Luglio 13, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

‘Ce l’ho fatta’: Netanyahu annuncia il suo sesto governo, il più falco di sempre di Israele

‘Ce l’ho fatta’: Netanyahu annuncia il suo sesto governo, il più falco di sempre di Israele

Benjamin Netanyahu ha detto mercoledì scorso al presidente Isaac Herzog di aver raggiunto accordi con i suoi partner della coalizione per formare il 37° governo israeliano, promettendo stabilità politica di destra e religiosa sette settimane dopo le quinte elezioni del paese dal 2019 e pochi minuti prima delle urne. La fine del suo mandato nella formazione del prossimo governo.

In linea con la legge israeliana, Netanyahu informerà anche il presidente della Knesset Yariv Levin, che annuncerà lo sviluppo durante la sessione legislativa di lunedì. Dopodiché, Netanyahu avrà sette giorni per prestare giuramento nel suo gabinetto, anche se fonti del partito affermano che è probabile che accada prima della scadenza del 2 gennaio.

I negoziati tra Netanyahu e i suoi partner di estrema destra e ultraortodossi si sono conclusi in un vicolo cieco, con Otzma Yehudit che un’ora prima della scadenza ha affermato di essere ancora bloccato nei negoziati con il partito Likud di Netanyahu e “non era chiaro” se le due parti raggiungerebbe un accordo.

Infine, Netanyahu ha chiamato Herzog per annunciare la sua coalizione circa 20 minuti prima della scadenza, più di un mese dopo aver ricevuto il mandato di formare un governo.

Subito dopo, poco prima di mezzanotte, Netanyahu ha annunciato pubblicamente il suo governo, twittando semplicemente: “Ce l’ho fatta”.

In un video della sua conversazione con Herzog, Netanyahu ha detto al presidente: “Volevo informarvi che grazie all’enorme sostegno pubblico che abbiamo ottenuto alle elezioni, sono riuscito a formare un governo che si prende cura di tutti i cittadini di Israele . E io, ovviamente, intendo stabilirlo il prima possibile.”

Herzog ha risposto ringraziando Netanyahu e augurandogli successo. “L’impegno è lavorare per l’intero popolo israeliano e per il pubblico, e spero che vi unirete tutti a questa missione in questo momento”, ha detto. “buona fortuna.”

Il Likud, il più grande partito israeliano e una forza di destra, sarà dalla parte sinistra della prossima coalizione del primo ministro designato. La coalizione di estrema destra di Otzma Yehudit, Religious Sionism e Yes, insieme ai partner ultraortodossi di Netanyahu Shas e United Torah Judaism, detiene la coalizione di maggioranza di 64 seggi nella Knesset di 120 seggi di Israele.

Sebbene le parti contino in gran parte l’una sull’altra per tornare al potere dopo un anno e mezzo di opposizione, i soci di Netanyahu hanno concluso un duro affare nei negoziati, ottenendo concessioni di vasta portata nella politica e nelle nomine che faranno avanzare la riforma giudiziaria. strutture di comando di servizio, legalizzazione retroattiva ed espansione degli insediamenti, introduzione dell’influenza di estrema destra nell’istruzione secolare ed espansione dell’influenza religiosa sulle istituzioni statali e sociali.

Inoltre, le due parti hanno promesso di migliorare la sicurezza interna in mezzo all’ondata di terrorismo in corso e alla criminalità violenta dilagante in alcune aree, si sono impegnate a combattere l’alto costo della vita in Israele e hanno ribadito la duratura promessa di Netanyahu di affrontare le ambizioni nucleari dell’Iran.

READ  Biden cerca di spiegare l'aumento dei confini affermando che gli immigrati stanno "fuggendo dal comunismo"

Il cambio di governo segna un importante cambiamento di tono per la coalizione israeliana uscente guidata dai primi ministri Yair Lapid e Naftali Bennett, la cui coalizione transfrontaliera si è unita nel 2021 per estromettere Netanyahu dopo 12 anni al potere. Mentre tutti i partiti sionisti della Knesset in Israele concordano con l’idea di sé del paese come stato ebraico e democratico, le definizioni di “ebraico” e “democratico” sono un’importante linea di demarcazione tra la prossima coalizione e il suo predecessore.

Il leader del Likud, il deputato Benjamin Netanyahu, il primo ministro Yair Lapid e i leader del partito alla cerimonia di giuramento per la 25a Knesset, presso il Parlamento israeliano a Gerusalemme, 15 novembre 2022 (Foto di Olivier Fitossi/Flash90)

Tre rapidi cambiamenti legislativi richiesti dagli alleati di Netanyahu come condizioni per il giuramento del governo dichiarato sottolineano la causa democratica.

Il primo, un tentativo di espandere il controllo politico sulle forze di polizia da parte del nuovo ministro della sicurezza nazionale Itamar Ben Gvir, è stato criticato per questo dall’ufficio del procuratore generale. Bilanciamento insufficiente Indipendenza della polizia e autorità ministeriale.

