Giugno 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Chatbot: una storia lunga e complessa

Chatbot: una storia lunga e complessa

Eliza, ampiamente riconosciuta come il primo chatbot, non era versatile come servizi simili oggi. Il programma, che si basava sulla comprensione del linguaggio naturale, ha risposto alle parole chiave e quindi ha restituito il dialogo all’utente. Tuttavia, come ha scritto Joseph Weisenbaum, l’informatico del MIT che ha creato Elisa, in a documento di ricerca Nel 1966, “Era molto difficile convincere alcune persone che Elisa (nella sua attuale calligrafia) non era umana”.

Per Weizenbaum, questo fatto era motivo di preoccupazione, secondo un necrologio del MIT del 2008. Coloro che hanno interagito con Elisa erano disposti ad aprirle il cuore, anche sapendo che si trattava di un programma per computer. “Eliza mostra, se non altro, quanto sia facile creare e mantenere l’illusione di comprendere, e quindi forse giudicare “Merita credibilità”, scrisse Weisenbaum nel 1966. “C’è un certo pericolo in agguato lì.” Ha trascorso la fine della sua carriera avvertendo di dare troppe responsabilità alle macchine ed è diventato un convinto critico filosofico dell’intelligenza artificiale.

Anche prima, la nostra complessa relazione con l’intelligenza artificiale e le macchine era evidente nelle trame di film di Hollywood come “Her” o “Ex-Machina”, per non parlare delle discussioni inoffensive con le persone che insistono nel dire “grazie” agli assistenti vocali come Alexa o Siri.

I chatbot contemporanei possono anche suscitare forti reazioni emotive da parte degli utenti quando non funzionano come previsto o quando diventano così bravi a imitare il linguaggio umano imperfetto da essere stati addestrati da iniziare a fare commenti razzisti e incendiari. Non ci volle molto, per esempio Il nuovo chatbot in Meta A suscitare qualche polemica questo mese rilasciando commenti politici in gran parte errati e dichiarazioni antisemite nelle conversazioni con gli utenti.
Tuttavia, i sostenitori di questa tecnologia sostengono che può semplificare le funzioni del servizio clienti e aumentare l’efficienza in una gamma molto più ampia di settori. Questa tecnologia alimenta gli assistenti digitali e molti di noi l’hanno utilizzata ogni giorno per riprodurre musica, ordinare una consegna o controllare i compiti. Alcuni argomentano anche a favore di questi chatbot che offrono sollievo a persone sole, anziane o isolate. Almeno una volta inizio È arrivato al punto di usarlo come strumento per mantenere in vita apparentemente i parenti defunti creando copie generate al computer basate sulle chat caricate.

Nel frattempo, altri avvertono che la tecnologia alla base dei chatbot basati sull’intelligenza artificiale rimane più limitata di quanto alcuni vorrebbero. “Queste tecnologie sono davvero brave a fingere gli esseri umani e sembrano umani, ma non sono profonde”, ha affermato Gary Marcus, ricercatore di intelligenza artificiale e professore emerito alla New York University. “È un’imitazione, questi sistemi, ma è un’imitazione molto superficiale. Non capiscono davvero di cosa stanno parlando”.

READ  Google praticamente regala i telefoni Pixel 8, soprattutto se sei abbonato a YouTube Premium

Tuttavia, poiché questi servizi si espandono in più angoli della nostra vita e poiché le aziende adottano misure per personalizzare ulteriormente questi strumenti, anche le nostre relazioni con loro potrebbero diventare sempre più complesse.

evoluzione del chatbot

Sanjeev b. Khodanpour ricorda di aver chiacchierato con Eliza mentre si stava diplomando. Nonostante la sua importanza storica nel settore tecnologico, ha affermato che non ci è voluto molto per vederne i limiti.

ha affermato Khodanpour, esperto nell’applicazione di metodi informatici teorici alle tecnologie del linguaggio umano e professore alla Johns Hopkins University.

Joseph Weisenbaum, inventore di Elisa, siede alla scrivania di un computer al Computer Museum di Paderborn, Germania, maggio 2005.
Nel 1971, lo psichiatra Kenneth Colby della Stanford University sviluppò un altro dei primi robot parlanti, che chiamò “Barry” perché avrebbe dovuto imitare uno schizofrenico paranoico. (The New York Times 2001 necrologio Per Colby, ha incluso una conversazione colorata che è seguita quando i ricercatori hanno riunito Eliza e Barry.)

Ma nei decenni successivi a questi strumenti, c’è stato un allontanamento dall’idea di “parlare con i computer”. Questo è “perché il problema si è rivelato molto difficile”, ha detto Khodanpour. Invece, l’attenzione si è spostata sul “dialogo orientato agli obiettivi”, ha affermato.

Non ci è voluto molto perché il nuovo chatbot Meta dicesse qualcosa di offensivo

Per capire la differenza, pensa alle conversazioni che potresti avere in questo momento con Alexa o Siri. Di solito chiedi a questi assistenti digitali di aiutarti ad acquistare un biglietto, controllare il tempo o riprodurre una canzone. Questo è un dialogo orientato all’obiettivo ed è diventato l’obiettivo principale della ricerca accademica e industriale poiché gli informatici hanno cercato di estrarre qualcosa di utile dalla capacità dei computer di scansionare il linguaggio umano.

