Dicembre 5, 2022

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

5 segnali che il mondo sta andando verso una recessione

5 segnali che il mondo sta andando verso una recessione


New York
Affari CNN

In tutto il mondo, i mercati stanno lanciando segnali di allarme che l’economia globale è in bilico.

La questione della stagnazione non è più se, ma quando.

Nell’ultima settimana, il battito di quelle luci rosse lampeggianti è accelerato mentre i mercati sono alle prese con la realtà – una volta speculativa, ora certa – che la Fed Premi Con la campagna di inasprimento della politica monetaria più aggressiva degli ultimi decenni per estorcere l’inflazione dall’economia statunitense. Anche se significa una recessione. Anche se a scapito dei consumatori e delle aziende lontane fuori dai confini degli Stati Uniti.

Ora c’è un file 98% di possibilità La recessione globale, secondo la società di ricerca Ned Davis, porta sul tavolo una certa credibilità storica del mondo reale. La lettura della probabilità di recessione dell’azienda era solo il doppio rispetto a prima, nel 2008 e nel 2020.

Quando gli economisti avvertono di una recessione economica, di solito basano la loro valutazione su una varietà di indicatori.

Consideriamo cinque direzioni principali:

Il dollaro USA gioca un ruolo enorme nell’economia globale e nella finanza internazionale. Ora è più forte di quanto non fosse due decenni fa.

La spiegazione più semplice risale alla Federal Reserve.

Quando la banca centrale statunitense alza i tassi di interesse, come sta facendo da marzo, rende il dollaro più attraente per gli investitori di tutto il mondo.

In qualsiasi clima economico, il dollaro è visto come un posto sicuro dove parcheggiare i tuoi soldi. In un clima turbolento – una pandemia globale, per esempio, o una guerra nell’Europa orientale – gli investitori hanno un maggiore incentivo ad acquistare dollari, di solito sotto forma di titoli di stato statunitensi.

La Bank of England è intervenuta sul mercato obbligazionario questa settimana per ripristinare la fiducia negli asset britannici.

Mentre un dollaro forte è un buon vantaggio per gli americani che viaggiano all’estero, dà loro anche mal di testa Quasi tutti gli altri.

La sterlina britannica, l’euro, lo yuan cinese e lo yen giapponese, tra molti altri, hanno perso valore. Ciò rende l’importazione di articoli di base come cibo e carburante più costosa per questi paesi.

In risposta, le banche centrali che già stanno combattendo l’inflazione pandemica finiscono per aumentare i tassi più in alto e più velocemente per sostenere il valore delle loro valute.

Un dollaro più forte sta anche creando effetti destabilizzanti su Wall Street, dove molte società S&P 500 fanno affari in tutto il mondo. Secondo una stima Da Morgan StanleyOgni aumento dell’1% dell’indice del dollaro ha un impatto negativo dello 0,5% sugli utili dell’S&P 500.

Lo shopping è il primo motore della più grande economia mondiale. E gli acquirenti in America sono stanchi.

Dopo più di un anno di prezzi alle stelle su quasi tutto, con i salari che non tengono il passo, i consumatori stanno facendo marcia indietro.

“Le difficoltà causate dall’inflazione significano che i consumatori stanno assecondando i propri risparmi”, ha dichiarato venerdì Gregory Dacoe, capo economista di EY Parthenon. Daco ha affermato che il tasso di risparmio personale ad agosto è rimasto invariato ad appena il 3,5%, vicino al tasso più basso dal 2008 e ben al di sotto del livello pre-Covid di circa il 9%.

READ  I titoli tecnologici salgono prima degli utili di Apple e Amazon

Ancora una volta, il motivo del calo ha molto a che fare con la Fed.

La Federal Reserve, guidata dal presidente Jerome Powell, sta aumentando in modo aggressivo i tassi di interesse per combattere l'inflazione, anche se rischia di innescare una recessione.

i suoi tassi di interesse È cresciuto a un ritmo storico, spingendo i tassi ipotecari al livello più alto in oltre un decennio e rendendo difficile la crescita delle aziende. In definitiva, un aumento dei tassi di interesse da parte della Fed dovrebbe ridurre ampiamente i costi. Ma nel frattempo, i consumatori stanno ricevendo una spinta da tassi di prestito più elevati e prezzi più elevati, soprattutto quando si tratta di beni di prima necessità come cibo e alloggio.

