Luglio 23, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Boeing lancia la capsula Starliner per astronauta in missione di prova senza pilota

Boeing lancia la capsula Starliner per astronauta in missione di prova senza pilota

Il Navicella spaziale Si è alzato in cielo alle 18:54 ET giovedì, a bordo di un razzo Atlas 5 decollato dalla Cape Canaveral Space Force Station in Florida. Dopo che il razzo ha lanciato la capsula in orbita, il veicolo spaziale ha attivato i suoi propulsori per guidarlo nella giusta direzione. I funzionari della Boeing hanno confermato “l’inserimento orbitale” dello Starliner – un’indicazione che il veicolo spaziale era sulla buona strada – circa mezz’ora dopo il decollo.

Ma durante un briefing post-lancio, i funzionari hanno rivelato che i propulsori non funzionavano esattamente come previsto.

“Ne abbiamo avuti due per guasti alla propulsione”, ha affermato Mark Naby, vicepresidente e direttore del programma per il programma Starliner di Boeing. “Il primo ha sparato, ha sparato per un secondo e poi si è chiuso. Il sistema di controllo di volo stava facendo quello che doveva e l’ha acceso al secondo propulsore.”

Questo missile ha quindi sparato per soli 25 secondi prima di spegnersi, secondo Naby. Il sistema di controllo del volo ha ripreso il controllo e ha dato un calcio al terzo propulsore, che ha sparato come previsto.

“Il sistema è progettato per essere ridondante e modellato come avrebbe dovuto”, ha detto Naby ai giornalisti giovedì sera.

Naby ha detto che il caso non avrebbe dovuto influenzare la missione generale.

A bordo di questo volo ci sono alcuni rifornimenti per gli astronauti già a bordo della Stazione Spaziale Internazionale e a Una modella con una tuta spaziale di nome RosieRosie la rivettatrice, dopo la seconda guerra mondiale.
Lo Starliner si è rivelato un programma difficile per Boeing, che inizialmente sperava che il veicolo spaziale sarebbe stato operativo nel 2017, ma È stato afflitto da ritardi e interruzioni di sviluppo. Il primo tentativo di questo volo di prova, chiamato OFT-1, è stato interrotto nel 2019 a causa di un problema con l’orologio Starliner a bordo. L’errore ha causato la mancata accensione dei propulsori a bordo della capsula, facendola deragliare, e i funzionari hanno deciso Porta a casa la navicella spaziale Invece di continuare il lavoro. Ci è voluto più di un anno per risolvere questo e una serie di altri problemi software.
Di recente, è stato Starliner In scatola con problemi alle valvole. Quando il veicolo spaziale è stato spostato sulla rampa di lancio nell’agosto del 2021, un’ispezione pre-volo ha rivelato che le valvole principali erano bloccate in posizione e gli ingegneri non sono stati in grado di risolvere immediatamente il problema.

Alla fine, la capsula doveva essere restituita dalla rampa di lancio. Quando gli ingegneri non sono stati in grado di ripararlo in loco, alla fine è stato necessario rispedirlo allo stabilimento Boeing per una risoluzione dei problemi più approfondita.

Da allora le valvole sono diventate una costante fonte di contesa per l’azienda. Secondo un recente rapporto di Reutersil subappaltatore che produce le valvole, Aerojet Rocketdyne, con sede in Alabama, è in contrasto con Boeing sulla causa principale del problema delle valvole.

Boeing e NASA differiscono, secondo il rapporto e i commenti dei funzionari della NASA durante le recenti conferenze stampa.

READ  Una nuova simulazione mostra come l'universo primordiale si sia evoluto in pochi secondi dal Big Bang

Mark Naby, vicepresidente e program manager di Boeing per Starliner, ha notato in una conferenza stampa la scorsa settimana che la loro indagine indicava che l’umidità era entrata nelle valvole e aveva causato “corrosione” e “legatura”. Ciò ha portato l’azienda a escogitare una soluzione a breve termine e a creare un sistema di disinfezione, che include un piccolo sacchetto, progettato per tenere fuori l’umidità corrosiva. La NASA e la Boeing affermano di essere a proprio agio con questa soluzione.

“Siamo davvero in ottima forma per entrare in questo sistema”, ha detto la scorsa settimana Steve Stitch, Commercial Crew Program Manager della NASA.

Ma questa potrebbe non essere la fine. Boeing ha rivelato la scorsa settimana che alla fine potrebbe dover riprogettare le valvole.

“Ci sono ancora alcuni test che vogliamo fare e, sulla base di questi risultati, consolideremo il tipo di cambiamenti che faremo in futuro”, ha affermato Naby. “Probabilmente ne sapremo di più nei prossimi mesi”.

Se Boeing andrà avanti con una riprogettazione più completa delle valvole, non è chiaro quanto tempo ci vorrà o se potrebbe ritardare la prima missione astronautica di Boeing, che, a questo punto, è in ritardo di anni rispetto al programma. Secondo documenti pubblici, la cessazione del lavoro con Starliner è costata all’azienda circa mezzo miliardo di dollari.

Nel frattempo, SpaceX, una volta ritenuto il concorrente sfavorito nel Commercial Crew Program della NASA, ha già lanciato cinque missioni di astronauti della NASA oltre a due missioni turistiche. Il lancio inaugurale della sua navicella spaziale, Crew Dragon, è stato il primo a portare gli astronauti in orbita dal suolo statunitense da quando il programma dello space shuttle è stato ritirato nel 2011.

READ  Giunone della NASA ottiene la visione ad altissima risoluzione della misteriosa regione della luna ghiacciata Europa di Giove