[VIDEO] Recensione Pokémon GO: GE Games #32

0

Il marchio Pokémon, nel corso dell’ultimo ventennio, ha spopolato praticamente in ogni angolo del pianeta. Visto il vastissimo bacino d’utenza che Pikachu & Co. sono riusciti a conquistare Nintendo quest’anno ha deciso di fare un passo avanti entrando anche nel mercato delle app per smartphone.

La società di Kyoto ha infatti stretto degli accordi con Niantic Labs (start-up interna a Google già autrice del popolare Ingress) per la realizzazione di Pokémon GO: un titolo mobile che ci permette di catturare i mostriciattoli più famosi del mondo attraverso l’utilizzo della localizzazione GPS e della realtà aumentata.

Disclaimer

Pokémon Go è un titolo che, stando alle promesse degli sviluppatori, riceverà molti aggiornamenti con il passare del tempo. Non ci sentiamo, dunque, di esprimere ancora un giudizio poiché sarebbe inevitabilmente compromesso dai piccoli bug che ogni titolo giovane porta con sé. Sicuramente integreremo questa recensione con ulteriori informazioni e video in futuro. Il voto, dunque, arriverà non appena avremo testato a dovere anche le importanti novità in arrivo (come lo scambio di Pokémon o le sfide tra allenatori). Detto questo, oggi vogliamo proporvi una panoramica preliminare del gioco e delle sue meccaniche.

pokemon go rilascio globaleIn questi giorni ne abbiamo viste di tutti i colori: stazioni di polizia prese d’assalto dai giocatori perché pullulanti di Sandshrew da catturare, utenti che vengono quasi arrestati mentre catturano Onix e ladri che usano il titolo per prevedere i futuri spostamenti delle loro vittime. Eventi spiacevoli a parte, il gioco ha suscitato un interesse globale spingendo tantissime persone ad uscire di casa e, perché no, fare amicizia. Nonostante sia uscita la prima versione “beta” (non è ancora disponibile sul Play Store) pochi giorni fa, possiamo dire che Pokémon GO abbia già avuto un successo planetario. Ma bando alle ciance, andiamo ad analizzare il titolo di Niantic Labs.

Gameplay

recensione pokemon go
I Pokémon da catturare sono ben 250!

Il gameplay di Pokémon GO si basa sull’utilizzo della realtà aumentata (si può giocare anche senza se non avete un giroscopio) e della localizzazione GPS. Infatti, il titolo implementa una versione modificata di Google Maps per segnalarvi i luoghi (chiamati PokéStop) dove potrete ottenere degli oggetti utili per proseguire la vostra avventura. Dovrete dunque muovervi fisicamente tra le vie della vostra città per giocare.

Il GPS del vostro cellulare fornirà al gioco la vostra posizione e, una volta raggiunto un PokèStop, vi basterà trascinare il vostro dito sullo schermo per ottenere gli oggetti. I Pokémon, invece, appariranno sulla mappa mentre camminerete. Eseguendo un tap su di essi partirà la cattura. In questa fase sarete chiamati a lanciare le Pokéball a vostra disposizione con il giusto tempismo e la giusta mira. Una volta colpito il mostriciattolo in questione, esso verrà catturato e diverrà parte integrante della vostra “collezione”. Inoltre, il gioco salverà anche la posizione in cui lo avete catturato e vi mostrerà tutte le relative statistiche.

zubat pokemon goVi è inoltre la possibilità di attrarre i Pokémon selvatici (utilizzando l’oggetto aroma e stando attenti alla segnalazione in basso a destra sullo schermo dei Pokémon nei dintorni). Quando avrete raggiunto il livello 5, potrete tentare la conquista delle palestre e dovrete scegliere la vostra squadra. In base alla vostra scelta conquisterete le varie palestre a nome del vostro team. Per la conquista delle palestre il giocatore dovrà ponderare molto bene la scelta di ogni Pokémon in suo possesso, stando molto attento alle varie caratteristiche.

squadra pokemon go
Arrivati al livello 5 dovrete scegliere la squadra a cui unirvi.

