Dicembre 4, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Come i conduttori di Black Radio hanno finito per possedere il marchio "White Lives Matter": NPR

Come i conduttori di Black Radio hanno finito per possedere il marchio “White Lives Matter”: NPR

Dal 28 ottobre, Ramses Jaa (a sinistra) e Quinton Ward, i miei ospiti Lame civiche Programma radiofonico, possedeva il marchio “White Lives Matter”.

Lame civiche


Nascondi didascalia

Interruttore didascalia

Lame civiche

Dal 28 ottobre, Ramses Jaa (a sinistra) e Quinton Ward, i miei ospiti Lame civiche Programma radiofonico, possedeva il marchio “White Lives Matter”.

Lame civiche

Durante la settimana della moda di Parigi, il rapper Ye, precedentemente noto come Kanye West, ha ospitato un evento “segreto” sulla passerella in cui le modelle indossavano magliette con la scritta “White Lives Matter”. Yi aveva pianificato di vendere le magliette prima che le scatole piene di magliette fossero finalmente consegnate ai campi per senzatetto di Los Angeles e il design non è mai stato rilasciato ufficialmente.

Ora, chiunque tenti di vendere una maglietta White Lives Matter o di usare la frase a scopo di lucro riceverà una lettera di cessazione e desistenza da due conduttori di Black Radio che possiedono il marchio.

Ramses JA e Quinton Ward sono gli host Lame civiche, un programma radiofonico con sede a Phoenix. Uno degli ascoltatori dello spettacolo li ha contattati e ha detto ai presentatori di aver acquisito il marchio per White Lives Matter, ma ha pensato che la protezione del traghetto fosse meglio lasciare nelle mani di Ja e Ward.

“L’ascoltatore non voleva essere associato a questo in alcun modo, ma comprende l’importanza della proprietà”, ha detto Ja a NPR. “Puoi impedire che accadano cose brutte possedendolo. Puoi modellare i risultati”.

L’ascoltatore, volendo rimanere anonimo, lo stava ascoltando Lame civicheChe, hanno spiegato i conduttori, approfondiscono le conversazioni sulla rappresentanza politica, la privazione dei diritti degli elettori, la repressione degli elettori e la brutalità della polizia.

“Stiamo parlando di tutte le cose di cui parlare, giusto?” Ja ha detto a NPR. “Questa persona ascolta il nostro spettacolo e dice: ‘Sai, chi sarà il miglior decisore in futuro di questa cosa che ho in questo momento?’ Sarete questi signori. E così questa persona ci ha contattato di nuovo, dicendo: “Ehi, guarda, se succede qualcosa in futuro, finanziariamente, per favore, sai, dona metà a queste fondazioni specifiche”. E abbiamo intenzione di farlo se quel giorno arriverà. “

Dopo aver parlato con l’ascoltatore, Ja e Ward si sono presi del tempo per discutere cosa significasse essere le due persone che avrebbero mantenuto questo marchio. È un marchio con molto peso: l’Anti-Defamation League rileva che un file La frase è “una risposta razzista”. per il movimento Black Lives Matter. Inoltre, i gruppi di suprematisti bianchi, come il Ku Klux Klan, usano la frase.

READ  Kanye West e Kid Cody stanno litigando in pubblico

“Abbiamo dovuto sederci con quello per un po’ perché l’ottica attorno a qualcosa del genere può allontanarti da te”, ha detto Ward a NPR. “Ci siamo posizionati in modo tale da poterci sentire sopraffatti, ci sono più cose che possiamo fare in futuro. Ma per ora, se ci viene chiesto di essere i protettori, lo faremo. Saremo all’altezza di quella chiamata, e faremo del nostro meglio per farlo bene. Da parte di tutti. Sai, ovviamente, ancora una volta, spesso sentiamo il più grande bisogno nella comunità nera, specialmente con le donne nere. Ed è lì che concentriamo molti dei nostri sforzi ed energie. Ma siamo fratelli e sorelle di tutti gli uomini e le donne di questo pianeta”.

Il marchio è diventato loro ufficiale il 28 ottobre, conferendo loro la proprietà esclusiva e il diritto di citare in giudizio chiunque utilizzi la frase a scopo di lucro. Possedere una frase come White Lives Matter può portare a un feedback critico per gli host su cosa dovrebbero o non dovrebbero fare con la loro proprietà del marchio.

“Questo faceva parte della cosa spaventosa della personalizzazione di questo marchio”, ha detto Ward a NPR. “Ramses e io abbiamo camminato per 4 o 5 miglia quel giorno solo cercando di aggirare quello che è appena successo”. “E abbiamo capito che ci sarebbe stata qualche responsabilità che ne sarebbe derivata, qualche contraccolpo, alcune persone che non hanno capito. Ma siamo attrezzati per avere quelle conversazioni”.

La risposta ricevuta da ciascuno dei conduttori radiofonici è stata travolgente, con molte reazioni positive a questa notizia sui social media. Attualmente, nessuno dei due ha sentito i rappresentanti di Ye o chiunque stia cercando di acquistare il marchio.

