Home Google Experience Google Translate è sempre più vicina alle traduzioni “umane”!

[NEWS] Google Translate è sempre più vicina alle traduzioni “umane”!

0

Google, tra i vari servizi presente nel suo parco app, ha sempre avuto un particolare affetto per la sua applicazione di traduzione delle lingue.
Tuttavia, nonostante questo affetto, Google veniva spesso “bullizzata”, nel magico mondo dell’Internet, per il pressapochismo e la scarsa presenza di situazioni umane, durante le traduzioni e nell’algoritmo stesso.

LEGGI ANCHE: GOOGLE BRAIN MIGLIORA LE FOTO IN STILE CSI!

Così come per Brain, anche Translate sta cercando la strada più vicina e meglio percorribile per arrivare, in tempi brevi, a traduzioni umane, per poter sfatare quel mito che vede Translate come un potenziale infinito ma non sfruttato.

Come potete vedere dalla GIF appena sotto, le differenze saranno davvero sostanziali, nella nuova traduzione. La notizia arriva direttamente da Barak Turovsky, Product Lead di Translate.

hindi translate

Si avrà, come potete notare, una traduzione più “genuina”, maggiormente applicabile nelle situazioni quotidiane e, infine, “umane”.

Ti ricordiamo che GExperience è l’unico sito ad avere un gruppo dedicato con i propri lettori. Se anche tu vuoi entrare a farne parte, vai su Telegram e cerca @gexperienceit o fai un tap sull’icona a sinistra (da smartphone).

Sì, perchè l’enorme problema era esattamente questo: Translate pensava come una macchina. Grazie all’utilizzo delle reti neurali, ora, possiamo vedere la differenza, ed arrivare sempre più vicini ad una realtà dove, le macchine, saranno sempre più umane. Con nostra somma gioia. E, per molti, terrore.

Credete che essere sempre più prossimi a “macchine umane” sia un vantaggio od un pericoloso esperimento? Fatecelo sapere con un commento! Non dimenticatevi di condividere l’articolo con i vostri amici e di seguirci sui nostri principali social network: FacebookTwitterGoogle+!

Stay pure, grow the Google Experience!

Sbanfio

FONTEOfficial Google Blog
Sbanfio
24 anni, parmigiano, studente di Scienze Politiche. Amo tutto ciò che è tecnologico e futuristico: Google ed i suoi progetti, Linux ed il suo formidabile kernel, gli OS "minori", ed infine i giovani che credono nei loro progetti e nel crowdfunding. Blogger, ma non solo: mi occupo anche delle questioni (più o meno) tecniche, di developing e di modding.