Luglio 15, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Duetto Tony Bennett e Lady Gaga.  Le loro stelle sono rinate.

Duetto Tony Bennett e Lady Gaga. Le loro stelle sono rinate.

Nell’agosto 2021, mentre combatteva contro il morbo di Alzheimer, Bennett, morto venerdì all’età di 96 anni, ha fatto la sua ultima apparizione pubblica sullo stesso palco, sempre con Lady Gaga. Mostra ancora una volta forza e resilienza, questa volta semplicemente esibendoti. commovente clip “60 minuti” Ha catturato le lotte di Bennett durante le prove, ma il suo trionfo finale quando è salito sul palco. Durante i tour, Gaga ha detto: “Mi ha chiamato ‘piccola’. Ma non ero sicuro che sapesse chi fossi”. Tuttavia, ha subito una trasformazione sorprendente ogni volta che la band prendeva le note di apertura di un’altra canzone e Bennett iniziava a cantare.

“Quando inizia la musica, gli succede qualcosa”, ha detto. “Sa esattamente cosa sta facendo.”

È stato l’atto finale di una collaborazione inaspettata che ha cambiato il corso della carriera di ogni musicista. Quando Gaga si è unita per la prima volta a Bennett per la canzone “Cheek to Cheek”, alcuni scettici l’hanno vista come nient’altro che un’intelligente distrazione, un modo per la scatenata provocatrice del pop di ribattezzarsi come cantante jazz sulla scia del suo primo grande fallimento, l’album del 2013 sopravvalutato (anche se, col senno di poi, un po’ sottovalutato) “Artpop”. Ma l’entusiasmo, il rispetto e l’intelligenza musicale che ha portato nel suo lavoro con Bennett hanno senza dubbio conquistato i suoi fan e il rispetto di una vecchia generazione di ascoltatori. Quando stavo registrando fuori da Radio City quella notte del 2015, non riuscivo a tenere traccia di quante persone ho sentito ad alta voce, “Non avevo idea che Lady Gaga potesse davvero cantare! “

READ  Intervista ad Amber Heard: l'attrice dice a Savannah Guthrie al Today Show che "ama ancora" Johnny Depp ma teme che farà causa di nuovo

Bennett non era estraneo a reinvenzioni abilmente programmate. Ha fatto irruzione in MTV quando aveva circa 60 anni, registrando l’album “Unplugged”, che comprendeva collaborazioni con Elvis Costello e KD Lang, e alla fine ha vinto il Grammy Award come Album dell’anno. Ha cantato con musicisti più eclettici e, in alcuni casi, anche più giovani nella sua serie di album “Duets”, dal 2006 al 2012. Ha trovato uno spirito affine in Amy Winehouse, ma la loro relazione è stata di breve durata. La loro interpretazione stellare di “Body and Soul” di “Duets II” è stata l’ultima cosa che abbia mai registrato. È stato pubblicato come singolo postumo, in occasione del 28esimo compleanno di Winehouse.

Gaga ha saziato il desiderio di Bennett di rimanere attiva e impegnarsi con una generazione più giovane di musicisti, e la sua stabilità professionale l’ha resa la compagna più impegnata del duo. Ma Gaga ha anche affermato che il tutoraggio di Bennett le ha “salvato” la vita. L’esempio dell’allora ottuagenario le ha permesso di pensare oltre i successi o gli insuccessi del momento presente e valutare la longevità di una carriera musicale. “Ero così triste. Non riuscivo a dormire. Mi sentivo come morire”, ha detto Gaga del tempo prima di Cheek to Cheek. “Dopo di che ho passato molto tempo con Tony. Voleva solo la mia amicizia e la mia voce.