Luglio 19, 2024

GExperience

Se sei interessato alle notizie italiane Today e rimani aggiornato su viaggi, cultura, politica, situazione pandemica e tutto il resto, assicurati di seguire Life in Italy

3 I principali titoli dell’intelligenza artificiale potrebbero crollare fino al 91%, secondo alcuni analisti di Wall Street

3 I principali titoli dell’intelligenza artificiale potrebbero crollare fino al 91%, secondo alcuni analisti di Wall Street

Tre analisti di Wall Street ritengono che la festa stia volgendo al termine per alcuni dei titoli AI ad alte prestazioni di Wall Street.

Negli ultimi 30 anni, Wall Street e la comunità degli investitori hanno aspettato che emergesse un’innovazione o una tecnologia rivoluzionaria che potesse rivaleggiare o superare ciò che Internet ha fatto per le multinazionali americane. L’ascesa dell’intelligenza artificiale potrebbe essere la scelta giusta.

Quando parlo di intelligenza artificiale, parlo genericamente di utilizzo di software e sistemi per gestire compiti di cui normalmente sarebbero responsabili gli esseri umani. Ciò che rende l’intelligenza artificiale una potenziale innovazione fondamentale è la capacità di programmi e sistemi di apprendere senza la supervisione umana. Questa capacità di diventare più abili nelle attività nel corso del tempo, nonché di apprendere nuove attività, offre a questa tecnologia un vantaggio in quasi tutti gli aspetti dell’economia americana e globale.

Fonte: Getty Images.

Determinare quanto sarà grande la rivoluzione dell’IA dipende dall’interpretazione e dall’immaginazione. Ma secondo le elevate stime fornite dagli analisti di PricewaterhouseCoopers, l’intelligenza artificiale ha il potenziale per aggiungere 15,7 trilioni di dollari all’economia globale entro il 2030. PwC è arrivata a questa conclusione concludendo che 6,6 trilioni di dollari verrebbero aggiunti attraverso l’aumento della produttività, mentre i restanti 9,1 trilioni di dollari sarebbero aiutati dagli interessi dal lato dei consumi.

Le enormi cifre raggiunte dal valore del dollaro non sono sfuggite alle menti delle persone più brillanti di Wall Street. La maggior parte delle istituzioni e degli analisti di Wall Street hanno fissato aspettative di crescita elevate e obiettivi di prezzo molto elevati per i titoli AI leader del mercato.

Ma ci sono delle eccezioni.

Sulla base degli obiettivi di prezzo più bassi fissati da analisti selezionati di Wall Street, i prossimi tre principali titoli AI potrebbero scendere fino al 91%.

Palantir Technologies: calo previsto del 65%.

Il primo titolo blue-chip AI che potrebbe entrare nel titolo, sulla base di una previsione degli analisti di Wall Street, è lo specialista di data mining. Tecnologie Palantir (cintura 5,34%).

Mentre un analista ritiene che Palantir offra ancora un rialzo del 35% rispetto al prezzo di chiusura del 3 luglio, Rishi Galloria di RBC Capital ritiene che il titolo valga 9 dollari. Se questa previsione si rivelasse vera, uno dei titoli IA più popolari crollerebbe del 65%!

Sebbene Gloria, che era un importante investitore in Palantir, riconosca che i suoi risultati operativi sono stati forti, una nota emessa nel maggio 2024 indica preoccupazione per il settore commerciale della società. Nello specifico, Gloria sottolinea le entrate ottenute dalle società di acquisizione per scopi speciali (SPAC) che hanno firmato accordi con Palantir. Nessuno può essere certo di quanto siano sostenibili o ricorrenti queste entrate.

READ  Secondo quanto riferito, l’investitore attivista Nelson Peltz venderà la sua partecipazione nella Disney

Sebbene le preoccupazioni di Gloria siano giustificate (la maggior parte delle SPAC sono state disastri per gli investitori), Palantir porta sul tavolo vantaggi competitivi identificabili che chiaramente… Fare Merita qualche distinzione. Ad esempio, nessun’altra azienda può replicare su larga scala la gamma di servizi offerti da Palantir.

