[Video] Recensione Lenovo Moto Z: ecco perché è ancora un best buy

3

Abbiamo avuto modo di testare il Lenovo Moto Z, uno smartphone che spicca per prestazioni, materiali e modularità grazie ai Moto Mods. Uscito ormai da qualche mese, questo dispositivo rappresenta senza dubbio un best buy, (soprattutto considerando gli ultimi cali di prezzo): scopriamo insieme il motivo in questa recensione.

Dotazione

Lenovo ha deciso di uscire dall’attuale consuetudine offrendo al pubblico una dotazione di tutto rispetto. All’interno della confezione troviamo infatti:

  • Bumper trasparente rigido
  • La back cover Style Shell in tessuto
  • Un paio di cuffie auricolari stereo con jack da 3.5
  • Un adattatore 3,5mm-Type-C
  • Una spilletta per la rimozione del carrellino per la nano SIM
  • Un alimentatore con cavo integrato fast charge da 3Ah, 15 watt e 5 volt 

Proprio riguardo quest’ultimo punto, ci sarebbe piaciuto trovare anche un cavetto USB Type C, utile per lo scambio dati.

Materiali, Ergonomia ed Hardware

Il Moto Z fa del design sobrio e dei materiali pregiati i suoi punti di forza. Troviamo infatti un profilo in alluminio stondato, vetro Gorilla Glass 4 a protezione del display e un retro in metallo con inserti in vetro.

LenovoMotoZFoto3Così come per il Moto Z Play, lo spessore del dispositivo diminuisce sensibilmente senza la Style Shell (5.19 mm) ma ciò ne compromette l’ergonomia: per questo motivo, nel caso non utilizzaste i Moto Mods, consigliamo di tenerla sempre montata. Inoltre, riguardo quest’ultima, la Style Shell altro non è che una back cover realizzata in tessuto che andrà a coprire, tra le altre cose, i pin dedicati alla Moto Mods.

LenovoMotoZFoto2Per quanto riguarda l’ergonomia, nonostante il peso di 136 grammi si faccia sentire, riesce a creare allo stesso tempo una buona sensazione di solidità. Le dimensioni (153.3 x 75.3 x 5.19mm) sono giuste per uno smartphone con display da 5,5” e permettono una presa salda del dispositivo.

Per quanto riguarda l’hardware, nella parte anteriore, oltre al già citato display da 5.5 pollici, trova posto un sensore di impronte digitali che permette esclusivamente di bloccare o sbloccare il dispositivo: date le sue dimensioni, ci sarebbe piaciuta l’implementazione di qualche gesture. Sempre nella parte frontale troviamo una fotocamera frontale da 5 MP con flash LED, la capsula auricolare che funge anche da speaker, due microfoni e i vari sensori: tra questi ultimi troviamo anche due sensori ad infrarossi utilizzati per il rilevamento dei movimenti.

Sulla cornice destra troviamo i pulsanti dedicati alla regolazione del volume ed un pulsante zigrinato per l’accensione/spegnimento del dispositivo; vuoto invece il lato sinistro. La cornice superiore ospita un ulteriore microfono e il cassettino per le schede con una duplice funzione: Dual nano SIM o nano SIM + Micro SD fino a 2 TB. LenovoMotoZFoto5Nella parte inferiore è posta una porta USB Type C 3.0 per la ricarica ed il trasferimento di dati (è compresa la funzione OTG).

Arriviamo così alla prima pecca del device: manca la presenza del jack audio da 3.5. Per poter ascoltare della musica dovremo utilizzare per forza l’adattatore USB type C – Jack 3.5 o delle cuffie Bluetooth.

Nella parte posteriore troviamo un ulteriore microfono (per un totale di 4) e il sensore principale da 13 megapixel con apertura focale  f/1.8 e dimensione di pixel di 1.12 micrometri. La fotocamera è dotata inoltre di stabilizzatore ottico, messa a fuoco laser e doppio flash LED dual tone. Così come accadeva per il Moto Z Play, la fotocamera sporge notevolmente senza la back cover: motivo in più utilizzarla sempre.

LenovoMotoZFoto1Display

Il Moto Z ha un display Amoled da 5.5 pollici Quad HD (1440 x 2560) con densità di pixel di 535 ppi. Nonostante la tecnologia adottata la luminosità risulta molto buona anche sotto la luce diretta del sole.

LenovoMotoZFoto12 Grazie all’ottima definzione che rende invisibili i pixel all’occhio umano e alle dimensioni generose del display, è decisamente piacevole la fruizione di ogni contenuto multimediale. Ciò è dovuto anche al buon bilanciamento dei colori. Riguardo quest’ultimo aspetto troviamo due modalità differenti selezionabili dalle impostazioni: “Vivace” renderà i colori più contrastati e saturi mentre nella modalità “Standard” i colori vireranno al giallo.

LenovoMotoZFoto7

Software

Lenovo prosegue la tradizione Motorola proponendo una personalizzazione software ridotta al minimo. Come sistema operativo troviamo Android stock 7.0 Nougat mentre tra le app proprietarie troviamo Moto, con 3 sezioni al suo interno: Actions, Moto Voice e Moto Display (le stesse presenti sul Moto Z Play).

LenovoMotoZFoto15

Moto Actions ci permetterà di compiere determinate operazioni tramite gestures (ad esempio attivare la torcia tramite uno shake del dispositivo).