Nel frattempo, Bezalel Smotrich del sionismo religioso sta spingendo per cambiare la legge fondamentale quasi costituzionale alla base del governo di Israele per consentire la sua nomina a ministro indipendente nel Ministero della Difesa responsabile degli insediamenti in Cisgiordania e dei palestinesi. Costruzione. Smotrich sostiene l’annessione israeliana della Cisgiordania, che ospita circa 500.000 coloni ebrei e circa 3 milioni di palestinesi.

I critici hanno affermato che la sua nomina alla posizione delicata e Promesse di alleanza La legalizzazione degli insediamenti informali può portare all’annessione de facto, oltre che all’interruzione Comando Operativo strutture.

L’annessione costringerebbe Israele a una crisi democratica o di identità, in cui avrebbe bisogno di negare la piena cittadinanza ai palestinesi integrati nello stato, o far pendere la bilancia dalla maggioranza ebraica nell’elettorato.

Infine, anche Aryeh Deri del partito Shas chiede di cambiare la stessa legge fondamentale, ma di aprire la strada alla gestione di due ministeri, nonostante la sua recente sospensione della pena per frode fiscale.

La spinta di Ben Gvir affinché Deri, Smotrich e Otzma Yehudit ricevano i loro poteri e le loro nomine prima di prestare ai loro partiti un totale di 25 voti per il giuramento al governo impone un calendario ridotto per i successivi cambiamenti, ma tutti e tre i leader lo hanno fatto occasionalmente. ha espresso essi la mancanza A partire dal fiducia Con la parola di Netanyahu.

Il leader del partito Shas Aryeh Deri (a sinistra) abbraccia il leader di Otzma Yehudit Itamar Ben Gvir durante una sessione della Knesset in cui è stato eletto un nuovo oratore, 13 dicembre 2022. (Yonatan Sindel/Flash90)

Tuttavia, il più ampio dibattito democratico ruota attorno all’intenzione dichiarata del governo entrante di aumentare il controllo politico sulla magistratura. Le tre principali proposte in discussione sono il passo per la legislazione e Sostituisci condizione, con cui la Knesset può ripristinare qualsiasi legge che sia stata invalidata dalla Corte Suprema; portare le nomine giudiziarie sotto il controllo politico, in contrasto con l’attuale commissione mista per le nomine politico-professionali-giudiziarie; e dividendo il ruolo del procuratore generale come capo dell’accusa statale e consulente legale del governo.

READ  “Gaffes Machine” Biden sta creando una nuova macchina. Le ricevute dei candidati sono importanti?

Il Likud ha anche detto che intende trasformare i consulenti legali nei ministeri del governo in posizioni di fiducia, il che significa che saranno assunti e licenziati in base alla volontà politica. I consulenti legali del governo sono attualmente soggetti al procuratore generale al fine di mantenere l’indipendenza della loro consulenza.

Sebbene le principali fazioni del blocco siano unite dietro piani per una riforma giudiziaria di vasta portata, le sostengono per vari motivi. Netanyahu è processato in tre casi di corruzione. Ha fermamente sostenuto la sua innocenza e afferma che le accuse sono il prodotto di una polizia e di un pubblico ministero politicamente motivati, di media inclini e di un debole procuratore generale. Anche se negli ultimi anni è stato cautamente silenzioso sulla riforma giudiziaria, il suo stretto confidente e nuovo presidente della Knesset Levin è un convinto sostenitore della riforma giudiziaria ed è probabile che assumerà il ministero della Giustizia.

Esacerbati dal processo divisivo di Netanyahu, molti sostenitori del Likud e membri della Knesset hanno espresso sfiducia nei confronti del sistema giudiziario e del procuratore generale, e diversi legislatori del Likud hanno affermato che prenderebbero in considerazione la possibilità di licenziarla una volta che assumeranno formalmente il potere.

Il procuratore generale Ghali Bahrav-Miara ha avvertito che la riforma giudiziaria, così come la campagna legislativa in corso, potrebbe rendere Israele “Democrazia solo di nome. “

Anche il sionismo religioso ha insistito per questo Ampia riforma giudiziaria, guidato dal veterano critico della Corte Suprema Simcha Rothman e Smotrich. La comunità dei coloni è stata a lungo turbata dalle decisioni della Corte Suprema sulla Cisgiordania.

Illustrativo: MK Bezalel Smotrich, al centro, sventola la bandiera israeliana durante l’annuale Marcia delle Bandiere vicino alla Porta di Damasco, fuori dalla Città Vecchia di Gerusalemme, 15 giugno 2021. (AP Photo/Mahmoud Illean)

La comunità ultraortodossa è da tempo in tensione con la Corte Suprema, sostenendo che le sue sentenze secolari si estendono a uno stile di vita religioso. Shas e United Torah Judaism sono particolarmente interessati alla clausola di bypass che consentirebbe loro di approvare una legislazione che rafforzerebbe gli ultraortodossi. esenzioni dalla coscrizione militare.

