Luglio 21, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

Ampia espansione: il piano aumenterà la superficie espositiva del 70%

Ampia espansione: il piano aumenterà la superficie espositiva del 70%

The Broad ha annunciato mercoledì un ampliamento dell'edificio da 100 milioni di dollari che aumenterà del 70% lo spazio espositivo in uno dei musei più famosi di Los Angeles. I piani globali potrebbero fornire una spinta cruciale al centro di Los Angeles, che ha visto una lenta ripresa da quando la pandemia e l’aumento del lavoro a distanza hanno lasciato il nucleo della città a un mero guscio di quello che era una volta.

L'aggiunta di 55.000 piedi quadrati è stata progettata da Diller Scofidio + Renfro, con sede a New York, che ha progettato il museo originale, costruito con un costo di 140 milioni di dollari. Sorgerà direttamente dietro la struttura esistente e si prevede che i lavori inizieranno all'inizio del 2025, con il completamento previsto prima delle Olimpiadi estive del 2028.

Il piano è in lavorazione dalla fine del 2022, dopo che è diventato chiaro che il Broad aveva superato le aspettative previste dei visitatori, ha affermato in un’intervista Joan Heller, direttrice fondatrice e presidente di The Broad. Quando il Broad è stato inaugurato nel 2015, si prevedeva che il museo avrebbe ospitato circa 250.000 visitatori all'anno, e l'anno scorso più di 900.000 persone hanno varcato le sue porte ogni anno, ha detto Heller. Ad oggi, più di 5,5 milioni di ospiti hanno visto le opere d'arte all'interno dell'edificio.

“La missione principale del Broad Museum è attirare un vasto pubblico e far crescere un pubblico per l'arte contemporanea”, ha detto Heller, riferendosi alla Eli and Edith Broad Collection risalente agli anni '50. Edith, ora 88enne, sta ancora collezionando. Eli è morto nel 2021. “Questo è ciò che i Broad volevano. Lui è stato uno dei motivi principali per cui il museo è stato fondato.

In ogni momento vengono esposte circa 200 opere d'arte. Heller ha affermato che l'obiettivo finale è quello di condividere una parte maggiore della collezione del museo, composta da oltre 2.000 opere d'arte contemporanea, comprese vaste partecipazioni di artisti influenti come Andy Warhol, Jean-Michel Basquiat, Jeff Koons, Barbara Kruger, Roy Lichtenstein e Takashi. Murakami, Cindy Sherman e Kara Walker.

L'ampliamento si concretizzerà in un secondo edificio collegato al museo originario attraverso una porta al terzo piano e un corridoio che conduce ad un cortile affacciato sul cielo. Da lì, gli ospiti possono farsi strada attraverso l'ampliamento, che presenta nuove grandi gallerie al primo, secondo e terzo piano, nonché una collezione unica di aree al secondo piano che fungono da deposito immersivo che ospita scaffali d'arte da un vasta collezione.

Ampia vista esterna.

(Per gentile concessione di The Broad/Diller Scofidio + Renfro)

Il nuovo edificio riflette essenzialmente il linguaggio architettonico esistente del Broad Museum, che notoriamente e talvolta controverso presenta uno schema di progettazione a due livelli denominato Velo E il seminterrato. Il velo è l'involucro esterno bianco brillante dell'edificio. È composto da oltre 2.500 pannelli a forma di nido d'ape realizzati in cemento rinforzato con fibra di vetro, che fungono da sorta di cucù per un involucro interno in vetro. Nei punti più stretti, ci sono circa 36 pollici di spazio tra il velo e il vetro nella parte anteriore dell'edificio, rendendo il lavaggio delle finestre un compito molto difficile. Gli hijab tendono anche a lasciare striature sotto la pioggia.

READ  Bron Breakker unisce i titoli NXT e NXT UK per il Worlds Collide Championship

La volta è il nucleo grigio morbido e scolpito dell'interno dell'edificio, che i visitatori percorrono mentre prendono l'ascensore per raggiungere i vari piani della galleria. L'aggiunta è più o meno la volta senza velo – e i disegni mostrano la stessa morbida architettura grigia all'esterno dell'edificio, che si trova fianco a fianco con l'originale edificio velato.

“L'idea è quella di aggiungere nuovi aspetti al viaggio dei visitatori attraverso la banda larga estesa”, afferma Heller. “In un certo senso, l'edificio attuale ti parla sempre. Ci sarà qualcosa di simile che accadrà con l'espansione, ma solo una conversazione leggermente diversa, come se stessi ascoltando suo fratello.”

L’ingresso rimarrà gratuito e l’espansione non modificherà l’opzione di prenotazione anticipata – che è incoraggiata – poiché gli ospiti possono effettuare prenotazioni fino a un mese prima. I visitatori senza prenotazione dovranno attendere nella fila di attesa quotidiana.

La collezione Broad racconta una storia straordinaria su un periodo particolare che si espande regolarmente man mano che Edith Broad e Heller continuano ad aggiungere “alcuni degli artisti più importanti del nostro tempo”, afferma Anne Philbin, direttrice dell'Hammer Museum presso l'Università della California, che si dimetterà questo autunno. Al gruppo.”