Moto Voice migliora le caratteristiche dell’assistente Google di default dando la possibilità all’utente di attivarlo con una hotword personalizzata (al posto del consueto “ok Google”). Inoltre potremo farci leggere il nome dei contatti che ci stanno chiamando o il testo dei messaggi in determinate occasioni.

Moto Display non è altro che l’ambient display già visto in altri telefoni. Nel caso passassimo una mano sopra al device, si attiverà il display in modalità monocromatica mostrandoci le ultime notifiche o l’orologio.

Tra le altre funzioni troviamo anche l’uso ad una mano: effettuando uno swipe dalla parte bassa dello schermo a destra o a sinistra, l’interfaccia si rimpicciolirà permettendoci di arrivare in ogni suo punto con il pollice. Premendo poi sulla parte nera, torneremo alla visualizzazione normale.

unamanoFotocamera

Il sensore fotografico principale è veramente ottimo riuscendo a catturare scatti definiti in ogni circostanza. Tra le modalità presenti troviamo il supporto all’HDR automatico, alle foto panoramiche e ai video al rallentatore fino a 120fps in HD.

Foto7Grazie allo stabilizzatore ottico e alla risoluzione fino a 4K, i video registrati dallo smartphone risultano eccellenti in condizioni di luce ottimali.

Per ulteriori informazioni circa la fotocamera vi consigliamo di dare uno sguardo al nostro video focus cliccando il bottone in basso.

Vai al Focus Fotocamera

Prestazioni

Il Moto Z è un fulmine in tutto ciò che fa. Grazie alla CPU Snapdragon 820, Quad core da 1.8 GHz con architettura a 64 bit, alla GPU Adreno 530 e alla memoria RAM da ben 4 GB, il telefono rimarrà fluido in ogni circostanza. Volendo sintetizzare, la sensazione che restituisce questo device è pari a quella di un Nexus garantendo un’esperienza utente veramente unica. 

Ottime anche le prestazioni per quanto riguarda il gaming: abbiamo provato i canonici Asphalt 8 e Real Racing e il dispositivo non ha accusato un colpo.

LenovoMotoZFoto8I Moto Mods

Una delle caratteristiche migliori di questo device è, come accennato precedentemente, la sua modularità. Grazie a delle particolari back cover magnetiche chiamate Moto Mods, saremo, ad esempio, in grado di trasformare il Moto Z in un mini proiettore, in uno speaker per ascoltare la nostra musica o estendere la sua autonomia aggiungendo un power pack.

Noi abbiamo avuto in prova due Moto Mods: Incipio offgrid power pack, che ci permetterà di estendere l’autonomia, e Jbl soundboost speaker. Abbiamo deciso però di realizzare un focus accurato per descrivere nel dettaglio il loro funzionamento.

Autonomia, Ricezione e Audio

Arriviamo all’unico vero punto dolente di questo dispositivo: l’autonomia. I suoi 2600mAh vi permetteranno di arrivare a sera con un uso moderato: nel caso in cui lo metteste troppo sotto stress, sarete infatti costretti a ricaricarlo nel corso della giornata. Anche se questo difetto potrebbe essere molto importante per alcuni, è anche vero che attraverso alcune accortezze sarà possibile non sentire (troppo) la mancanza di una batteria più capiente. Ricordiamo infatti che è possibile ricaricare il dispositivo tramite fast charge: ciò si traduce in un tempo di ricarica completa di circa 1 ora. Inoltre, acquistando la Moto Mods Incipio di cui vi abbiamo parlato sopra, potremo estendere ulteriormente la batteria (circa 22 ore in più) trovando però un compromesso con il peso totale del dispositivo: questa particolare Moto Mods farà aumentare il peso di 77g.

Ottima invece la ricezione e la parte telefonica che garantisce una ricezione impeccabile e un audio ottimo in chiamata. inotlre, lo switch tra i vari operatori in caso di roaming avviene sempre in maniera rapidissima. Ricezione ottima anche per quanto riguarda il WiFi grazie alle antenne MIMO e al supporto del protocollo ac.

La capsula auricolare oltre a svolgere bene il suo lavoro in chiamata, non si smentisce nemmeno quando viene utilizzata come speaker: la qualità dell’audio è ovviamente inferiore ad un dispositivo con altoparlanti stereo ma risulta comunque sufficiente alla fruizione di ogni contenuto multimediale.

Conclusioni

Il Moto Z è un dispositivo che ci ha sorpreso in maniera positiva. Ottimi materiali, fotocamera eccellente, prestazioni da top di gamma e, se questo non fosse già abbastanza, versatilità attraverso i Moto Mods. Se provenite da un dispositivo Nexus e siete amanti dell’esperienza Android Stock, non possiamo fare altro che consigliarvelo, soprattutto considerando le offerte che si trovano attualmente in rete.

Ora vi lasciamo alla nostra video recensione!
  • Luca

    Ti chiedo una domanda io ho acquistato moto z in Cina volevo sapere come si puole fare per avere l’aggiornamento di Android 7.0

    • Ci sono due strade:
      1) Aspetti l’aggiornamento ufficiale via OTA (over the air)
      2) Installi manualmente tutto.
      Se vuoi installare manualmente, devi prima accertarti del firmware installato sul tuo Moto Z (versione Europea, internazionale ecc ecc).
      A questo punto dovresti scaricare il pacchetto OTA per la tua versione e installarlo da recovery.

      • Luca

        Grazie mille .Adesso ci provo