Battle System

Per quanto riguarda la lotta vera e propria, il Pokémon avrà a disposizione un numero di mosse limitato da eseguire (solitamente 2) e la schivata. Potrete eseguire queste azioni semplicemente eseguendo un tap sul vostro schermo. Il battle system, dunque, è abbastanza risicato:  vogliamo tuttavia ricordare che stiamo parlando di un titolo mobile che deve fare dell’immediatezza uno dei suoi punti di forza. Non ci sentiamo, quindi, di inserire quest’ultima caratteristica tra i lati negativi.

menu pokemon go

Strumenti e microtransazioni

Il titolo dispone, ovviamente, del famosissimo Pokèdex che vi aiuterà ad accedere a tutte le informazioni di cui avete bisogno. Inoltre, potrete fare affidamento anche sugli strumenti. Questi ultimi sono suddivisi in categorie andando dalle indispensabili Pokèball fino ai tanto amati moduli esca. Gli strumenti possono essere acquistati tramite delle speciali monete (Pokèmonete) ottenibili semplicemente giocando oppure tramite delle microtransazioni. Quest’ultime, purtroppo, avvantaggiano molto il giocatore pagante. Se, ad esempio, un giocatore accanito decidesse di acquistare un gran numero di Pokèball e aromi, riuscirebbe facilmente a catturare una quantità spropositata di Pokèmon, anche restando comodamente seduto in casa. Ciò, ovviamente, andrebbe a snaturare l’essenza stessa del gioco.

negozio pokemon go
Il negozio presente in-game

Abbiamo trovato molto interessante la meccanica legata all’incubatrice che, così come accade nella realtà, permette alle uova di schiudersi. Questo processo risulta essere tutt’altro che facile: per ogni uovo dovrete camminare a lungo (da 2 a 10km per intenderci).

pidgeotto pokemon go
Il nostro Pidgey si è appena evoluto in un Pidgeotto!

Ovviamente, è possibile anche far evolvere i propri Pokèmon. Questo tramite l’utilizzo dell’oggetto polvere di stella e delle caramelle. Quest’ultime sono ottenibili ad ogni cattura oppure inviando al professore i mostriciattoli doppi.

Comparto grafico e ottimizzazione

comparto grafico pokemon go

Il comparto grafico di Pokémon Go è leggero e pulito. Le texture sono poco definite ma il titolo è pensato per poter girare anche su dispositivi di fascia medio-bassa. L’ottimizzazione grafica è buona: lo abbiamo testato anche su smartphone di alcuni anni fa e non abbiamo riscontrato alcun problema.

I problemi arrivano soprattutto dal fronte batteria e dati. Infatti, il titolo consuma moltissimo su entrambi i fronti (anche se questo potrebbe essere parzialmente risolto attivando l’opzione risparmio batteria dalle impostazioni e scaricando le mappe di Google Maps offline). Sicuramente questo è un problema da risolvere in future versioni.

Comparto sonoro

pokemon go niantic

Pokémon GO dispone di ottimi motivetti ed effetti sonori che vi accompagneranno dolcemente nelle vostre “scampagnate”. Quello che il giocatore vede a schermo è perfettamente in linea con il comparto sonoro. Questo rende il tutto molto più coerente ed entusiasmante.

Conclusioni

Pokémon GO è l’unione perfetta tra le meccaniche base dei titoli principali del brand e quelle esplorative di Ingress. La realtà virtuale aumenta moltissimo il coinvolgimento del giocatore e la cattura dei Pokémon si conferma ancora una volta divertentissima. Buono il comparto grafico. Ottimo il comparto sonoro. Peccato per le microtransazioni e il consumo eccessivo di batteria e dati. Niente che non sia risolvibile con futuri aggiornamenti. In definitiva, ci sentiamo di consigliare a tutti di provare questo titolo.

Come di consueto, vi lasciamo alla nostra video recensione. Buona visione!

Andrea Zanettin
Sono un ragazzo che segue con passione tutto ciò che riguarda la tecnologia. Sviluppo applicazioni per vari sistemi operativi (sia su ambiente desktop che mobile). Potete trovarmi su Twitter (@ZaneGEEK) e su Google+ (+AndreaZanettin)