“Questo è solo un altro segno che i nostri musei stanno prosperando e che c'è domanda per loro da parte del nostro pubblico”, afferma Philbin.

Uno di questi artisti è Mark Bradford. Bradford afferma che l’espansione espande il dialogo “multiclasse, multigenerazionale, multirazziale e multietnico” a Los Angeles

“Avere più spazio per più artisti è una buona cosa”, afferma Bradford. “Ogni volta che puoi dare spazio alle idee ed espanderle, come artista, penso che sia grandioso. Perché è proprio ciò che fa. Dà più spazio alle idee. Ed è questo che vedo nell'arte: una raccolta di idee che convivono insieme.” in forma fisica.”

READ  Tiffany Haddish riutilizza la stessa battuta del suo ultimo presunto DUI, scherzando dicendo che aveva pregato per "un uomo con un lavoro, preferibilmente in uniforme".

Il nuovo edificio fornirà inoltre più spazi agli ospiti per rilassarsi e riunirsi. Ci saranno due piazze all'aperto all'ultimo piano con arte orientata all'aria aperta, oltre a una serie di spazi di programmazione dal vivo con infrastrutture luminose e audio integrate poiché il museo intende espandere la sua programmazione pubblica con lo streaming live. Spettacoli per famiglie, conferenze, proiezioni, laboratori e programmi scolastici, oltre a concerti e installazioni multimediali.

“Sono entusiasta di aprire un nuovo capitolo per il Broad e di offrire esperienze nuove e più profonde ai nostri visitatori”, afferma Heller, aggiungendo che il museo vorrebbe essere in grado di offrire, diciamo, qualcosa di più del semplice due più due. Attualmente vengono presentati tre studi. “Lavoriamo duramente come museo per essere molto accogliente verso tutti, non importa quanta conoscenza artistica abbiano acquisito, non importa il loro background o da dove provengano a Los Angeles o fuori da essa. E per farlo insieme a un vero rigore intellettuale nel i nostri programmi e le nostre esibizioni”.

Da quando The Broad è stato inaugurato nel 2015, molte cose sono cambiate lungo la Grand Avenue, inclusa l'aggiunta del Grand L.A. da 45 piani, progettato da Frank Gehry, da 1 miliardo di dollari, che si trova in un ex parcheggio di fronte all'adiacente Walt Disney Concert For Broad. La sala comprende più di 176.000 piedi quadrati di negozi e ristoranti. La struttura è il fulcro del più ampio Grand Avenue Project, un piano per creare un fiorente corridoio civico e culturale che comprende il Music Center, il Broad, il Museo di Arte Contemporanea e la Colburn School.

    Una vista interna dell'ampio spazio ampliato mostra i visitatori e le opere d'arte.

Un rendering di una futura mostra nel museo ampliato, che include opere d'arte della Broad Collection di Amy Sherald, Elliot Hundley, Patrick Martinez e Mark Bradford.

(Per gentile concessione di The Broad/Diller Scofidio + Renfro)

Anche con queste destinazioni popolari lungo i suoi marciapiedi, il Grand – e il centro in generale – non si è trasformato nel fiorente centro della vita urbana che i promotori avevano sperato. Molti dei ristoranti e dei bar che un tempo attiravano residenti facoltosi in loft ristrutturati e aperti regolarmente hanno chiuso i battenti all'inizio del 2010. Lo scorso gennaio, l'ultra moderno Ace Hotel da 182 camere vicino a Broadway e Olympic ha chiuso i battenti, segnalando la fine di un decennio di era delle speranze di rivitalizzazione del centro. Densi grattacieli di uffici hanno molti meno lavoratori che escono per pranzo, cena e intrattenimento dopo il lavoro. Un gran numero di negozi sono vuoti e persistono lamentele sull’intrattabilità dei problemi che le imprese devono affrontare a causa della grande popolazione senza casa.

READ  La cover di "Jolene" di Beyoncé aggiorna il testo della canzone di Dolly Parton

Nel 2020, mentre la Grand Avenue era ancora in costruzione, il critico di musica classica del Times Mark Swed scrisse: “Se fatta bene, Grand Avenue ha il potenziale per rendere la Grand Avenue un faro culturale per una città senza centro, un luogo che la rappresenta e la rappresenta”. .” tutti Se adeguatamente implementato, il progetto della Grand Avenue diventa un grande catalizzatore, sollevando lo spirito della città e ispirandola ad affrontare le esigenze urgenti.

Heller prende sul serio questa descrizione di Grand Avenue e vede l'espansione espansiva come parte del progresso continuo verso quell'obiettivo, che si è bloccato nel corso degli anni. Fa notare che l'espansione includerà una nuova piazza coperta che conduce alla stazione della metropolitana Grand Avenue Arts/Bunker Hill, recentemente aperta.

“Questo edificio creerà un'esperienza molto dinamica per coloro che si avvicineranno alla Grand Avenue o verranno a partecipare a eventi in uno degli spazi per spettacoli”, afferma. “Servirà come porta d’accesso a tutta l’area della Grand Avenue e alle sue istituzioni, attività commerciali e ristoranti”.