Home Android Whatsapp vs. Telegram : la guerra continua

Whatsapp vs. Telegram : la guerra continua

Scopri tutte le novità in questo nuovo articolo

0

E’ di pochi giorni fa la notizia riguardo il blocco dei link di telegram da parte di Whatsapp. Oggi la guerra continua tanto che Facebook ha rimosso senza apparente motivo l’intera pagina ufficiale dell’avversaria . Un fastidioso bug anche questa volta? Non credo.

 

LA STORIA:

WhatsApp fu creata nel 2009 da Jan Koum e da Brian Acton, due ex-impiegati della società informatica Yahoo!. Il nome deriva dall’unione dell’espressione inglese What’s up, che significa Come va?, e App, ovvero applicazione. Inizialmente l’applicazione fu sviluppata solamente per iOS, per poi essere diffusa negli anni seguenti su tutti i principali sistemi operativi per smartphone, compreso BlackBarry e Symbian.

Telegram invece è stata fondata nel 2013 dai fratelli Nikolai e Pavel Durov, i fondatori del social network russo VK. Telegram, a differenza di WhatsApp è un’organizzazione non a scopo di lucro.

 

[showad block=15]

 

19 FEBBRAIO 2014:

Il 19 febbraio 2014 WhatsApp venne acquistata da Mark Zuckemberg per 19 milioni di Dollari e pochi giorni dopo, il 24 febbraio Telegram rilasciò un importante aggiornamento, pronta a far rivalità all’applicazione ormai Proprietà di Facebook.

Pensavamo fosse tutto passato ed invece Facebook è tornata all’attacco rimuovendo i link di Telegram cliccabili dalla sua applicazione con la scusa di un piccolo bug.

 

telegram-whatsapp

 

Eh si, scusa. Possiamo usare con certezza questa parola, perché ieri anche la pagina ufficiale Telegram è stata rimossa dal popolare Social Network senza apparente motivo e senza dichiarare nulla a tutte le testate che si sono, come noi, domandate il perché.

Non ci resta che seguire con attenzione ed interesse l’evolversi della situazione.

Che app preferite? La popolarità di Whatsapp o la completezza di Telegram?

Fatecelo sapere nei commenti!

Se vi va commentate e non dimenticate di condividere l’articolo con i vostri amici e di lasciare un “mi piace” sull’articolo e sui nostri social network: FacebookTwitterGoogle+ e TSU!

Luca Bordignon

FONTEneurogadget
Luca Bordignon
Mi piace smanettare con il mio Android, ma scrivere articoli condividendo questa passione con piú persone è ancora meglio ;)