Gli americani hanno aperto i loro portafogli durante i blocchi del 2020, che hanno sostenuto l’economia da una breve ma grave recessione pandemica. Da allora, gli aiuti governativi sono svaniti e l’inflazione ha messo radici, facendo aumentare i prezzi al tasso più veloce degli ultimi 40 anni e impoverendo il potere d’acquisto dei consumatori.

Gli affari hanno prosperato in tutti i settori per gran parte dell’era della pandemia, anche con un’inflazione storicamente alta che consuma profitti. Grazie (di nuovo) alla persistenza degli acquirenti americani, le aziende sono state in gran parte in grado di trasferire i loro costi più elevati sui consumatori per appianare i margini di profitto.

Ma il boom potrebbe non durare.

A metà settembre, una società le cui fortune servono come una sorta di economia imprenditoriale ha scioccato gli investitori.

FedEx, che opera in più di 200 paesi, Rivedi la sua previsione inaspettatamenteavvertendo che la domanda è in calo e che è probabile che i profitti diminuiscano di oltre il 40%.

In un’intervista, al CEO dell’azienda è stato chiesto se pensava che il rallentamento fosse un segno di una recessione globale incombente.

Lui ha risposto: “Penso di sì”. “Questi numeri, non fanno ben sperare.”

FedEx, con la sua presenza globale, è un leader economico.  Le prospettive riviste hanno riacceso i timori di recessione a Wall Street.

FedEx non è sola. Martedì, le azioni di Apple sono scese dopo che Bloomberg ha riferito che la società lo era prevede di annullare Ad aumentare la produzione di iPhone 14 dopo che la domanda è arrivata al di sotto delle aspettative.

E poco prima delle festività natalizie, quando i datori di lavoro di solito aumentano le assunzioni, l’umore è ora più cauto.

“Non abbiamo visto il solito picco a settembre nelle aziende che richiedono assistenza temporanea”, ha affermato Julia Pollack, capo economista di ZipRecruiter. “Le aziende stanno facendo un passo indietro e aspettano di vedere quali sono le condizioni”.

Wall Street è stata duramente colpita e le azioni sono ora sulla buona strada per il loro anno peggiore dal 2008, nel caso qualcuno avesse bisogno di un altro spaventoso confronto storico.

READ  Il CEO di Boeing definisce l'accordo di Trump con l'Air Force One un rischio "forse non avrebbe dovuto essere preso"

Ma l’anno scorso è stata una storia completamente diversa. I mercati azionari sono esplosi nel 2021, con l’S&P 500 in rialzo del 27%, grazie a un afflusso di liquidità iniettato dalla Federal Reserve, che ha scatenato un doppio allentamento monetario nella primavera del 2020 per evitare il crollo dei mercati finanziari.

La festa è andata avanti fino a presto 2022. Ma con l’inflazione destinata a prendere piede, la Fed ha iniziato ad abbandonare la proverbiale ciotola, aumentando i tassi di interesse e allentando il meccanismo di acquisto di obbligazioni che era alla base del mercato.

La sbornia è stata brutale. S&P 500, la scala più ampia di Wall Street – E l’indice – responsabile della maggior parte dei 401(k) americani – è in calo di quasi il 24% per l’anno. E lei non è sola. Tutti e tre i principali indici statunitensi lo sono Nei mercati ribassisti Almeno il 20% in meno rispetto al suo massimo recente.

In uno sviluppo sfortunato, i mercati obbligazionari, di solito un rifugio sicuro per gli investitori quando le azioni e altri asset scendono, È anche in uno stato di declino.

Tutti e tre i principali indici statunitensi sono in un mercato ribassista, in calo di almeno il 20% dai loro massimi recenti.

Ancora una volta, incolpare la Fed.

L’inflazione, insieme a un forte aumento dei tassi di interesse da parte della banca centrale, ha abbassato i prezzi delle obbligazioni, il che ha portato a rendimenti obbligazionari più elevati (ovvero il rendimento che un investitore ottiene per il suo prestito al governo).

Mercoledì, il rendimento dei buoni del tesoro statunitensi a 10 anni ha superato brevemente il 4%, toccando il massimo degli ultimi 14 anni. Questo rally è stato seguito da un forte calo in risposta all’intervento della Banca d’Inghilterra nel suo stesso mercato obbligazionario in spirale, che equivale a movimenti tettonici in un angolo del mondo finanziario progettato per essere piatto, se non addirittura noioso.

