[VIDEO] Recensione Super Mario Run (Android) – GE Games #34

0

Super Mario Run è un titolo mobile, uscito lo scorso 23 marzo, a metà tra un platform e un endless runner. Infatti, esso riprende le caratteristiche tipiche del primo genere ma facendoci correre e saltare all’impazzata.

D’altronde l’essenza del famosissimo idraulico baffuto è sempre stata questa. E si è anche sempre fatto pagare, ma di questo ne parleremo più tardi.

In questa recensione cercheremo di analizzare a fondo tutte le meccaniche distintive dell’ultimo titolo mobile di Nintendo. Se volete solamente farvi un’idea di massima di quello che pensiamo del gioco vi consigliamo di guardare la nostra videorecensione.

Trama e scopo del gioco

L’obiettivo di Mario è sempre il solito: salvare la principessa Peach sconfiggendo il suo arcinemico: il mitico re dei Koopa: Bowser. Questa missione ci condurrà per sei mondi contenenti quattro diverse location ciascuno. Ovviamente, queste ultime saranno piene zeppe di pericolosi nemici da “sconfiggere” o semplicemente evitare. Oltre a questo, avremo a disposizione un mondo da ricostruire a nostro piacimento tramite alcuni elementi che si sbloccheranno con il proseguire dell’avventura e un castello da far salire continuamente di livello.

castello super marioDiverse situazioni di gioco

Come praticamente ogni titolo di Nintendo, il game design è alle stelle e siamo stati molto colpiti dalla diversità di ogni singolo livello in ambito di meccaniche di gioco e situazioni che si presenteranno a schermo. Senza spoilerarvi troppo, passerete da livelli in cui degli speciali fantasmini appaiono e scompaiono a tempo ad alcuni dove si devono trovare delle chiavi (a volte ben nascoste) per aprire delle misteriose porte che compaiono quando eseguite una determinata azione. Una nota dolente in tutto questo, però, è sicuramente l’eccessiva facilità dei boss che molto spesso vanno KO solamente con una manciata di “colpi” ben assestati.

gameplay_1

Tuttavia, non pensate di trovarvi dinanzi ad un gioco semplice. Infatti, Super Mario Run sa essere molto cattivo in alcuni frangenti. Sopratutto quando si tentano di raccogliere tutte le monete di “platino” (le più difficili da individuare) in un qualsiasi livello.

Gameplay

gameplay 2Il gameplay è molto adatto ad una situazione mobile e permette di giocare al titolo anche con una sola mano. Infatti, Super Mario eseguirà da solo le azioni basilari, come schivare alcuni nemici base o elementi dello scenario, ma starà a noi prendere le monete (valuta del gioco) e sconfiggere o schivare gli avversari più ostici. Ogni volta che avvieremo un livello, disporremo solamente di due “vite” (ci saranno delle bolle che ci riporteranno un po’ indietro). Queste possono essere aumentate trovandole nei classici blocchi di mattoni. Ovviamente, dovremo anche combattere contro il tempo (in alcuni livelli sarà possibile aumentarlo grazie a particolari elementi presenti nello scenario). Questo avviene nella cosiddetta “modalità normale” ma sappiate che esiste anche una “modalità facile” con bolle infinite creata appositamente per far testare i vari livelli ai giocatori. Tuttavia, le monete raccolte e i progressi effettuati in quest’ultima modalità non verranno salvati.

Modalità

mondoPer quanto riguarda le possibilità offerte da Super Mario Run, il gioco ci catapulterà in due modalità ben distinte: Mondi e Sfide. Nella prima percorreremo le succitate 24 “missioni” nel tentativo di salvare la principessa Peach dalle grinfie del malefico Bowser. La seconda, invece, prevede che due giocatori si sfidino in una location dei sei mondi disponibili. Vince, ovviamente, chi fa il punteggio più alto.

