Ottobre 3, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Draymond Green accusa Chris Russo di "sottotono razzista"

Draymond Green accusa Chris Russo di “sottotono razzista”

Draymond Green ha risposto a Chris Russo chiedendogli di stare zitto e giocare.

“Ieri, lui [Russo] Va in TV e dice: “L’America è stanca di Draymond Green”. Nel suo podcast, “Draymond Green Show”, ha detto Green giovedì, continua a dire “Stai zitto e gioca”. “Non sono una persona che tira troppo la carta della razza perché penso che tutti conosciamo il ruolo che la razza gioca nel mondo in cui viviamo, ma questo ha sicuramente una connotazione molto razziale. Un sottotono molto razzista. Anche al di là di questo c’è un sottofondo razziale”.

Russo non era nel radar di Green fino a quando non ha iniziato a unirsi a “First Take” con Stephen A. Smith il mercoledì, e quindi Green non aveva familiarità con le piattaforme di Russo su MLB Network e SiriusXM, e il suo lungo periodo pomeridiano di guida con “Mike” e “Mad Dog” su WFAN prima di allora.

“Chi sei, cosa hai fatto nella tua vita per parlare per l’America e dire stai zitto e suona?” chiese Verde.

“Quelli che tacciono e giocano, tacciono e palleggiano, quei giorni sono finiti. Non lo ascoltiamo più. Non vogliamo più sentirlo. Non ha posto qui e non sarà tollerato. Io ha anche continuato a dire che era ora che tu andassi a casa. ” E ti siedi sul divano e ringrazio il buon Dio che non volevo il suo lavoro. Prima di firmare con Turner, mi è stato davvero offerto un posto in “First Prendere.'”

Draymond Green, Chris Russo
Molo (2)

Green ha promesso che gli atleti avrebbero rilevato i media sportivi da coloro che non giocavano come Rousseau.

“Il panorama dei media sta per cambiare”, ha detto. Non ti sarà più permesso di sederti lì e dire quello che vuoi. Non ti sarà più permesso di raccontare queste false narrazioni. Non ti sarà più permesso di non sapere di cosa stai parlando e ti ascolteremo. Quei giorni sono ormai lontani e sai perché? Perché abbiamo uomini come J.J. Redick che l’hanno fatto, che lo parlano e che sanno come parlare di qualsiasi argomento diverso, e che non hanno paura di far tacere un idiota”.

READ  5 cose imparate a Packers Family Night - 5 agosto

Green ha concluso il suo discorso rauco promettendo che avrebbe tenuto conto di Rousseau.

“Quindi, cane cattivo, vai grazie a Dio perché non volevo il tuo lavoro. Puoi averlo. Ma sappi solo che sarai ritenuto responsabile. Ti guarderò e ti metterò in imbarazzo, quindi assicurati che quando lo avrai lassù urlando e urlando e parlando di tutte quelle stronzate per il collo, nessun amico Sarai ritenuto responsabile. Lo farai. Credici. Ritengo responsabile tutto ciò che dici. Sono finiti i giorni della responsabilità dei media e del non essere più ritenuti responsabili. Noi non conviverci più”.

Ciò che Green non ha sollevato è che la cosa specifica che ha infastidito di più Rousseau è stata la sua vantarsi di guadagnare $ 25 milioni all’anno. Ciò che non ha nemmeno sollevato, nella sua accusa di Rousseau con sfumature razziste, è che Stephen A. Smith lo ha già difeso due volte con le accuse.

La prima volta, durante il segmento First Take originale, Smith ha detto che mentre non era d’accordo con Russo sul fatto che Green dovesse stare zitto e giocare, le sue critiche non erano basate sulla razza.

Non è una cosa da gara”, ha detto Smith a Reddick mercoledì. “Con Doggy, non è così. Hai fan della vecchia scuola che si lamentano del fatto che hai così tante persone che dicono già ‘basta’ come lui”.

Smith ha aggiunto che incontra “un intero gruppo di Mad Dog Russos che corre in giro” – e che non sono solo tra i 50 ei 60 anni. “Ci sono un sacco di persone tra i venti ei trent’anni che diranno di un giocatore o di una squadra che non gli piace: ‘Già abbastanza’”, ha detto Smith.

Smith ha anche chiamato “Mad Dog Unleashed” di Sirius XM mercoledì per difendere Russo.

“Mad Dog Russo è libero di essere chiunque diavolo vuole essere al primo colpo”, ha detto Smith.

“Non siamo lì per abbracciarci e dirci kumbaya in termini di accordo e accordo con tutte le nostre opinioni. Di cosa diavolo ho bisogno in un ‘primo colpo’ se non hai un’opinione diversa? “

Quindi per me, quando l’ho visto accadere oggi, voglio sottolineare prima di tutto che la gara non ha nulla a che fare con questo. Stavi parlando di atleti, punto. Draymond Green era oggetto di discussione in quel particolare momento.

J.J. Reddick l’ha interpretato nel modo in cui l’ha fatto. Non ho avuto nemmeno un problema con quello. Il mio unico problema è stato quando Fox News ha parlato. Ecco perché. First Take non è uno spettacolo sul business degli attacchi alla rete. Puoi piacere o non piacere a un particolare individuo, ma ci sono molte persone che lavorano a Fox News, MSNBC, CNN e ovunque, quindi non generalizziamo e parliamo di una rete specifica”.

Smith ha detto che non si aspetta che i relatori di “First Take” siano sempre d’accordo e che il modello dello show – e perché è stato il numero 1 per un decennio – è convincere le persone a discutere argomenti emotivi e lasciare che il pubblico decida come loro sentono.