Anche i rendimenti obbligazionari europei stanno aumentando poiché le banche centrali seguono l’esempio della Fed nell’aumentare i tassi di interesse per sostenere le proprie valute.

In conclusione: ci sono alcuni posti sicuri in cui gli investitori possono mettere i loro soldi in questo momento, ed è improbabile che cambi fino a quando L’inflazione globale è sotto controllo e le banche centrali stanno allentando la presa.

In nessun luogo la collisione di disastri economici, finanziari e politici è più terribile che nel Regno Unito.

Come il resto del mondo, il Regno Unito ha sofferto di aumenti dei prezzi in gran parte attribuibili al massiccio shock del Covid-19, seguito dalle interruzioni commerciali derivanti dall’invasione russa dell’Ucraina. Quando l’Occidente ha tagliato le importazioni di gas naturale russo, i prezzi dell’energia sono aumentati e le forniture sono diminuite.

Quegli eventi erano già abbastanza gravi da soli.

Ma poi, poco più di una settimana fa, ha annunciato il governo appena formato del primo ministro Liz Truss Piano completo di riduzione delle tasse Gli economisti sono su entrambi i lati dello spettro politico È stata denunciata come non ortodossa nel migliore dei casi, satanica nel peggiore.

READ  L'inflazione in Cina rende difficile per la People's Bank of China (PBOC) tagliare i tassi di interesse la Federal Reserve statunitense

In breve, l’amministrazione Truss ha affermato che avrebbe tagliato le tasse a tutti i britannici per incoraggiare la spesa e gli investimenti e, in teoria, alleviare la recessione. Ma i tagli alle tasse non sono finanziati, il che significa che il governo dovrebbe farlo Indebitarsi per finanziarlo.

Questa decisione ha scatenato il panico nei mercati finanziari e ha messo a confronto Downing Street con la sua banca centrale indipendente, la Bank of England. Gli investitori di tutto il mondo hanno venduto in massa le obbligazioni del Regno Unito, portando la sterlina al livello più basso rispetto al dollaro in quasi 230 anni. Come nel 1792, quando il Congresso introdusse il corso legale per il dollaro USA.

Sistemi della Banca d’Inghilterra intervento di emergenza Per acquistare obbligazioni britanniche mercoledì e ristabilire l’ordine nei mercati finanziari. Per ora ho fermato l’emorragia. ma il effetto a catena Il disordine trosnonomico si sta diffondendo ben oltre le scrivanie degli spacciatori di obbligazioni.

I britannici, già alle prese con una crisi del costo della vita, con un’inflazione al 10% – la più alta di qualsiasi economia del G7 – sono ora nel panico. Maggiori oneri finanziari Potrebbe costringere milioni di rate mensili di mutui a milioni di case a salire di centinaia o addirittura migliaia di sterline.

Sebbene sia opinione comune che una recessione globale possa verificarsi nel 2023, è impossibile prevedere quanto sarà grave o quanto durerà. Non tutte le recessioni sono dolorose come la Grande Recessione del 2007-2009, ma ogni recessione lo è, ovviamente.

Alcune economie, in particolare gli Stati Uniti, con un mercato del lavoro forte e consumatori resilienti, saranno in grado di farcela meglio di altre.

“Siamo in uno stato sconosciuto nei prossimi mesi”, hanno scritto gli economisti del World Economic Forum in un rapporto questa settimana.

“Le prospettive immediate per l’economia globale e per gran parte della popolazione mondiale sono desolanti”, hanno continuato, aggiungendo che le sfide “metteranno alla prova la resilienza delle economie e delle società e imporranno un pesante fardello alle vittime umane”.

Ma hanno detto che ci sono dei lati positivi. Le crisi stanno costringendo a trasformazioni che possono in definitiva migliorare il tenore di vita e rafforzare le economie.

“Il business deve cambiare. Questa è stata la storia dall’inizio della pandemia”, ha detto Reema BhatiaConsulente economico della Gulf International Bank. “Le aziende non possono più continuare sulla strada percorsa. Questa è l’opportunità e questo è il lato positivo”.

Julia Horowitz, Anna Cuban, Mark Thompson, Matt Egan e Chris Isidore della CNN Business hanno contribuito al rapporto.