Quest’ultimo è calcolato con una somma tra le monete raccolte durante il corso del livello e il consenso dei Toad (i personaggi che abiteranno il nostro mondo). Per raccogliere il maggior quantitativo di monete, in particolare, potremmo utilizzare la febbre dell’oro che si ricaricherà ogni volta che eseguiremo un determinato numero di azioni gradite ai Toad (come un salto ben calcolato). Quest’ultima “modalità” farà comparire dal nulla molte monete in giro per lo scenario e potrà farci ottenere un certo vantaggio.

sfide toadOltre a questo, sono presenti le classiche stelle dell’invincibilità che attireranno a noi tutte le monete che troveremo e che non ci faranno temere alcun tipo di nemico. Ci sono due possibilità per ottenere queste ultime: o trovarle nei classici blocchi di mattoni oppure raccogliere tutte le 5 monete che compariranno a schermo dopo aver “attraversato” uno dei cerchi rossi presenti nei vari livelli. La modalità Sfide non si svolgerà in real-time ma ci ritroveremo a sfidare il record di un giocatore “fantasma” (che ad esempio ha giocato quel livello qualche giorno prima).

Per un giocatore occasionale tutta questa “carne al fuoco” potrebbe già bastare, ma sappiate che finora abbiamo appena scalfito la superficie del titolo in questione. Infatti, ora andremo ad analizzare tutte quelle meccaniche che abbiamo solamente abbozzato nei paragrafi precedenti.

Gli Elementi

elementiIn primis, è possibile ricostruire il proprio regno attraverso tre tipologie di Elementi: denominate dal gioco come Natura, Speciali, e Varie. La prima categoria, come suggerisce il nome, presenta svariati tipi di aiuole, funghi e alberi vari (tra i quali alcuni a forma di personaggi del gioco che abbiamo gradito particolarmente). Gli elementi di questa categoria tendono a costare poche monete e possono essere “piazzati” solamente negli “spazi verdi” del nostro mondo. La seconda categoria è composta da tutti quegli elementi fondamentali che sbloccheremo con l’avanzare dell’avventura e che ci aiuteranno molto nell’esperienza di gioco. Parliamo, ad esempio, delle case dei vari personaggi che, una volta posizionate nel nostro regno, ci consentiranno di giocare in nuove vesti oppure dei vari Ponti Arcobaleno indispensabili per sbloccare nuove zone del nostro mondo. Per sbloccare questi elementi bisogna disporre delle monete e del numero di Toad richiesti.

toadetteLa terza categoria, invece, è costituita da elementi che non hanno una vera e propria utilità se non quella meramente estetica. Qui troveremo, ad esempio, dei cannoni sparafuochi (che semplicemente rallegreranno per qualche secondo il nostro regno con dei piccoli spettacoli pirotecnici) oppure le case dei vari Toad (disponibili in colorazione Rossa, Blu, Verde, Viola e Gialla) che faranno arrivare questi personaggi nel nostro regno e li renderanno giocabili al posto di Mario. Ognuno di questi ultimi avrà delle proprie caratteristiche (ad esempio, Mario e Luigi possono ottenere una “seconda vita” trovando un fungo mentre gli altri possono ottenere più monete).

I Toad

toadA proposito dei Toad, essi sono una componente fondamentale in Super Mario Run. Infatti, saranno loro a far aumentare il livello del nostro castello e a farci sbloccare i vari elementi necessari per ampliare il nostro regno. Oltre a questo, una volta che avremo acquistato e posizionato nel regno le loro case, essi potranno “regalarci” qualche moneta extra giornaliera. E’ possibile aumentare il quantitativo dei Toad sfidando altri giocatori online nella modalità Sfide. Qui sarà possibile sia ottenere un discreto numero di questi personaggi in caso di vittoria che perderne altrettanti in caso di sconfitta.

I biglietti Sfida

biglietti sfidaLa suddetta modalità è accessibile solamente avendo a disposizione almeno un biglietto sfida. E’ possibile ottenerne giocando ai minigiochi giornalieri (attivabili acquistando i relativi elementi e posizionandoli nel nostro regno), trovandone nei blocchi speciali sparsi mondo, nella scatola dei regali, “acquistandoli” tramite i punti My Nintendo oppure completando i vari livelli della modalità Mondi.

I livelli dei nemici e gli errori degli avversari

giro dei mondiInoltre, nella modalità sfida sarà possibile ottenere dei vantaggi rispetto ai propri avversari semplicemente giocando più di loro. Infatti, a seconda di quante volte abbiamo sconfitto un determinato nemico, il suo “livello” salirà e ci verranno sempre più monete ogni volta che lo “uccideremo” nuovamente. Questa è una meccanica molto interessante che premia la “fedeltà” del giocatore. Oltre a questo, ogni volta che il nostro avversario perderà una “vita” lascerà a terra un discreto quantitativo di monete che potremo raccogliere. Qui viene invece premiata la bravura del giocatore. Sembrano meccaniche abbastanza scontate ma sono importantissime per creare un intenso coinvolgimento da parte del giocatore, pronto a sfruttare ogni minimo errore dell’avversario.

