Novembre 28, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Dalla Russia con soldi: la Georgia prospera mentre i russi fuggono dalla guerra di Putin

Dalla Russia con soldi: la Georgia prospera mentre i russi fuggono dalla guerra di Putin

  • Almeno 112.000 russi si stanno trasferendo nella vicina Georgia
  • La Georgia è destinata a diventare una delle economie in più rapida crescita
  • Alcuni locali hanno un prezzo fuori dall’alloggio e dall’istruzione
  • L’economia potrebbe affrontare un atterraggio duro se i nuovi arrivati ​​se ne andassero

TBILISI (Reuters) – Mentre la guerra soffoca l’Europa, un piccolo Paese intrappolato sotto la Russia sta vivendo un inaspettato boom economico.

La Georgia è sulla buona strada per diventare una delle economie in più rapida crescita al mondo quest’anno dopo il massiccio afflusso di oltre 100.000 russi dall’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca e dalla campagna di mobilitazione di Vladimir Putin per le reclute di guerra.

Con gran parte del mondo in bilico nella recessione, questa nazione del Mar Nero di 3,7 milioni dovrebbe registrare una robusta crescita del 10% della produzione economica per il 2022 in mezzo a un boom guidato dai consumi, secondo le istituzioni internazionali.

Ciò vedrebbe la modesta economia da 19 miliardi di dollari nota nella regione per le sue montagne, foreste e valli vinicole, aggirando i mercati emergenti sovralimentati come il Vietnam e gli esportatori di petrolio come il Kuwait sostenuti dagli alti prezzi del greggio.

“Sul lato economico, la Georgia sta andando molto bene”, ha detto a Reuters Vakhtang Butcheridze, CEO della più grande banca del paese, TBC, in un’intervista presso la sua sede a Tbilisi.

“C’è una specie di prosperità”, ha aggiunto. “Ogni settore sta andando bene, dal micro al corporate. Non riesco a pensare a nessun settore che abbia problemi quest’anno”.

Le statistiche sui valichi di frontiera hanno mostrato che almeno 112.000 russi sono immigrati in Georgia quest’anno. La prima grande ondata di 43.000 persone è arrivata dopo l’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio e Putin si è mosso per reprimere l’opposizione alla guerra in patria, secondo il governo della Georgia, con una seconda ondata che è emersa dopo che Putin ha annunciato una campagna di mobilitazione nazionale a fine settembre .

Il boom economico della Georgia – di breve durata o meno – ha sconcertato molti esperti che hanno visto terribili conseguenze della guerra sull’ex repubblica sovietica, le cui fortune economiche sono strettamente legate al suo vicino più grande attraverso le esportazioni e i turisti.

READ  Aggiornamento sulla guerra tra Russia e Ucraina: cosa sappiamo nel 136° giorno dell'invasione | Ucraina

Ad esempio, a marzo la Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS) aveva previsto che il conflitto in Ucraina avrebbe inferto un duro colpo all’economia georgiana. Allo stesso modo, la Banca Mondiale ad aprile ha previsto che la crescita del paese per il 2022 sarebbe scesa al 2,5% dal 5,5% iniziale.

“Nonostante tutte le aspettative che avevamo… che questa guerra in Ucraina avrebbe avuto effetti negativi significativi sull’economia georgiana, finora non vediamo la realizzazione di questi rischi”, ha affermato Dimitar Bogov, capo economista della BERS per l’Europa orientale. Caucaso.

“Al contrario, vediamo l’economia georgiana crescere bene quest’anno, a doppia cifra”.

Tuttavia, la crescita stellare non va a vantaggio di tutti, con decine di migliaia di russi e molti professionisti della tecnologia che arrivano con un sacco di soldi, facendo salire i prezzi e cacciando alcuni georgiani da parti dell’economia come il mercato degli affitti immobiliari e l’istruzione.

Gli imprenditori temono anche che il paese possa affrontare un duro atterraggio se la guerra finisce e i russi tornano a casa.

In Georgia per un miliardo di dollari

La stessa Georgia ha combattuto una breve guerra con la Russia nel 2008 per l’Ossezia del Sud e l’Abkhazia, territori controllati dai separatisti sostenuti dalla Russia.

Ora, però, l’economia della Georgia sta raccogliendo i frutti della sua vicinanza a una superpotenza – i due condividono un valico di frontiera terrestre – e una politica di immigrazione liberale che consente ai russi e alle persone di molti altri paesi di vivere, lavorare e avviare attività in il paese senza bisogno di visto.

Inoltre, la fuga dalla guerra russa è accompagnata da un’ondata di denaro.

Tra aprile e settembre, i russi hanno trasferito più di 1 miliardo di dollari in Georgia tramite banche o servizi di trasferimento di denaro, una cifra cinque volte superiore rispetto agli stessi mesi del 2021, secondo la Banca centrale georgiana.