Il segmento operativo principale di Palantir è stato per lungo tempo Gotham. Questa è la piattaforma basata sull’intelligenza artificiale che aiuta i governi a raccogliere dati e pianificare missioni, tra le altre attività. L’azienda in genere ottiene contratti pluriennali dai governi con Gotham, con conseguente crescita sostenuta delle vendite a due cifre e flusso di cassa prevedibile.

Tuttavia, il futuro dell’azienda dipenderà probabilmente dal successo di Foundry, il già citato segmento “commerciale”. Foundry ha il compito di aiutare le aziende a comprendere i propri dati in modo che possano semplificare le proprie operazioni. Nell’ultimo anno (fino al 31 marzo 2024), il numero dei clienti commerciali è aumentato del 53%, sebbene il settore sia ancora agli inizi. molto Prime fasi di crescita.

Sebbene Palantir sia in grado di raggiungere una crescita sostenuta delle vendite a due cifre e sia un’azienda sostanzialmente insostituibile, il suo rapporto prezzo/utili (P/E) a termine è di 65 e il rapporto prezzo/vendite di 25 (basato sulle vendite degli ultimi 12 anni). mesi), è una pillola difficile da digerire in un mercato azionario già costoso.

Un ingegnere controlla i cavi e accende la torre del server di un data center.

Fonte: Getty Images.

Nvidia: previsto calo del 22%

Il secondo titolo dell’intelligenza artificiale che potrebbe subire un duro colpo è l’azienda che ha beneficiato maggiormente della rivoluzione dell’intelligenza artificiale: il colosso dei semiconduttori Nvidia (NVDA -1,91%).

Sebbene la maggior parte degli analisti di Wall Street non riesca a fissare obiettivi di prezzo sufficientemente alti per questo importante titolo di intelligenza artificiale, Banca tedescaIl CEO di Nvidia Ross Seymour ha fissato un obiettivo di prezzo di 100 dollari (1.000 dollari prima del frazionamento azionario 10 a 1 di Nvidia) a maggio. Se Nvidia raggiungesse i 100 dollari per azione, perderebbe il 22% del suo valore attuale, il che significherebbe una perdita di circa 700 miliardi di dollari in valore di mercato.

Sotto molti aspetti, l’espansione di Nvidia è stata impeccabile. La GPU H100 dell’azienda sta rapidamente diventando il chip necessario per i data center basati sull’intelligenza artificiale. Secondo un rapporto di TechInsights, l’anno scorso le GPU Nvidia hanno rappresentato il 98% dei 3,85 milioni di GPU AI spedite. Con il lancio dell’architettura GPU Blackwell di nuova generazione nella seconda metà di quest’anno, NVIDIA non dovrebbe avere problemi a mantenere il proprio vantaggio nell’elaborazione dei data center aziendali.

READ  I turisti statunitensi superano i negozi di Parigi quando l'euro scende

Ma la storia è stata una spina nel fianco per le aziende che guideranno le prossime grandi rivoluzioni. Dall’avvento di Internet, non abbiamo visto alcuna innovazione, tecnologia o tendenza di successo che sia riuscita a evitare una bolla nella sua infanzia. Gli investitori tendono a sopravvalutare l’adozione e la crescita di nuove innovazioni e tecnologie, senza dare loro abbastanza tempo per maturare. Sembra improbabile che l’intelligenza artificiale costituisca un’eccezione a questa regola non scritta.

La previsione del margine lordo lordo rettificato per il secondo trimestre fiscale di Nvidia del 75,5% (+/-50 punti base) potrebbe essere un avvertimento inquietante. Mentre il margine di profitto lordo rettificato è ancora del 75,5% Bene Questo numero è superiore alla media storica e rappresenta una diminuzione compresa tra 235 e 335 punti base rispetto al trimestre precedente. Se sommiamo questi due numeri insieme, scopriremo che le pressioni competitive sono entrate in gioco.

