Giugno 28, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Azioni e petrolio inciampano mentre aumentano i timori di recessione

Azioni e petrolio inciampano mentre aumentano i timori di recessione

  • Le azioni europee e i futures statunitensi vacillano mentre l’umore del rischio svanisce
  • I prezzi del petrolio scendono di oltre il 4% prima dell’azione prevista di Biden
  • I rendimenti obbligazionari sono in calo, ma gli spread della zona euro si stanno allargando
  • I rialzisti del dollaro stanno portando lo yen al livello più basso degli ultimi 24 anni
  • Grafico: performance patrimoniale globale

LONDRA (Reuters) – Mercoledì i mercati azionari globali e i prezzi del petrolio sono scesi mentre lo yen giapponese ha toccato il minimo da 24 anni contro l’apparentemente inarrestabile dollaro USA.

Martedì, l’entusiasmo che ha regalato a Wall Street il suo giorno migliore in un mese è svanito bruscamente quando l’Europa ha subito un calo mattutino dell’1,5% e i prezzi del greggio Brent sono scesi del 4% dopo una sessione di negoziazione asiatica al ribasso.

I rialzisti entusiasti del dollaro non hanno fatto prigionieri sui mercati valutari né sulle scommesse che il presidente della Federal Reserve Jay Powell riaffermerà in seguito a Washington la necessità di aumentare i tassi di interesse statunitensi in modo rapido e deciso.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Oltre al nuovo calo dello yen, l’euro ha riportato lo 0,3%, la corona norvegese sensibile al petrolio dell’1,3% e la sterlina britannica dello 0,7% poiché i dati hanno confermato che l’inflazione è ora al massimo da 40 anni del 9,1%. Leggi di più

“È straordinario la rapidità con cui il mercato si è invertito di nuovo dopo la leggera pressione del sentiment di ieri”, ha affermato John Hardy, forex strategist di Saxo Bank.

“Sembra che il mercato delle materie prime richieda una recessione (globale)”, ha aggiunto. “E il dollaro si sta dirigendo verso la forza come porto sicuro”.

Questi timori di recessione sono emersi anche sui mercati obbligazionari quando i titoli di stato statunitensi e tedeschi sono aumentati mentre i trader cercavano i tradizionali rifugi sicuri.

READ  Le azioni statunitensi salgono dopo che Powell ha affermato che la Fed è pronta a essere più aggressiva

Il rendimento, muovendosi nella direzione opposta al prezzo, sul Treasury USA a 10 anni di riferimento è sceso al 3,21% e il rendimento a 10 anni in Germania è sceso di 10 punti base all’1,65%, dopo aver toccato il livello più alto da gennaio 2014 a 1,928 % la scorsa settimana. .

Tuttavia, i margini tra la Germania carica di debiti e l’Italia si sono nuovamente allargati, con Luigi Di Maio, ministro degli Esteri di Roma in un complesso governo di coalizione, che ha affermato che lascerà il Movimento Cinque Stelle per formare un nuovo gruppo parlamentare, una mossa che minaccia di creare nuovi instabilità. Il Presidente del Consiglio Mario Draghi. Leggi di più

I futures di Wall Street sono in calo di oltre l’1%, il che significa che l’S&P 500 sembra destinato a consolidarsi per quello che potrebbe essere il suo peggior inizio di anno dal 1932, anche se la Deutsche Bank Jim Reed stava cercando di vedere il positivo.

“Le 5 peggiori performance nella prima metà dell’S&P 500 prima di quest’anno, tutte si sono comportate molto bene nella seconda metà”, ha affermato, osservando che in quattro di queste cinque occasioni, l’indice statunitense è aumentato di almeno il 17%.

In ordine di decrementi nel primo semestre si segnala 1) 1932: H1 -45%, H2 + 56%, 2) 1962: H1 -22%, H2 + 17%, 3) 1970: H1 -19%, H2 + 29%, 4) 1940: H1-17%, H2+10%, 5) 1939: H1-15%, H2+18%”, ha mostrato Reed.

