Home Downloads Stonex One torna in “vita”: ben tre custom ROM disponibili al download!

Stonex One torna in “vita”: ben tre custom ROM disponibili al download!

7
stonex one rom

Il mondo Android, a differenza di altri mercati, riesce ad offrire ai propri utenti un grado di personalizzazione di gran lunga superiore attraverso le custom ROM.

Ecco allora che negli anni la community del robottino verde è diventata sempre più numerosa e pullulante di persone con moltissima voglia di mettersi in gioco, anche gratuitamente. Questo è il vero punto di forza di Android.

E’ incredibile vedere il quantitativo di custom ROM attualmente disponibili e il numero di dispositivi coinvolti. Le grandi aziende sembrano averlo capito e c’è chi sembra affidarsi anche a questo fattore per vendere i propri dispositivi.

In secondo luogo, la community può “salvare” alcuni progetti “fallimentari” realizzandoli essa stessa come avrebbe voluto. L’argomento che andiamo a trattare oggi appartiene proprio a quest’ultima categoria.

Vi ricordate di Stonex One, il chiaccheratissimo smartphone sponsorizzato da Francesco Facchinetti la scorsa estate? Bene, proprio quando i fan del progetto sembravano aver perso ogni speranza ecco che subentra il lavoro della community, in particolare dell’utente Raw Main (che è anche un nostro lettore e ci ha fornito alcune informazioni utili alla stesura dell’articolo, ndr).

Infatti, il suddetto utente ha realizzato non una ma ben tre custom ROM per Stonex One, dando ancora speranza a quegli utenti che si sono sentiti “abbandonati” dalla società di Lissone. L’intento di base è quello di fornire agli utenti ROM alternative, che abbiano in primis l‘unica partizione utente app/dati e che consentano un’esperienza migliore rispetto all’unica ROM a partizione unica, che era stata disponibile finora.

Ma non è finita qui: Raw Main ha annunciato anche altre due ROM basate su Android 6.0 (AOSP) e Android 6.0.1 (CM13) che, però, sono ancora nella loro fase iniziale di sviluppo.

Andiamo ad analizzare il lavoro svolto da Raw nel dettaglio.

FuelOS 1.6.0.0

La prima custom ROM, pubblicata il 22 dicembre 2016, è basata su Android 5.1.1 Lollipop (FuelOS 1.6.0.0). Trovate qui sotto le sue caratteristiche.

Funzionalità

  • Supporto Multilingue
  • Google Apps
  • Partizione utente unica per dati/archivi & applicazioni
  • Custom Recovery TWRP 3.0.2
  • Predisposta per il root tramite SuperSU
  • Utilizzabile via cavo USB o WiFi con companion software FuelConnect Windows/Mac per file transfer & backup
  • Ricerca universale (richiamabile tramite doppio tap sul tasto Home)
  • Predisposto il supporto nativo Audio Viper (una volta rootato il dispositivo, è possibile attivare la procedura guidata per installazione Busybox e aggiornamento driver audio)
  • Funzione Echo per gestione alternativa segreteria telefonica
  • Funzione Retriever per sicurezza terminale (ved. controllo SIM inserite)

Funzioni disabilitate e piccole problematiche

  • Supporto Vibrazione dei tasti capacitivi (in seguito alla loro pressione a volte non partiva la vibrazione, altre partiva, ma non si arrestava…).
  • NFC
  • Supporto per Gestures a schermo spento, tra cui Wake-On (risveglio doppio-tap), dal momento che portavano a sblocchi indesiderati (ved. in tasca / borsa).
  • L’app fotocamera installata di sistema non gestisce correttamente i 21Mpx a 4:3 della fotocamera posteriore, per cui non ho abilitato tale modalità (si ferma a 15Mpx). Nessun problema per i 21Mpx invece con altre app fotocamera, che supportino tale risoluzione, quali anche la Google Camera allegata nel SD Pack.

Per scaricare la custom ROM FuelOS 1.6.0.0 per Stonex One e le istruzioni per il flash e la configurazione vi basterà utilizzare il bottone sottostante.

FUELOS 1.6.0.0 SU NEEDROM

FUELOS 1.6.0.0 SU MEGA

FlyMEOS 6.6.11.30

La seconda custom ROM, pubblicata il 23 dicembre 2016, è basata su Android 5.1 Lollipop (FlyMEOS 6.6.11.30). Trovate qui sotto le sue caratteristiche.

