Home Android Chiusura del sito Gli Stockisti: cosa succede a chi ha acquistato un...

Chiusura del sito Gli Stockisti: cosa succede a chi ha acquistato un dispositivo?

0

Oggi torniamo a parlare del sito Gli Stockisti per informarvi sulle ultime novità e per spiegarvi in che modo riuscire ad ottenere i rimborsi per gli articoli acquistati.

Da questa mattina  tutti gli operatori hanno iniziato ad implementare i blocchi DNS per il sito Stockisti. Non si potrà più quindi visitare il sito a meno che non si faccia ricorso ad uno stratagemma (ad esempio disabilitando l’eventuale opzione DNS sicuro sul router ed impostando i server Google o OpenDNS).

Ho acquistato un prodotto, mi rimborseranno?

Gli utenti con ordini inseriti il 06/07 stanno ricevendo in automatico i rimborsi. Ciò significa che gli ordini vengono passati in status “chiuso” e le somme riaccreditate con le diverse tempistiche a seconda della modalità usata per il pagamento.

Gli ordini precedenti del 04/07 e 05/07 per i quali risulta già l’inoltro del prodotto verranno portati a conclusione.

Vi consigliamo dunque, qualora non l’abbiate già fatto, di attivarvi per richiederlo. Chi ha effettuato il pagamento attraverso Paypal, può avvalersi della relativa procedura di rimborso per contestazione ordine. Coloro, che invece abbiano utilizzato altre modalità, dovranno procedere con la richiesta del rimborso dal sito ufficiale, o attraverso il numero verde di Stockisti  Tel. 800 300 314.

Per ulteriori novità, vi invitiamo a rimanere collegati su GExperience.it. Nel caso di dubbi o incertezze, non esitate a commentare qui sotto.

Raw Main
Sono una persona curiosa, che da tempo ha fatto della sicurezza informatica una passione ed un impegno professionale, che non conosce orari, weekend e feste comandate. Cerco di portare il più possibile le mie conoscenze ed esperienze anche fuori dagli spazi riservati agli addetti ai lavori, onde sensibilizzare gli utenti ad essere più attenti e consapevoli nei rapporti con un mondo digitale sempre più interconnesso. Skynet è ancora lontana, ma non c'è niente di male ad informarsi e tutelarsi oggi per prevenire l'eventualità un domani di un frigorifero ribelle.