Maggio 20, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Boris Johnson si appresta ad affrontare un'altra indagine Partgate

Boris Johnson si appresta ad affrontare un’altra indagine Partgate

Una mozione presentata dai partiti di opposizione è stata approvata senza votazione giovedì dopo che il primo ministro britannico e il suo governo hanno dato ai parlamentari conservatori la possibilità di non votare la mozione, il che significa che è stata approvata senza opposizione.

Johnson stesso ricevuto una multa dalla London Metropolitan Police per una riunione del 19 giugno 2020 e sono state inflitte numerose multe per una serie di incidenti avvenuti durante le restrizioni nazionali.
Questo è il fulcro della difesa di Johnson Non era a conoscenza di alcuna violazione della legge quando ha fatto la sua dichiarazione davanti al Parlamento; Quindi non poteva fuorviare intenzionalmente i legislatori. La legge ministeriale del Regno Unito afferma che se i ministri del governo ingannano intenzionalmente il Parlamento, dovrebbero dimettersi dalla loro posizione.

La mozione di giovedì, dei partiti di opposizione, di deferire Johnson a una commissione parlamentare, è stata approvata dopo che il governo ha ritirato il suo emendamento per ritardare il voto e ha consentito ai parlamentari conservatori di votare liberamente.

Questo è stato visto come un importante punto di svolta e un segno di quanto il sostegno di Johnson fosse scivolato tra le sue fila, consentendo ai parlamentari conservatori semplicemente di non votare, piuttosto che dover sfidare la frusta e risparmiare a Johnson l’umiliazione della ribellione.

Tuttavia, a Johnson non è stata risparmiata una vera e propria umiliazione: Steve Baker, uno dei suoi più fedeli sostenitori che ha fatto una campagna affinché Johnson diventasse leader dei conservatori nel 2019, ha chiesto giovedì le dimissioni del primo ministro. Baker ha detto al Parlamento che avrebbe votato a favore della mozione, ma ha aggiunto: “In effetti, il primo ministro dovrebbe sapere che la festa è finita”.

READ  Aggiornamenti in tempo reale: la Russia invade l'Ucraina

Baker è una figura influente tra i parlamentari conservatori, in particolare tra l’ala Brexit del partito, che in passato ha sostenuto Johnson.

L’inchiesta parlamentare non avrà luogo fino alla conclusione delle indagini della polizia sui partiti di Downing Street e alla pubblicazione di un rapporto completo scritto dall’alto funzionario pubblico Sue Gray sul cosiddetto scandalo “Partygate”.

La commissione che condurrà le indagini potrà scrivere raccomandazioni, inclusa la sospensione di Johnson dal Parlamento, che sarà poi sottoposto a votazione parlamentare. Non è chiaro quanto sia realistica questa conclusione, dato che la commissione che conduce l’inchiesta è composta principalmente da parlamentari conservatori e Johnson ha ancora una maggioranza relativamente ampia in Parlamento.

Tuttavia, se le cose arrivano a questo punto, è possibile che nel rapporto di Gray vengano rivelate più informazioni perseguitate o che Johnson riceva multe aggiuntive dalla polizia. In tal caso, spetterà ai parlamentari conservatori decidere se vogliono indire un voto di fiducia alla sua leadership.

Johnson guiderà il Partito conservatore alle elezioni locali il mese prossimo e il risultato di tali elezioni potrebbe anche svolgere un ruolo nel prendere decisioni sull’opportunità o meno di essere messo sotto accusa dal suo stesso partito. Lo scandalo Partygate ha danneggiato le valutazioni dei conservatori nei sondaggi e minato la popolarità di Johnson.