“Per noi, si tratta di dare alle persone un po’ di speranza quando hanno a che fare con la disperazione e di dare alle persone un po’ di vantaggio”, ha detto Ja.

“Ogni giorno c’è un nuovo titolo con questa persona molto visibile, che stabilisce o sostiene una narrativa molto dannosa e consente a una certa base di questo paese di indicarla e dire: ‘Guarda, è così, quindi va bene se ti senti anche in questo modo, giusto? Quindi, per noi, riprenderne un po’ e darlo alle persone in prima linea ed essere un po’ in fondo è una bella sensazione.

READ  Mandy Moore e Chrissy Metz hanno risposto allo snobismo di This Is Us Emmys

Entrambi gli host capiscono che fermare la vendita di vestiti o articoli per White Lives Matter non sarà facile. Stanno lavorando con un avvocato e stanno pianificando di inviare lettere di cessazione e desistenza a chiunque cerchi di trarre profitto dalla frase.

“Se riteniamo che qualcuno si stia approfittando, sai, della vendita di vestiti, … del nostro marchio protetto a livello federale, possiamo denunciarlo e ottenere il risarcimento dei danni, e possiamo citare in giudizio per violazione del copyright, consentendo a quella causa di ottenere un molto più grande”, ha detto Ja per NPR.

Entrambi gli host hanno affermato di comprendere che fermare le vendite illegali in tutti i paesi o online non sarà un compito facile. A differenza delle grandi aziende, non hanno squadre legali complete per fermare la vendita di merci illegali.

“Ci dovevamo assolutamente pensare [that] Si tratta di protezione del marchio ora, nel bene e nel male: siamo nel business. Quindi, vedremo come va”, ha detto Ja. Ma finora, è stato il simbolismo di ciò, e l’impatto di ciò è stato così significativo, specialmente per le comunità che sono state così duramente colpite… da una persona in particolare che ha detto alcune cose molto dolorose. Quindi voglio prendermi un momento mentre siamo qui per riconoscere il dolore che i miei fratelli e sorelle nella comunità ebraica hanno attraversato nelle ultime settimane”.

Avere un marchio è una responsabilità che nessuno dei due host prende alla leggera e che sperano porti a risultati positivi e positivi per gli altri.

“Sai, molte persone si riferiscono a Black Lives Matter quando stanno cercando di esserlo, quando stanno cercando di scrutare quel movimento. E non rendendosi conto che il termine è nato da così tanto dolore, molte persone in questo paese si sente come un piede sul collo, un ginocchio sul collo, sai, sotto il pollice di un intero sistema della loro intera esistenza. E tutti questi altri – citazione, non quotata – Lives Matter è nata proprio per contrastarla, solo per opporsi a Black Lives Matter, non per elevare quelle altre comunità, perché non lo chiedevano”, ha detto Ward a NPR.

READ  Ascolta la nuova canzone di Taylor Swift "Carolina".

“Ora che le nostre facce ei nostri nomi sono legati a questo, c’è la responsabilità che i risultati siano buoni. Ad esempio, non possiamo nascondere… questo… fa parte della responsabilità. [and] Lo accettiamo. Se ci sono risultati, in particolare risultati finanziari, non possono avvantaggiarci. Quindi non possiamo andare a comprare una macchina nuova o andare in vacanza. Devono servire e costruire queste comunità che sono state danneggiate dalla retorica che appare dall’altra parte della questione delle vite nere”, ha detto Ward.

Nessuno dei due host sa cosa riserva il futuro ora che sono i proprietari del traghetto. Hanno preso in considerazione la possibilità di donare il marchio a un’organizzazione che ritengono possa essere responsabile e contribuire a proteggerlo.

“Non abbiamo idea di cosa accadrà dopo, ma con i nostri nomi e volti legati a questo ora, è nostra responsabilità che questi risultati siano positivi ed edificanti e che questi titoli siano positivi ed edificanti, fino a quando le storie non smetteranno di riguardare divisioni e ferite e dolore e altro, sai, sulla costruzione di ponti, sulla tolleranza e sull’amore, sai, sull’aiuto alle persone tradizionalmente svantaggiate”, ha detto Ward.

Ja vede questo come un momento per educare e imparare a gestire un problema e ad affrontarlo in un modo diverso dall’arrabbiarsi o dal non farsi coinvolgere. Invece di guardare da bordo campo, entrambi i padroni di casa ora vedono questo come un modo per condividere e, si spera, aiutare le cause in cui credono.

“Penso che sia un momento da cui tutti possono imparare”, ha detto Ja a NPR. “E spero che il risultato che vedremo sia positivo”. “Ci sono più modi per reagire e opporsi. Sai, è come se dovessimo combattere questa battaglia con una mano legata dietro la schiena e una scarpa scoperta, sai, quel genere di cose. Ma, sai, ogni piccola parte aiuta. E penso. Che questa storia sia stimolante. Almeno questo è quello che ho appreso dalle altre persone. Ci ha sicuramente ispirato quando è venuto da noi”.