di Spagna e Brasile