Funzionalità

  • Lingua Inglese – Italiano impostabile tramite MoreLocale 2 dopo Root
  • Google Framework / Services / Play Store installabile da App Store
  • Partizione utente unica per dati/archivi & applicazioni
  • Custom Recovery TWRP 3.0.2
  • Predisposta per il root tramite SuperSU
  • Supporto account e servizi FlyME/Meizu
  • Gestione avanzata permessi App
  • Scanner APK installati da fonti esterne

Funzioni disabilitate e piccole problematiche

  • Supporto Vibrazione dei tasti capacitivi (in seguito alla loro pressione a volte non partiva la vibrazione, altre partiva, ma non si arrestava…).
  • NFC
  • Supporto per Gestures a schermo spento, mentre sono attive quelle classiche FlyME a schermo acceso (e.g. scorrimento basso->alto per aprire multitasking e alto->basso per tendina notifiche).
  • Onde evitare artefatti grafici quando scorrete la tendina delle notifiche, andate in Settings \ Battery , selezionate Low Power Mode, disattivate Turn Off Network in Standby ed attivate tale modalità.
  • E’ stato mappato solo il tasto capacitivo Indietro con la rispettiva azione = mappando anche i tasti Home e Multitasking il sistema non rispondeva correttamente in seguito alla pressione. Andate in Settings \ Accessibility \ SmartTouch ed attivatelo. Quindi impostate un’azione per Back to Home Screen (per Multitasking è facoltativo, visto che funziona correttamente la relativa gesture FlyME a schermo acceso).

Per scaricare la custom ROM FlyMEOS 6.6.11.30 per Stonex One e le istruzioni per il flash e la configurazione vi basterà utilizzare il bottone sottostante.

FlyMEOS 6.6.11.30 SU NEEDROM

FlyMEOS 6.6.11.30 SU MEGA

PPOS 3.1.1

La terza custom ROM, pubblicata il 23 dicembre 2016, è basata su Android 5.1 Lollipop (PPOS 3.1.1). Trovate qui sotto le sue caratteristiche.

Funzionalità

  • Lingua Inglese – Italiano impostabile tramite MoreLocale 2 dopo Root
  • Partizione utente unica per dati/archivi & applicazioni
  • Custom Recovery TWRP 3.0.2
  • Predisposta per il root tramite SuperSU
  • Google Framework / Services / Play Store installabile da TWRP Recovery
  • Gestione avanzata permessi App

Funzioni disabilitate e piccole problematiche

  • Supporto Vibrazione dei tasti capacitivi (in seguito alla loro pressione a volte non partiva la vibrazione, altre partiva, ma non si arrestava…).
  • NFC
  • Supporto per Gestures a schermo spento, mentre sono attive quelle classiche FlyME a schermo acceso (e.g. scorrimento basso->alto per aprire multitasking e alto->basso per tendina notifiche).
  • Al primo avvio compaiono 2 avvisi in Cinese, ma è sufficiente cliccare sull’opzione a sinistra per chiuderli. Non verranno visualizzati successivamente. Comparirà quindi l’invito per la registrazione come utente VIP ai servizi PPTV, ma potete saltarla (funziona di base solo con numerazioni mobili cinesi – prefisso +86).

Per scaricare la custom ROM PPOS 3.1.1 per Stonex One e le istruzioni per il flash e la configurazione vi basterà utilizzare il bottone sottostante.

PPOS 3.1.1 SU NEEDROM

PPOS 3.1.1 SU MEGA

Un sentito grazie a Raw Main, realizzatore delle tre ROM

Un grazie va anche ad Andrea Conficoni che ha reso possibile lo sviluppo delle ROM prestando il suo Stonex One a Raw

Ti ricordiamo che GExperience è l’unico sito ad avere un gruppo dedicato con i propri lettori. Se anche tu vuoi entrare a farne parte, vai su Telegram e cerca @gexperienceit o fai un tap sull’icona a sinistra (da smartphone).

Non dimenticatevi di condividere l’articolo con i vostri amici e di seguirci sui nostri principali social network: FacebookTwitterGoogle+!

Stay pure, grow the Google Experience!

Andrea Zanettin

Andrea Zanettin
Sono un ragazzo che segue con passione tutto ciò che riguarda la tecnologia. Sviluppo applicazioni per vari sistemi operativi (sia su ambiente desktop che mobile). Potete trovarmi su Twitter (@ZaneGEEK) e su Google+ (+AndreaZanettin)
  • Raffaele Mauriello

    Era da un po’che non si sentiva parlare di questo device, sinceramente me lo ero anche dimenticato, bè, devo dire che qualcuno di buon cuore ha creduto ancora in questo device

  • Malca Gatto

    Tutto questo sforzo per parlare di un telefono morto e inutile

  • Android Root

    Cosa??? Doveva essere l’anti iphone, il macellatore degli altri device stando alle parole di un grande personaggio della tv e del mondo dello spettacolo, uno dei più grandi intenditori di tecnologia….un pagliaccio colossale. Tanto bravo che non lo caga nessuno.

