[Rubrica] GE Games #27: Scribblenauts Remix

0

Noi di gexperience.it ci dilettiamo a consumare i pochi mega che le compagnie telefoniche ci mettono a disposizione per riempire i nostri costosi dispositivi Android (che compriamo solo perché Android fa “alternativo”) con applicazioni che ci aiutano a sprecare le camionate di tempo libero che abbiamo. Tra queste ne abbiamo trovata una piuttosto piacevole, tale Scribblenauts Remix, e dato che ci è piaciuta proprio un botto, in questa puntata di GE Games abbiamo deciso di recensirla tanto per bruciare i residui di tempo libero che questo gioco non ci ha portato via.

scribblenauts remix 7

Thug life – Dio in spiaggia con gli occhiali da sole ed una pistola. Serve altro?

Gameplay

Scribblenauts Remix si presenta come un puzzle game, ma lo è solo sulla carta: è capace di unire perfettamente anche elementi tipici di un’avventura grafica, e come nello screenshot sopra, ci riesce da letteralmente da Dio.

Lo scopo del gioco è semplice: ci vengono proposte delle quest da portare a termine, in qualsiasi modo possa venirci in mente. Il nostro avatar si muove all’interno di un mondo 2D che può plasmare: ci viene infatti messo a disposizione un blocco note capace di creare tutto quello che scriviamo, con pochissime limitazioni limitate a sessualità, violenza, volgarità, ecc.

Per esempio, ecco a voi un “Flying friendly trex”.

scribblenauts remix 1

Scrivendo questo nel blocco note (l’icona in alto a destra) verrà generato un t-rex dotato di ali e che saremo capaci di cavalcare, dato che abbiamo incluso l’aggettivo “friendly”, amichevole. Se tale aggettivo non sarà incluso il t-rex sarà aggressivo e ci attaccherà fino ad ucciderci.

Le possibilità sono infinite: cavalieri che sputano ghiaccio, lavagne gialle, orsi romantici, Cesare e Cleopatra; possiamo creare tutto quello che ci viene in mente.

Questo viene speso nelle (poche) quest che dovremo affrontare: decorare una scuola, abbattere un albero, popolare il set di un film horror, aiutare un cavaliere ad attraversare un lago. E come detto prima le possibilità sono infinite: per esempio, per abbattere un albero possiamo si creare un’accetta e abbatterlo semplicemente, ma potremo anche creare un drago sputafuoco che lo incenerisca. Nello screenshot sotto, ecco il cavaliere di prima che attraversa il lago con l’aiuto di un jetpack (quando San Andreas insegna).

scribblenauts remix 5

Come accennato prima, però, le missioni che dovremo affrontare sono davvero poche: ulteriori missioni possono essere acquistate separatamente e, considerato anche l’iniziale costo del gioco (0.72€ nel Play Store) questo ha inciso sulla valutazione.

scribblenauts remix 3

In compenso l’integrazione perfetta con Play Games sblocca tutta una serie di obiettivi e sfide divertentissime, che contribuiscono ad allungare la già epica longevità. Davvero un must.

Comparto grafico

La grafica cartoonesca che caratterizza Scribblenauts Remix è perfetta: velando di innocenza l’intrinseca perversione che questo gioco cela in risultato non può che essere vincente.

scribblenauts remix 2

Le ambientazioni in cui andremo a giocare e a completare le sfide sono moltissime e coloratissime: una galera, una spiaggia, un paesaggio innevato, un prato…

Anche la realizzazione dei personaggi e delle creature creabili è curiosa: questi infatti sono composti come se fossero delle marionette, accentuando la sensazione che siano effettivamente nostre creature.

Peccato solo per una cosa: la risoluzione. Utilizzando uno schermo in full HD come nel Nexus 5 di prova, si intravedono i pixel dei bordi. Ora, non è possibile pretendere qualsiasi forma di anti aliasing o simili, ma un minimo…

Comparto audio

L’audio è il più lacunoso tra i comparti che in questa recensione andiamo a trattare: Scribblenauts Remix infatti non integra alcun tipo di effetto audio: passi, cose che cadono, strumenti che suonano, tutto completamente privo di analogo effetto audio. Le uniche cose che godono di tali effetti sono le esplosioni, e in modo piuttosto carente.

La colonna sonora è poi ripetitiva fino alla nausea: sempre il solito motivetto (che almeno è simpatico), nonostante ambientazione o missione. Un po’ triste.

PANORAMICA RECENSIONE
Gameplay
8
Comparto grafico
8
Comparto audio
6
Mirco Gatto
Sono un diplomato all'Istituto tecnico informatico. Orgoglioso (fin troppo) PC gamer e dilettante scrittore, nonché grande amante della musica e della grammatica. Sostengo lo sviluppo e l'ideale del software libero, in qualsiasi forma.