Le monete speciali (collezionabili)

Altra meccanica importante per tutti i giocatori più accaniti è sicuramente quella relativa alle monete “speciali” presenti in ogni livello. Inizialmente, troverete 3 monete rosa che saranno più difficili da prendere rispetto a quelle normali. Tuttavia, in questo punto la sfida non sarà molto difficile. Una volta raccolte in un solo tentativo tutte le 3 monete rosa presenti in un qualsiasi livello (ossia dopo aver eseguito quella che il gioco chiama Serie di monete), verrete ricompensati con un bonus di monete da spendere e sbloccherete le monete viola. Troverete 3 di queste ultime una volta riavviato il livello e saranno ancora più nascoste di quelle rosa. Dopo aver preso anche questa tipologia di monete, la sfida inizierà a farsi veramente ardua. Infatti, nel livello in questione compariranno 3 monete di “platino” che vi faranno “sputare sangue” per essere ottenute.

Ricompense

scatola dei regaliSuper Mario Run ci inviterà a ritornare ogni giorno tramite ricompense (come i biglietti sfida di cui parlavamo prima) accessibili tramite la scatola dei regali oppure con il proprio account My Nintendo dove sarà possibile sbloccare alcuni oggetti rari (come la statua d’oro di Bowser). Oltre a questo, ricordiamo la presenza dei minigiochi giornalieri (piuttosto monotoni a dir la verità) accessibili mediante alcuni elementi Speciali.

Sfide contro gli amici

sfide amiciL’ultima, ma non meno importante, possibilità è quella legata all’aggiunta dei propri amici e alle sfide che si possono eseguire contro questi ultimi. Tuttavia, non abbiamo trovato alcuna vera motivazione, se non il vantarsi con i propri amici, nel giocare queste ultime in quanto le monete e i Toad ottenuti non verranno salvati permanentemente. E’ comunque ottimo il fatto che la società di Kyoto abbia pensato anche a questa tipologia di competizione.

Come potete vedere, dunque, le meccaniche del titolo Nintendo sono molto più complesse e stratificate del previsto.

Musica

I motivi che accompagnano le nostre scorribande nel mondo di Super Mario Run sono perfetti e ci fanno immergere ancora di più nei variopinti mondi disponibili. Davvero, non si può dire davvero nulla a Nintendo sotto questo punto di vista.

Longevità

Ritornano qui i concetti di giocatore occasionale e non. Infatti, la longevità dipende molto da quello che l’utente desidera fare. Se quest’ultimo vuole solamente completare tutti i mondi e fare qualche sfida molto probabilmente la sua avventura nel regno di Super Mario Run si concluderà dopo 3-4 ore al massimo. Se, invece, si vogliono raccogliere tutte le monete speciali e sbloccare il possibile la quantità di ore cresce a dismisura. Stiamo parlando di non meno di 15 ore, una longevità più che buona per un titolo di questo tipo. Non è da sottovalutare, inoltre, il continuo supporto di Nintendo (ad esempio, sono stati aggiunti i Goomba d’oro con l’ultimo aggiornamento).

goomba d'oroQuestione prezzo

Gli utenti mobile sono sempre più abituati a giochi free-to-play oppure con il costo massimo di pochi euro. Per questo, la politica di Nintendo di attuare un prezzo di 9,99 euro per un titolo di questo tipo, nonostante la qualità, ci sembra abbastanza fuori luogo. E i risultati di vendita, purtroppo, ci danno ragione.

prezzo

Vi consigliamo di guardare anche la nostra videorecensione.

super mario run

PANORAMICA RECENSIONE
Gameplay
8.5
Modalità
8
Meccaniche di Gioco
9
Andrea Zanettin
Sono un ragazzo che segue con passione tutto ciò che riguarda la tecnologia. Sviluppo applicazioni per vari sistemi operativi (sia su ambiente desktop che mobile). Potete trovarmi su Twitter (@ZaneGEEK) e su Google+ (+AndreaZanettin)