  • carlo

    caio a tutti grazie a Raw e anche ad Andrea, vorrei sapere che differenza c’è tra le tre versioni. scusa te la mia ignoranza in materia ma vedo poche difefrenze. graziwe
    Carlo

    • Raw Main

      Ciao
      .
      Di base per tutte e 3 le custom ROM, rispetto alle ultime stock CiaoOS 1.06 e derivate 1.07/1.08 ci sono le seguenti differenze :
      .
      – Storage unificato per memoria interna (e vabbè, mi piace vincere facile…)
      – Gestione corretta luminosità senza dover più intervenire con ROOT sulla Thermal.conf + Greenify
      – Miglior gestione in standby senza bisogno di ROOT + Doze
      .
      In termini di consumi batteria durante sessioni attive ci sono dei leggeri miglioramenti, ma non potevo fare miracoli, mantenendo inalterate le impostazioni di risoluzione/DPI per il display.
      .
      .
      Vi è poi – seppur con differenze a seconda dell’abbinamento ROM / Camera App – una risposta migliore dei 2 sensori cam (non solo quello posteriore Sony 21Mpx IMX230), e la possibilità di usare anche lo slow-motion (seppur bene solo in condizioni di buona/alta luminosità).
      .
      Se l’intento base è quello di sostituire la ROM stock con una custom per un uso quotidiano, la FuelOS è la prima scelta per funzionalità/caratteristiche (e non a caso è ora la più “gettonata” dagli utenti) sebbene PPOS sia +/- analoga (ma richiede comunque 2 aggiustamenti post-installazione).
      .
      Con la FlyMEOS si ha l’esperienza d’uso riscontrabile con i dispositivi Meizu, ved. azioni back/home su tasto unico capacitivo e le relative gestures a schermo acceso.
      .
      Dal momento che richiede determinati aggiustamenti (4 fix post-installazione + root + Xposed + GravityBox) per essere completamente OK per uso quotidiano, richiede più tempo (circa 30 min.) rispetto alle altre per essere up&running.

      • Carlo Magiustrina Carzaniga

        grazie della veloce ed esauriente risposta! solo un’altra cosa (pazienta perfavore :D) come faccio ad installarle ? devo fare il root del telefono?
        grazie
        ah scordavo ma da meag cosa scarico esattamente? ci sono una marea di download? GRAZIE 🙁

        • Raw Main

          Ciao & Prego ;).
          .
          Le 3 custom rom sono complete & di tipo fastboot (non recovery) e – come indicato nelle istruzioni presenti per ciascuna – prevedono che venga comunque effettuato un format della memoria interna (bootloader escluso) prima di procedere al flash.
          .
          Questo significa che non serve effettuare particolari operazioni preliminari dalla rom stock CiaoOS in uso, a parte ovviamente il backup su SD / computer / cloud (e.g. Google Drive/Foto) dei dati/archivi contenuti nella memoria interna prima di procedere.
          .
          Per quanto riguarda i download dalla Main Repo su Mega, in primis vanno scaricate & lette attentamente una prima volta le istruzioni (file PDF LEGGIMI_ISTRUZIONI_*) da seguire successivamente, che sono presenti all’interno della sottocartella 99_ROM_L_* della ROM scelta ;).
          .
          Fatto questo, ci sono 2 possibilità :
          ==
          ———————————————————–
          (A). Scaricare un’apposita macchina/appliance virtuale in formato OVA da importare/usare con Virtualbox, che include già tutti i driver e programmi necessari + l’accesso alla Main Repo per scaricare pacchetti ROM + istruzioni flash.
          .
          E’ una soluzione comoda/utile sia per chi voglia procedere da MacOS o Linux sia per agevolare anche gli utenti con OS Windows. Le istruzioni per download e attivazione della VM sono presenti nel file PDF LEGGIMI_MACCHINA_VIRTUALE.
          .
          .
          (B). Scaricare & installare manualmente su OS Windows i driver e programmi richiesti. Viste le diverse versioni, nonché configurazioni possibili, ho inserito più pacchetti p.es. dei driver Mediatek VCOM, onde coprirle tutte.
          .
          Considerando versioni Windows recenti a 32/64 bit, l’approccio comune a tutte e 3 le ROM (indicato anche nelle rispettive istruzioni) prevede di base :
          .
          – 00_TOOLS = neanche l’intera cartella, da qui possono bastare i driver MTK (MTK_Signed_Drivers.zip o il pacchetto full MTK_USB_Drivers_Windows_ALL-zip) + ADB (universaladbdriver_v3.0.zip) + SP Flash Tool Windows + minimal_adb_fastboot.zip
          .
          – La cartella 01 contenente il pacchetto della custom ROM da flashare
          .
          – 02_IMEI_Restore = MAUI META + il file MDDB BPLGUI del L861.
          .
          – 03_SD_PACK = se si vuole procedere anche al root del terminale SuperSU-v2.78 e QuickReboot (serve per riavviare in recovery direttamente dal telefono dopo root).
          .
          Poi, a seconda delle ROM ci possono essere nella rispettiva sottocartella 03 altri file/archivi utili. Inoltre per la FuelOS è presente una cartella 04 contenente il software Fuel-PC Connect per Windows 32/64bit e MacOS, che serve per collegare il telefono e gestirlo (backup, esplorare contenuti, caricare file) da computer tramite USB o WiFi.
          ———————————————————–