L’attuale legge, che scadrà il 1° febbraio, fissa quote per il reclutamento di ultraortodossi e impone nominalmente sanzioni alle istituzioni ultraortodosse i cui laureati non si iscrivono, ma la sua applicazione è molto limitata. Precedenti tentativi di abbassare queste sbarre scarsamente applicate sono stati vietati come diseguali dalla Corte Suprema.

Sul fronte ebraico, i membri della coalizione di estrema destra e ultraortodossa hanno insistito per la promozione di una concezione ortodossa dell’ebraismo negli affari di stato, in proposte che non godono di ampio sostegno all’interno del partito Likud.

Torah Judaism party MK Yitzhak Goldknopf durante un incontro di partito alla Knesset a Gerusalemme, 5 dicembre 2022. (Olivier Fitoussi/Flash90)

Il sionismo religioso, il partito unico e le fazioni ultraortodosse sostengono la fine del diritto alla cittadinanza per i discendenti di ebrei, che non sono essi stessi ebrei secondo la legge religiosa. I parlamentari del Likud si sono rifiutati di restringere la Legge del Ritorno, un legame cruciale tra Israele e la diaspora ebraica globale.

READ  Il fondatore del miliardario Paul Mitchell sta investendo in barriere coralline artificiali

Le parti vogliono anche porre fine al riconoscimento delle conversioni non ortodosse effettuate in Israele ai fini della cittadinanza. Le conversioni straniere non ortodosse sono accettate ai sensi della Legge del Ritorno, ma non le conversioni non ortodosse sotto il rabbinico del paese, che aderisce alle norme dell’Halakhic (legge ebraica ortodossa).

Sebbene i dettagli dei loro accordi di coalizione completi non siano ancora disponibili, ciascuna parte ha firmato un’appendice o una lettera con il Likud che dettaglia le nomine del governo. Gli accordi di coalizione non devono essere finalizzati e presentati alla Knesset fino a 24 ore prima della cerimonia di giuramento. Durante il processo di negoziazione, gli organi governativi che sovrintendono all’identità ebraica sono stati divisi in sionisti religiosi e sì, e gli ebrei della Torah hanno chiesto un controllo statale più stretto delle istituzioni ebraiche.

Inoltre, il controllo dei centri comunitari municipali sarà trasferito a Shas. La mossa è in linea con l’obiettivo del partito di servire la popolazione svantaggiata e rurale, oltre a fornire un mezzo per implementare i tradizionali programmi ebraici e religiosi nei centri comunitari, secondo fonti del partito Shas.

Il presidente del partito Otzma Yehudit Itamar Ben Gvir partecipa a una sessione speciale della Knesset per discutere le modifiche proposte alla legge sulla polizia, 18 dicembre 2022. (Yonatan Sindel/Flash90)

Lo farà anche Shas riprendere il controllo Il Ministero dei servizi religiosi, che svolgerà un ruolo nella nomina del prossimo rabbinato capo nello stato, oltre a dargli l’opportunità di ritirare rapidamente il programma di riforma delle nomine del tribunale rabbinico attuato dall’ex ministro ed ebreo ortodosso liberale Matan Kahane.

United Torah Judaism, guidato dal nuovo arrivato alla Knesset Yitzhak Goldknopf, ha avanzato una serie di richieste per Il consolidamento del controllo ortodosso su questioni religiose e l’esercizio del controllo religioso su questioni secolari. Varie proposte includono l’interruzione della produzione di energia durante lo Shabbat e l’espansione delle spiagge segregate per genere, entrambe le quali Netanyahu ha pubblicamente rifiutato; un aumento degli stipendi per gli studi religiosi; Includere un rappresentante del Rabbinato Capo in qualsiasi tavola che pesa i permessi per lavorare di sabato; formare e finanziare organismi per fornire risposte al pubblico su questioni di diritto ebraico; consentire agli ospedali di vietare l’hamtz, o prodotti di grano fermentato, durante la Pasqua ebraica; richiedono più studi religiosi nel sistema di istruzione secolare dello stato; E bilanciare la chiusura del nuovo dipartimento di riforma del Ministero degli affari espatriati.

Il presidente del partito Noam Avi Maoz parla a una riunione del partito alla Knesset a Gerusalemme, 12 dicembre 2022. (Yonatan Sindel/Flash90)

La cosa più sorprendente è che, poiché il Noam è un partito unico e non è necessario dare la maggioranza alla coalizione di 64 membri, il suo leader Avi Maoz guiderà l’unità dell’Ufficio del Primo Ministro responsabile per Israele.Identità nazionale ebraica. “

Come parte dell’ufficio, Maoz dovrebbe assumere il controllo dell’unità del Ministero dell’Istruzione responsabile dell’approvazione dei fornitori esterni di istruzione, che svolgono un ruolo fondamentale nella programmazione della scuola pubblica. Questi venditori sono particolarmente diffusi nelle scuole laiche e coprono una vasta gamma di argomenti, dalla salute sessuale alla preparazione del bar mitzvah.

Il Noam di Maoz ha seguito un’agenda anti-LGBT e anti-LGBT, e Maoz ha denunciato la coscrizione femminile nell’esercito israeliano.