I concorrenti esterni stanno rilasciando o aumentando la produzione di GPU basate sull’intelligenza artificiale nella seconda metà dell’anno, mentre i quattro maggiori clienti di Nvidia in termini di vendite nette stanno tutti sviluppando i propri chip acceleratori di intelligenza artificiale per i propri data center. La scarsità di GPU responsabili di alimentare il margine di profitto rettificato di Nvidia sembra essere in declino e questa potrebbe essere una brutta notizia per gli investitori.

Tesla: previsto calo del 91%

Tuttavia, un potenziale disastro Oggi Tra i titoli AI, il produttore di auto elettriche di maggior valore al mondo Tesla (Tesla 2,08%)Il software Full Self-Driving (FSD) dell’azienda, che utilizza una rete di telecamere e sensori a ultrasuoni per evitare gli ostacoli, è un perfetto esempio di come Tesla sta incorporando l’intelligenza artificiale nelle sue auto elettriche.

A metà aprile, Gordon Johnson di GLJ Research, un veterano investitore in azioni Tesla, ha abbassato il suo obiettivo di prezzo per Tesla a 22,86 dollari per azione. Storicamente, Johnson ha raggiunto i suoi obiettivi di prezzo ponendo un multiplo di 15 sulle sue stime degli utili dell’azienda per il prossimo anno e applicando un tasso di sconto del 9% al prezzo corrente.

READ  Bitcoin, Ethereum e Dogecoin si riprendono grazie al "basso acquisto" e alla stanchezza del venditore - L'analista afferma di fare attenzione a questi due livelli principali Questo analista afferma - Bitcoin - Dollaro statunitense ($ BTC)

Non c’è dubbio che Tesla sia riuscita a realizzare ciò che era impossibile nel settore automobilistico per più di mezzo secolo. L’amministratore delegato dell’azienda, Elon Musk, è riuscito a costruire l’azienda da zero fino alla produzione di massa e l’azienda ha ottenuto profitti per quattro anni consecutivi in ​​conformità con i principi contabili generalmente accettati. Ma gli elogi finiscono qui.

Negli ultimi diciotto mesi Tesla ha ridotto il prezzo di vendita della sua flotta di veicoli elettrici in più di sei occasioni. Man mano che i suoi vantaggi come primo leader di mercato diminuivano e la concorrenza aumentava, Musk non aveva altra scelta se non quella di diventare più competitivo in termini di prezzi. Il risultato finale è stato un forte calo del margine operativo dell’azienda, un ritorno del flusso di cassa disponibile durante il primo trimestre e un aumento significativo dell’inventario dei veicoli elettrici dell’azienda.

Inoltre, gli sforzi di Tesla per diventare qualcosa di più di una semplice azienda automobilistica sono in gran parte falliti. Nonostante abbia ottenuto una manciata di piccole vittorie, il tasso di crescita del segmento di produzione e stoccaggio di energia di Tesla è diminuito in modo significativo, mentre il margine lordo dei servizi ha toccato il fondo. Per quanto gli investitori vogliano far finta che Tesla sia un’azienda energetica o tecnologica, la maggior parte delle sue vendite e dei suoi profitti provengono ancora dalle sue attività cicliche e in difficoltà nel settore dei veicoli elettrici.

Un altro fattore dannoso per Tesla è l’elenco delle promesse e delle innovazioni fatte da Musk che non si sono concretizzate. Dopo un intero decennio in cui ha promesso di fornire un’autonomia di livello 5 per le auto elettriche della sua azienda, i sistemi di guida autonoma di Tesla non si sono spostati dall’autonomia di livello 2. Inoltre, il Cybertruck è stato un fallimento precoce, con numerosi richiami e consegne al di sotto della media.

Tesla è un titolo automobilistico con margini deflazionistici e consegne di veicoli elettrici in calo, e viene scambiato a un prezzo più alto anche rispetto ai principali titoli AI. Anche se il calo del 91% può essere un po’ esagerato, sono d’accordo con Gordon Johnson che… prominente Il rovescio della medaglia sembra probabile.