Durante la notte, l’indice MSCI delle azioni dell’Asia Pacifica al di fuori del Giappone (.MIAPJ0000PUS.) È sceso del 2,3%, vicino al minimo di cinque settimane. I pesi massimi della tecnologia quotati a Hong Kong sono scesi di oltre il 4% (.HSTECH) Anche se il Nikkei a Tokyo (.N225) È riuscita a mantenere le sue perdite solo allo 0,4%.

READ  Queste città degli Stati Uniti stanno assistendo al calo maggiore dei prezzi delle case

Rischi di recessione

Gli investitori continuano a valutare quanto siano preoccupati per la possibilità che le banche centrali portino l’economia globale in recessione mentre cercano di frenare una forte inflazione mentre aumentano i tassi di interesse.

I principali indici azionari statunitensi sono aumentati del 2% durante la notte sulla possibilità che le prospettive economiche potrebbero non essere così negative come si pensava durante le negoziazioni della scorsa settimana, quando il principale indice azionario globale di MSCI era (.MIWD00000PUS) Ha registrato il più grande calo percentuale settimanale da marzo 2020.

“Penso che questo ultimo rally del mercato ribassista post-vacanze sia un riflesso dell’incertezza degli investitori sul fatto che abbiamo visto o meno il picco dell’inflazione e l’inasprimento della Fed – penso che siamo vicini”, ha affermato David Chao, stratega del mercato globale di Invesco per l’Asia-Pacifico.

Il presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell testimonierà davanti al Congresso mercoledì con gli investitori alla ricerca di ulteriori indizi sull’imminente aumento dei tassi di interesse di 75 punti base a luglio.

Gli economisti intervistati da Reuters prevedono che la Federal Reserve alzerà i tassi di interesse di 75 punti base il mese prossimo, seguito da un aumento di mezzo punto percentuale a settembre, e non ricadrà a un quarto di punto percentuale fino a novembre molto presto. Leggi di più

La maggior parte delle altre banche centrali mondiali si trova in una posizione simile, ad eccezione della Bank of Japan, che si è impegnata la scorsa settimana a mantenere la sua politica di tassi di interesse ultra bassi. Al contrario, la Banca centrale ceca avrebbe dovuto aumentare i tassi di interesse fino a 125 punti base in seguito, con l’inflazione a due cifre.

READ  Ethereum può prendere tutto e non ci sarà un futuro multi-catena, afferma il leader della blockchain di EY

Quel divario tra bassi tassi di interesse in Giappone e tassi di interesse più alti negli Stati Uniti ha pesato sullo yen, che ha raggiunto un nuovo minimo da 24 anni di 136,71 per dollaro nel commercio asiatico, prima di scivolare bruscamente a 136,20.

I verbali della riunione di politica monetaria della Banca del Giappone pubblicati mercoledì e pubblicati mercoledì hanno mostrato le preoccupazioni della banca centrale sull’impatto di una valuta in deprezzamento sull’ambiente imprenditoriale del paese. Leggi di più

L’altra grande mossa è stata nei mercati delle materie prime. Una fonte a conoscenza del piano ha detto a Reuters che il calo del 4% dei prezzi del petrolio è avvenuto in un contesto di forte preoccupazione per la recessione e che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden dovrebbe chiedere in seguito una sospensione temporanea della tassa federale di 18,4 centesimi al gallone sulla benzina.

Il Brent è sceso di cinque dollari a 109,79 dollari al barile, mentre il greggio statunitense è sceso del 5,9 per cento, ovvero di 5,37 dollari, a 104,15 dollari. Anche i metalli sono diminuiti, con rame, nichel, alluminio e stagno compresi tra il 2,9% e il 5,2%.

Stephen Brennock di PVM ha parlato del petrolio osservando il previsto aumento della domanda estiva: “L’ultimo di una lunga serie di tentativi di raffreddare gli aumenti dei prezzi alle pompe sta avendo l’effetto desiderato”.

“Tuttavia, questa reazione improvvisa resisterà alla prova del tempo non è affatto garantito”.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Rapporti aggiuntivi di Sam Byford a Tokyo e Shadia Nasrallah a Bengaluru; Montaggio di William McClain

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.