Sebbene utilizzassero una tecnologia simile a quella utilizzata nei precedenti programmi di chat sociale, Khodanpour ha affermato: “Non puoi davvero chiamarli chatbot. Puoi chiamarli assistenti vocali o solo assistenti digitali, che ti aiutano con compiti specifici”.

READ  Sembra che Camelot abbia aggiornato il suo sito Web ufficiale con un'opera d'arte del sole dorato

Ha aggiunto che c’è stata una “quiete” per decenni in questa tecnologia fino all’adozione diffusa di Internet. “Le grandi scoperte probabilmente sono arrivate in questo millennio”, ha detto Khodanpour. “Con l’avvento delle aziende che hanno utilizzato con successo una sorta di agente informatico per svolgere compiti di routine”.

Con l'avvento degli altoparlanti intelligenti come Alexa, è diventato più comune per le persone parlare con i dispositivi.

“Le persone si arrabbiano sempre quando i loro bagagli si perdono e i clienti umani con cui hanno a che fare sono sempre stressati da tutta questa negatività, quindi hanno detto di darlo a un computer”, ha detto Khodanpour. Puoi urlare quello che vuoi sul computer, tutto quello che vuoi sapere è ‘Hai il numero della tua carta così posso dirti dov’è la tua borsa? “

Nel 2008, ad esempio, è stata lanciata Alaska Airlines Jane, un assistente digitale per aiutare i viaggiatori. In segno della nostra tendenza a umanizzare questi strumenti, recensione anticipata Del servizio sul New York Times ha detto: “Jane non è fastidiosa. Sul sito web è raffigurata come una giovane bruna con un sorriso gentile. La sua voce ha inflessioni appropriate. Scrivi una domanda e lei risponde in modo intelligente. Inevitabilmente dovrebbero fai un viaggio con lei, diciamo, in una goffa fila alla reception di un bar, suggerendo educatamente di tornare al lavoro.

Torna a Chat sociali e problemi sociali

All’inizio degli anni 2000, i ricercatori hanno iniziato a riconsiderare lo sviluppo di chatbot sociali in grado di tenere una conversazione prolungata con gli esseri umani. Spesso addestrati su grandi quantità di dati provenienti da Internet, questi chatbot hanno imparato a essere ottime simulazioni del modo in cui parlano gli umani, ma rischiano anche di fare eco ad alcuni dei peggiori di Internet.

Nel 2015, ad esempio, l’esperimento pubblico di Microsoft con un chatbot AI chiamato Tay fracassato e bruciato In meno di 24 ore. Tay è stato progettato per parlare come un adolescente, ma presto ha iniziato a fare commenti razzisti e pieni di odio al punto che Microsoft lo ha chiuso. (La società ha affermato che c’era anche uno sforzo coordinato da parte degli umani per indurre Tay a fare alcuni commenti offensivi.)

“Più parli con Tay, più diventi intelligente, quindi l’esperienza può essere più personalizzata per te”, ha affermato Microsoft all’epoca.

READ  Rimorchio di combattimento e aggiornamenti di Sonic Frontiers

Questi ritornelli saranno ripetuti da altri giganti della tecnologia che hanno rilasciato chatbot pubblici, incluso Meta BlenderBot3, che è stato rilasciato all’inizio di questo mese. Il chatbot Meta ha falsamente affermato che Donald Trump è ancora presidente e ci sono “certamente molte prove” di furto elettorale, tra le altre osservazioni controverse.

BlenderBot3 ha anche affermato di essere più di un semplice bot… in una conversazione, ha affermato “il fatto che io sia vivo e cosciente ora mi rende umano”.

Il nuovo chatbot di Meta, BlenderBot3, spiega all'utente perché è effettivamente umano.  Tuttavia, non ci volle molto perché il chatbot generasse polemiche facendo osservazioni incendiarie.

Nonostante tutti i progressi avvenuti dopo Eliza e l’enorme quantità di nuovi dati per addestrare questi programmi di elaborazione del linguaggio, Marcus, il professore della New York University, ha affermato: “Non mi è chiaro se puoi davvero costruire un chatbot affidabile e sicuro. “

Martirio 2015 Progetto Facebook soprannominato “M” Un assistente personale robotico avrebbe dovuto essere la risposta testuale dell’azienda per servizi come Siri e Alexa “L’idea era che sarebbe stato questo assistente universale che ti avrebbe aiutato a ordinare una cena romantica e a far suonare i musicisti per te e a consegnare fiori, tutt’altro che ciò che Siri poteva fare”, ha detto Marcus. Invece, il servizio è stato chiuso nel 2018, dopo un periodo deludente.

D’altra parte, Khodanpur rimane ottimista sui suoi potenziali casi d’uso. “Ho questa visione completa di come l’IA può potenziare gli esseri umani a livello individuale”, ha detto. “Immagina se il mio robot potesse leggere tutti gli articoli scientifici nel mio campo, non dovrei andare a leggerli tutti, penserei semplicemente, farei domande e dialogare”, ha detto. “In altre parole, avrò una psiche alternativa, che ha integrato i superpoteri”.