Questo afflusso ha contribuito a spingere il lari georgiano al suo livello più forte in tre anni.

READ  Ultime notizie sulla guerra tra Russia e Ucraina e Zelensky: aggiornamenti in tempo reale

Quasi la metà degli arrivi russi proviene dal settore tecnologico, secondo Potskritze, CEO di TBC, e dai media locali, che intervengono con sondaggi e stime dei dati del settore russo che hanno indicato un esodo di decine di migliaia di lavoratori IT altamente mobili dopo l’invasione. Ucraina.

“Si tratta di persone di classe e benestanti… che vengono in Georgia con alcune idee imprenditoriali e aumentano notevolmente i consumi”, ha affermato Davit Kishelava, ricercatore senior presso la International School of Economics presso la Tbilisi State University (ISET).

“Ci aspettavamo che la guerra avrebbe avuto molti effetti negativi”, ha aggiunto. “Ma si è rivelato essere completamente diverso. E si è rivelato positivo”.

Non ci sono stanze a Tbilisi

In nessun luogo l’impatto dei nuovi arrivati ​​è più evidente che nel mercato degli alloggi in affitto della capitale, dove l’aumento della domanda sta esacerbando le tensioni.

Gli affitti a Tbilisi sono aumentati del 75% quest’anno, secondo un’analisi di TBC, e alcuni studenti e lavoratori a basso reddito si trovano al centro di quella che secondo gli attivisti è una crescente crisi abitativa.

La georgiana Nana Shunya, 19 anni, ha accettato un accordo biennale per un appartamento in centro per $ 150 al mese, poche settimane prima dell’invasione della Russia. A luglio, il proprietario della casa la sfratta, costringendola a trasferirsi in un quartiere duro ai margini della città.

“Prima mi ci mettevo 10 minuti per andare al lavoro. Ora il minimo è 40 minuti, devo prendere l’autobus e la metropolitana e spesso rimango bloccata negli ingorghi”, ha detto, attribuendo il cambiamento nelle dinamiche di mercato all’aumento dei nuovi arrivi.

Helen Jose, una studentessa di medicina indiana di 21 anni, si è schiantata contro la casa della sua amica per un mese dopo che il suo affitto è raddoppiato durante le vacanze estive.

“In precedenza era molto facile trovare un appartamento. Ma a molti dei miei amici è stato chiesto di andarsene, perché ci sono russi disposti a pagare più di noi”, ha detto.

READ  Kudlow: Putin è un criminale di guerra, assassino e truffatore

I dati dell’università hanno anche riferito che un gran numero di studenti stanno ritardando i loro studi a Tbilisi perché non possono permettersi un alloggio in città, ha affermato Kishelava all’ISET.

‘La crisi può colpire’

Potskrekidze di TBC ha affermato di aver visto il potenziale dei nuovi arrivati ​​per colmare le lacune di competenze nell’economia georgiana.

“Sono giovani, istruiti tecnologicamente e hanno le conoscenze – per noi e per altre aziende georgiane, questa è un’opportunità molto utile”, ha affermato.

“La sfida principale per noi è la tecnologia. Purtroppo sotto questo aspetto siamo in competizione con le aziende high-tech negli Stati Uniti e in Europa”, ha aggiunto. “Per ottenere una rapida vittoria, questi immigrati sono molto utili”.

Tuttavia, gli economisti e le imprese rimangono preoccupati per gli effetti negativi a lungo termine della guerra e per cosa potrebbe accadere se i russi tornassero a casa.

“Non basiamo i nostri piani futuri sui nuovi arrivi”, ha affermato Shio Khetsuriani, CEO di Archi, uno dei più grandi sviluppatori immobiliari della Georgia.

Anche con l’aumento dei prezzi degli affitti, Khatsuriani afferma che gli sviluppatori non sono entusiasti di investire eccessivamente nel mercato immobiliare, in particolare con l’aumento dei prezzi di materiali e attrezzature. Ha affermato che mentre i proprietari possono beneficiare di affitti più elevati, i margini di profitto per le vendite di appartamenti non sono quasi cambiati.

Gli economisti avvertono anche che il boom potrebbe non durare e incoraggiano il governo georgiano a utilizzare buone entrate fiscali per ripagare il debito e accumulare riserve di valuta estera finché può.

“Dobbiamo renderci conto che tutti questi fattori che guidano la crescita quest’anno sono temporanei e non garantiscono una crescita sostenibile negli anni successivi, quindi occorre prestare attenzione”, ha affermato Bogov della BERS.

“L’incertezza rimane e la crisi potrebbe colpire la Georgia con un certo ritardo”, ha aggiunto.

Segnalazione di Jake Cordell. Segnalazione aggiuntiva di David Chikvichvili. Montaggio di Guy Faulconbridge e Praveen Shar

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.